martedi` 03 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Talal al-Hariri: in esilio nel Kurdistan tenta di cambiare l’Iraq 08/07/2021
Talal al-Hariri: in esilio nel Kurdistan tenta di cambiare l’Iraq
Analisi di Giovanni Quer

Threats forced this Iraqi politician into exile – but he's still calling  for ties with Israel - Iraq - Haaretz.com
Talal al-Hariri

In Iraq chi tenta di cambiare il Paese non ha vita facile e spesso la vita la perde. Proprio l’anno scorso era stato assassinato Hishem al-Hishami, analista e attivista anti-iraniano. Le proteste che sono iniziate nell’ottobre 2019 contro il governo e la presenza iraniana hanno dato luce a vari partiti politici che concorreranno per le elezioni il prossimo ottobre. Tra questi, anche il Movimento 25 ottobre, fondato da Talal al-Hariri nell’ottobre del 2020, lui stesso dimostrante che spera di cambiare l’Iraq in un stato moderno, liberale, prospero e alleato di Israele. Dopo un periodo di minacce, è scappato a Erbil, la capitale del Kurdistan iracheno, dove i dispersi e i rifugiati si ricostruiscono un futuro con stabilità economica, infrastrutture, sistema educativo e soprattutto senza violenza settaria. Talal al-Hariri ha ricevuto a gennaio l’autorizzazione dello Stato per poter partecipare alle elezioni. La sua agenda politica è molto chiara, riforme e liberismo economico, ed anche parla liberamente di uno dei più grandi tabù nel mondo arabo: la normalizzazione con Israele. Al-Hariri sostiene che Israele e Iraq dovrebbero stabilire rapporti diplomatici ed anche promuove le riparazioni e il diritto al ritorno degli ebrei che hanno progressivamente lasciato il Paese dopo la creazione dello Stato di Israele. Altro argomento tabù toccato da al-Hariri è la piena eguaglianza tra uomini e donne e i diritti LGBT. La pagina Facebook del Movimento 25 ottobre promuove l’agenda politica del partito e serve come piattaforma per dirette accuse all’Iran, all’ingerenza nella politica irachena e ai crimini commessi dalle milizie che Teheran finanzia. Sono questi gli argomenti che molti altri attivisti e critici del governo e della politica del regime iraniano hanno toccato nelle reti sociali, per esser sottoposti a minacce, maltrattamenti, attacchi personali e anche all’assassinio politico. Altre personalità politiche in Iraq lo criticano per le sue posizioni su Israele, mentre appoggiano l’idea di un futuro Iraq laico, indipendente e moderno. Voci che vengono dalla strada, dai manifestanti che spinti dalla mancanza di cibo, acqua corrente e elettricità si sono messi a dimostrare contro la corruzione dell’attuale regime e contro la morsa iraniana. Voci che si sono fatte politica e che testimoniano ora una volontà di cambiamento. Più di 60 sono i nuovi partiti, in pochi ce la faranno al Parlamento, ma ognuno è la prova che un nuovo Iraq non è forse solo una speranza.


Giovanni Quer (1983), ricercatore presso il Centro Kantor per lo studio dell'Ebraismo Europeo Contemporaneo e dell'antisemitismo, Università di Tel Aviv.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT