giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Ragione Rassegna Stampa
04.11.2021 I Paesi del Golfo tagliano le relazioni con il Libano
Commento di Anna Mahjar-Barducci

Testata:La Ragione
Autore: Anna Mahjar-Barducci
Titolo: «I Paesi del Golfo tagliano le relazioni con il Libano»
Riprendiamo dalla RAGIONE di oggi, 04/11/2021, a pag. 5, l'analisi di Anna Mahjar-Barducci dal titolo "I Paesi del Golfo tagliano le relazioni con il Libano".

La mia scuola è il mondo. Intervista a Anna Mahjar-Barducci
Anna Mahjar-Barducci

L'implosione del Libano | ISPI
Beirut

Gerusalemme — I Paesi del Golfo non vogliono più avere a che fare con il Libano. Recentemente, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Kuwait e Bahrain hanno espulso i rappresentanti diplomatici libanesi dalle loro rispettive capitali e ritirato i propri ambasciatori da Beirut. Inoltre, ai cittadini dei quattro Paesi del Golfo è stato richiesto di lasciare il Libano entro 48 ore per motivi di sicurezza. I voli verso Beirut da Arabia Saudita, Emirati Arabi, Kuwait e Bahrain sono intanto stati bloccati così come tutti gli scambi commerciali con il Paese dei cedri. Ormai dal 7 maggio 2008 — data che segna il momento in cui il movimento sciita Hezbollah (longa manus dell'Iran) ha dimostrato con azioni di forza ai partiti sunniti di essere l'unico governatore del Paese — le relazioni tra il Libano e i Paesi del Golfo sono in crisi. Gli anni Ottanta e Novanta, periodo in cui i sauditi investivano massicciamente nel settore edilizio a Beirut, facendola diventare la Parigi del Medio Oriente, sono soltanto un ricordo. I Paesi del Golfo hanno infatti deciso di abbandonare il Libano, perché considerato de facto una `colonia iraniana'. La goccia a far traboccare il vaso è stata una dichiarazione di George Kurdahi, attuale ministro libanese dell'Informazione, durante una trasmissione dell'emittente qatarina AlJazeera. Durante il programma Kurdahi aveva sostenuto che il movimento sciita Houthi, a sua volta longa manus dell'Iran in Yemen, ha il diritto di «difendere la propria terra», giustificando inoltre gli attacchi con droni da parte del gruppo contro l'Arabia Saudita. L'intervista è stata registrata lo scorso agosto ma Al-Jazeera l'ha postata online soltanto il 25 ottobre, un mese dopo la recente nomina a ministro di Kurdahi, noto presentatore televisivo di fede cristiana, conosciuto soprattutto per aver condotto la versione araba di "Chi vuol essere milionario?" e membro del partito maronita Marada, alleato di Hezbollah. Le affermazioni di Kurdahi sono state condannate non solo nei Paesi del Golfo ma anche in Libano. Il leader druso Walid Jumblatt, a capo del Partito Socialista Progressista, ha twittato: «Basta con i disastri... questo ministro [ovvero Kurdahi, ndr.], che distruggerà le nostre relazioni con i Paesi del Golfo, deve essere mandato via, prima che sia troppo tardi». Il Gran Mufti del Libano, Abdellatif Derian, ha poi dichiarato: «Condanniamo, denunciamo e deploriamo ogni offesa contro gli Stati del Golfo arabo». Il ministro libanese dell'Interno Bassam Mawlawi e l'ex presidente Michel Sleiman hanno inoltre ribadito la necessità per il loro Paese di mantenere buone relazioni con l'Arabia Saudita e il Consiglio di cooperazione del Golfo. Il danno però sembra essere irrimediabile. Gli Emirati Arabi stanno addirittura vendendo la propria ambasciata a Beirut. Per i Paesi del Golfo, il Libano è ormai territorio di Hezbollah e quindi sotto l'influenza del nemico Iran. Il noto docente universitario emiratino Abdul Khaleq Abdullah ha scritto su Twitter: «Vorremmo stabilire delle relazioni con il Libano, non con il governo del partito iraniano in Libano. Il nostro messaggio è chiaro. Non c'è ritorno in Libano, sotto il controllo di un partito iraniano che ha preso in ostaggio la sovranità di un popolo».




Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT