lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
14.03.2022 La sfida di Bennett e la partita in Medioriente. Così Israele diventa protagonista nella crisi Ucraina
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 14 marzo 2022
Pagina: 4
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La sfida di Bennett e la partita in Medioriente. Così Israele diventa protagonista nella crisi»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 14/03/2022,  a pag. 4, l'analisi di Fiamma Nirenstein dal titolo "La sfida di Bennett e la partita in Medioriente. Così Israele diventa protagonista nella crisi".

A destra: un eroe (Volodymyr Zelensky secondo Dry Bones)

Mo, Nirenstein:

Fiamma Nirenstein

Se Putin e Zelensky atterreranno a breve a Gerusalemme per discutere di pace è assai incerto, e somiglia di più alla speranza di un miracolo che a una previsione politica: ma di sicuro, ambedue i leader hanno parlato con Naftali Bennett con inaspettata frequenza e in un modo o nell'altro fino a ieri la presenza del piccolo Stato Ebraico nella discussione globale sulla questione più drammatica del mondo, è cresciuta. Si possono considerare le quattro telefonate con Zelensky e le due conversazioni con Putin stesso il seguito dell'incontro del 5 marzo, quando Bennett è volato fra molte sopracciglia alzate a incontrare a Mosca lo zar in guerra. Poi, ieri ancora uno scambio di idee. Zelensky stesso spiega: "Ho detto a Bennett che al momento non è costruttivo parlarsi in Russia, Ucraina o in Bielorussia. Se considero Israele, e in particolare Gerusalemme, un posto adatto? La risposta è sì". Perché? le risposte di Zelensky, sempre memori del riferimento alla sua appartenenza ebraica parlano di "tradizione e storia comune".

Naftali Bennett - Wikipedia
Naftali Bennett

Ma è vero: sono circa mezzo milione qui gli israeliani di discendenza ucraina, un milione i russi immigrati negli anni '90. Fino ad ora erano sposati felicemente fra di loro, parlavano un po’ russo e un po’ ucraino e mangiavano borsch a casa loro. Ora, alcuni in casa parlano solo ucraino anche se la moglie è russa, per solidarietà con Zelensky. Golda Meir e Zeev Jabotinsky erano ucraini, Chaim Weizmann, primo presidente, russo... Gli ucraini, dall'inizio della guerra, hanno insistito perchè Israele mandasse armi e condannasse a piena voce: invece mentre il cuore popolare batteva all'unisono con Zelensky con tutta la stampa, le tv, i social, il governo ha scelto accoglienza,(ci si aspetta qui un'ondata di decine di migliaia di rifugiati e da ieri saranno ammessi tutti quelli che qui hanno qualche famiglia, anche non ebrei, e questa non è l'Europa, è un Paesino di nove milioni di abitanti), enorme sforzo di assistenza in loco con ospedali da campo e salvataggi difficili di orfani, donne, vecchi. L'ambasciatore ucraino, forse ignorando Zelensky, ha seguitato a chiedere che Israele si affiancasse nella lotta armata. Ma la Russia occupa la Siria con Assad, Iran e Hezbollah, e se Israele vuole seguitare a bloccare e eliminare i terroristi, le fabbriche e i trasporti d'armi, deve conservare l'indifferenza Russa, e non vedersi abbattere gli F 15 all'opera. L'equilibrio però non ha lasciato posto al dubbio politico: Bennett, Lapid hanno ripetuto la scelta per la libertà e la democrazia, hanno condannato l'invasione, si impegnano in aiuti che migliorano ogni giorno, si dice che forniscano anche armi da tempo... Qualcuno ha scritto che Bennett vuol convincere Zelensky ad arrendersi, ovvero a accettare la rinuncia al Donbass, la semidemilitarizzazione, la neutralità. Bennett ha risposto infuriato, negando del tutto. E in realtà, un piccolo popolo come quello israeliano tutto impegnato nella difesa della propria democrazia ormai da 80 anni, non può che essere anima e corpo con Zelensky.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT