giovedi` 30 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
08.05.2010 Salone del Libro: boicottare Israele
Vattimo ci riprova

Testata: Il Giornale
Data: 08 maggio 2010
Pagina: 31
Autore: La redazione
Titolo: «E a Torino Vattimo vuole ancora boicottare Israele»
Non pago della pubblicità ottenuta due anni fa quando si mise a capo degli odiatori di Israele nel tentativo, miseramente naufragato, di boicottare la presenza di Israele al Salone del Libro di Torino, Gianni Vattimo ci riprova.
Ecco una breve da IL GIORNALE di oggi, 08/05/2010, a pag. 31, dal titolo: "E a Torino Vattimo vuole ancora boicottare Israele".



Salone del Libro                   Amos Oz                           Chi sarà...?


Ancora una volta il Salone del Libro, dopo le polemiche del 2008, quando Israele fu il paese ospite, è al centro degli attacchi di intellettuali, come il filosofo Gianni Vattimo, che si riconoscono nell’Ism (International Solidarity Movement Palestinese) e nella sua campagna di boicottaggio culturale di Israele. In particolare è nel mirino dell’Ism la nomina, tra i tre finalisti del nuovo Premio Salone Internazionale del Libro, dello scrittore israeliano Amos Oz. Scrittore, secondo gli organizzatori della protesta, «vicino al potere e mirato ad avvallarne le politiche violente e razziste nei confronti di tutto ciò che non è ebreo». «Certo non vogliamo la distruzione di Israele, ma della struttura del suo governo», dice Vattimo. Nessuno all’Ism sembra però ricordare che Amos Oz è stato tra i primi in Israele a schierarsi a favore della creazione di uno stato palestinese.
 
Per inviare la propria opinione a il Giornale, cliccare sulla e-mail sottostante.

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT