domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
30.04.2022 La Brigata ebraica, gli odiatori e la legge
Commento di Maurizio Crippa

Testata: Il Foglio
Data: 30 aprile 2022
Pagina: 1
Autore: Maurizio Crippa
Titolo: «Brigata ebraica, tiè!»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 30/04/2022, a pag.2, con il titolo "Brigata ebraica, tiè!", il commento di Maurizio Crippa.

Immagine correlata
Maurizio Crippa

Il 25 aprile e l'ipocrisia della “Brigata ebraica” - Senza Tregua

Il 25 aprile di ogni anno si ricorda la Liberazione dal nazifascismo-che fu tra le altre cose responsabile dello sterminio degli ebrei - ottenuta col sacrificio dei partigiani (quelli veri, no Anpi postuma), supportati alla grande dai soldati Alleati e a fianco dei quali combatté eroicamente anche la Brigata ebraica. La festa è in modo particolare loro: furono gli ebrei a pagare il prezzo più alto al nazifascismo. Ma ogni anno, a Milano, la Brigata ebraica viene insultata, fischiata, riceve minacce. Sembra assurdo, e invece no: è perfettamente lecito e legale. Lo ha stabilito (ieri le motivazioni) un tribunale di Milano che doveva giudicare quattro facinorosi dell'area antagonista che nel 2018, al passaggio della Brigata, avevano mimato il gesto del mitra, e di sgozzare, e gridato altre porcate. Il giudice ha stabilito che "i gesti contestati non erano minacce ma mimavano le azioni militari di Israele".

Brigata Ebraica - Home | Facebook

Cosa c'entrino cittadini italiani con Israele, ce lo faremo spiegare da qualche genio tipo Santoro. Mentre l'aggravante dell'odio razziale è così palese che la capirebbe pure Pagliarulo: ma non il giudice, che l'ha negata. Meglio un reo assolto che un innocente condannato, sì. Però siccome le sentenze fanno mentalità, ecco: fischiare gli ebrei che combatterono Hitler non è reato.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT