sabato 13 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
05.10.2010 Che significato ha il viaggio di Ahmadinejad in Libano
Commento di Carlo Panella

Testata: Il Foglio
Data: 05 ottobre 2010
Pagina: 7
Autore: Carlo Panella
Titolo: «Il viaggio-provocazione da Teheran al confine con Israele»

Riportiamo dal FOGLIO di oggi, 05/10/2010, a pag. III, l'articolo di Carlo Panella dal titolo " Il viaggio-provocazione da Teheran al confine con Israele ".


Ahmadinejad, Al Assad, Nasrallah, Carlo Panella

Roma. “Il Libano meridionale è il confine dell’Iran con Israele”: con la sua solita chiarezza Mahmoud Ahmadinejad ha spiegato con quali intenzioni il 13 ottobre si recherà in visita nel paese dei cedri e – secondo quanto anticipato da alcuni quotidiani arabi – si recherà alla porta di Fatima a ridosso del confine di Israele e lancerà dei sassi simbolici contro “l’entità sionista”. L’evidente volontà iraniana di usare di questo viaggio per marcare un altro passo in una escalation che lascia presagire provocazioni militari dal Libano, per bloccare le trattative tra Bibi Netanyahu e Abu Mazen, è poi rimarcata dalla decisione di Ahmadinejad di compiere questo viaggio a fianco dello sceicco Nasrallah, leader di Hezbollah. Nasrallah – il punto è di importanza focale – definisce la sua carica quale “rappresentante in Libano della guida della rivoluzione, l’ayatollah Ali Khamenei”, con un esplicito riferimento alla funzione di Hezbollah quale membro della “Internazionale sciita” che ha il fine di esportare la rivoluzione iraniana nella ummah.
Ahmadinejad intende rendere evidente che ormai il Libano meridionale è una “provincia iraniana” affacciata sul Mediterraneo (così come lo è la Gaza di Hamas), in piena sintonia con la Siria di Bashar al Assad. Una ulteriore minaccia contro Israele, dunque, ma anche contro un’Europa che continua a illudersi sulla possibilità di staccare la Siria dall’Iran e che mantiene (in primis Francia e Italia) nel sud del Libano, in questa rivendicata “provincia di Teheran”, un corpo di spedizione militare sotto le insegne di Unifil che rispondeva ad un obiettivo ormai completamente fallito, a causa della esplicita volontà del governo e e dell’esercito libanesi di rafforzare, anziché disarmare (come pretendeva la risoluzione Onu 1701 del 2006) l’armamento di Hezbollah.
La strategia provocatoria che informa il viaggio libanese del presidente iraniano è rafforzata dall’esito del viaggio di Bashar al Assad a Teheran di sabato scorso. Il presidente siriano ha avuto lunghi incontri con Ahmadinejad e con Khamenei, al termine dei quali non solo ha ribadito il rafforzamento dell’“Asse di Ferro” tra Teheran e Damasco, ma ha addirittura (e non è la prima volta) dileggiato Barack Obama, che ha accusato di avere voluto l’avvio dei colloqui di pace israelo-palestinesi solo allo scopo di meglio affrontare le elezioni di mid-term: “Non vi è nessun progresso nei negoziati di pace che comunque hanno la sola funzione di rafforzare il sostegno per il presidente Obama all’interno degli Stati Uniti”. Da parte sua, l’ayatollah Khamenei, a fianco di un Assad perfettamente concorde, ha per l’ennesima volta segnalato il fallimento della strategia di Obama (e dei paesi europei, Francia in testa) di creare una frattura tra Siria e Iran: “Gli Stati Uniti falliranno nei loro tentativi di rompere l’asse della resistenza in medio oriente tra Iran e Siria”.
L’incontro si è concluso con una cerimonia in diretta televisiva per il conferimento ad Assad della più importante medaglia d’onore “in segno di apprezzamento e gratitudine per il sostegno alla resistenza da parte della Siria che contrasta le minacce del regime sionista”. In questo contesto oltranzista va inquadrata anche la mossa decisa ieri da Assad al suo rientro a Damasco: l’emissione di 33 ordini di cattura per falsa testimonianza contro 33 persone accusate di avere mentito circa le complicità siriane nell’attentato in cui fu ucciso il 14 febbraio 2005 a Beirut l’ex premier Rafiq Hariri. Tra questi – la provocazione contro l’Onu è clamorosa- anche il procuratore della commissione Onu che conduceva quelle indagini, Detlev Mehlis.

Per inviare la propria opinione al Foglio, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT