sabato 02 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
28.06.2021 Da Israele l'arma del futuro: il laser contro i droni
Commento di Fabio Scuto

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 28 giugno 2021
Pagina: 15
Autore: Fabio Scuto
Titolo: «Un laser contro i droni, è questa l'arma del futuro»
Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 28/06/2021, a pag.15 con il titolo "Un laser contro i droni, è questa l'arma del futuro", l'articolo di Fabio Scuto.

Immagine correlata

Fabio Scuto

Elbit Systems - International Defense Electronics Company

Primi test con successo in Israele per un innovativo sistema laser aereo in grado di distruggere l'aviazione più letale di questi anni a basso costo: i droni. Come parte dei test, il laser ha colpito diversi velivoli senza equipaggio che volavano a varie altitudini e distanze diverse. Il sistema è stato sviluppato da Ebit Systems e i test sono stati eseguiti in coordinamento con l'IAF e l'Amministrazione per lo sviluppo delle armi e le infrastrutture tecnologiche del ministero della Difesa (MAFAT). La guerra in Libano del 2006 portò allo sviluppo tecnologico che pochi anni dopo diede vita all'Iron Dome, il sistema antimissile particolarmente efficiente ma che ha un costo elevato (50.000 dollari ogni colpo). Di qui l'esigenza di trovare un sistema alternativo e a un costo minore. Il progetto prevede un laser aereo, sviluppato dalla Elbit per i droni, e un laser terrestre sviluppato dalla Rafael Advanced Weapons Systems per i missili.

Elbit Systems wins $73 million defence contract from Germany's Diehl |  Euronews

L'intercettazione utilizzando un sistema laser aereo ad alta potenza presenta molti vantaggi, oltre al risparmio, la capacità di intercettare minacce provenienti da lunghe distanze, operando a grandi altitudini senza restrizioni legate a condizioni meteorologiche, fornendo così una zona protetta su vaste aree. Secondo il capo del MAFAT, il generale Yaniv Rotem, il completamento dei prototipi richiederà tre-quattro anni, e spera che per allora possa essere implementato il primo sistema per la difesa delle comunità vicine al confine di Gaza, le più bersagliate dai missili di Hamas. Il sistema, ha spiegato Rotem, è completamente automatizzato: "È un sistema ottico molto avanzato, con capacità di monitoraggio e intelligenza artificiale. Non appena un bersaglio si sposta in un'area di interesse, il sistema lo aggancia. Questo sistema sarà montato su aerei. In seguito, riducendo le sue dimensioni, potrebbe essere montato anche su altre piattaforme, cioè su basi mobili a terra I droni, ha aggiunto Rotem, restano l'obiettivo principale mai laser potranno intercettare anche missili in arrivo da Paesi nemici come l'Iran, "il nostro obiettivo è che il sistema abbia la capacità di intercettare bersagli a distanze di centinaia di chilometri entro un decennio”.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfattoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT