venerdi 20 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
12.05.2022 Putin umiliato da Macron
Analisi di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 12 maggio 2022
Pagina: 5
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Putin umiliato da Macron»
Riprendiamo da ITALIA OGGI l'analisi di Diego Gabutti.

Francia, Macron:
Emmanuel Macron

Quando Emmanuel Macron, parlando al vertice franco-tedesco sull’energia, ha dichiarato che Putin «non dev’essere umiliato» ha fatto il contrario di quanto diceva: lo ha umiliato, e persino, volendo, un po’ bullizzato. Non si risparmiano umiliazioni, in politica come in guerra, se non a chi è dato per sconfitto, o per morto, e Putin è lì lì. Del morto, o del morituro, Vladimir Putin ha anche l’aria: appare dimesso, è gonfio, la faccia è di cera. Dopo il passaggio dei tanks e il défilé al passo dell’oca dei soldatini da parata, l’uomo più amato di tutte le Russie, felici di dare in pasto alle sue «operazioni speciali» i propri figli, marcia in testa al corteo dei veterani dondolando le spalle come un tamarro da discoteca, ma sembra meno convinto del solito.

Quanto costa la cravatta indossata da Putin alla parata
Vladimir Putin

Non ha più la grinta dei primi giorni di guerra, quando mostrava i denti all’Occidente e da una parola in su minacciava l’Apocalisse: ritorsioni nucleari, guerre planetarie, armi segrete e la cancellazione, attenti a voi, d’intere nazioni dal mappamondo. Ragionevole, rispettoso, persino educato come i pentiti di mafia in tribunale, nega d’avere mai anche soltanto accennato alla terza guerra mondiale e si stupisce perché a Mosca, caso strano, non si è presentata la delegazione dei veterani americani della Seconda guerra mondiale per festeggiare insieme la vittoria su Hitler.

Era Gengis Khan, e felice d’esserlo. Baffi spioventi, l’Orda al galoppo attraverso steppe dove non crescerà mai più l’erba, archi e lance, montagne di teschi, i nemici passati a fil di spada. Adesso i tartari sono gli altri. Lui è la vittima dell’aggressione. Se ne stava lì, tranquillo, suonava l’arpa, cacciava gli orsi nella tundra, portava fiori alla tomba di Solženicyn, quand’ecco che la Nato ha invaso l’Ucraina. Non Mosca, che ama la pace, ma Bruxelles e Washington hanno dichiarato guerra alla «madre patria», per sottrarle ciò che è suo: l’anima e il corpo di tutti gli slavi. Mosca non può essere circondata da nazioni ostili, o peggio «naziste», dove non c’è rispetto per Dio e per l’autorità, dove i giovani sono dediti a balli lascivi e i maschi si sposano con i maschi. Dev’essere Mosca a circondare l’Occidente liberale e decadente riconquistando le sue marche occidentali. «È forse una pretesa eccessiva?» chiede Putin, e da noi annuiscono con gli occhi santamente levati al cielo Orsini, Canfora, Borgonuovo, Santoro e gli altri fenomeni. Fenomeno d’Oltralpe, più condiscendente che pacificatore, Macron invita a non umiliare il poveretto, che ha già tanto sofferto. Vorrebbe essere, come si dice, un «assist» e una consolazione, ma suona piuttosto come un annuncio funebre. Intorno decine di migliaia di soldati morti, una scioccante débâcle militare, l’odio imperituro degli ucraini, una moria d’oligarchi di dimensioni bibliche e lui, il Padrino, che non vede vie d’uscita, salvo riparare in un bunker, come Hitler a Berlino nel 1945.

Immagine correlata
Diego Gabutti

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT