mercoledi` 22 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Rania di Giordania: perché non studi il passato del tuo paese? 27/10/2023
Rania di Giordania: perché non studi il passato del tuo paese?
Diario di guerra di Deborah Fait

Rania di Giordania, c'è un doppio standard in guerra con Israele - Medio  Oriente - Ansa.it
Rania di Giordania

“Esiste un doppio standard nella guerra tra Israele e Hamas” afferma Rania di Giordania, moglie del Re. Scrive l’ANSA: “Quando è avvenuto il 7 ottobre il mondo si è subito schierato con Israele e il suo diritto a difendersi e condannato l'attacco". Nessuno ha usato gli stessi termini per quanto sta accadendo ai palestinesi, denuncia la regina parlando dell'apartheid di Israele contro i palestinesi, che da tempo vivono sotto l'oppressione israeliana. E' la prima volta nella storia moderna che vediamo tanta sofferenza umana e il mondo non chiede un cessate il fuoco", mette in evidenza Rania.

Certamente la regina non era nata nel 1970 e penso che nessuno le abbia raccontato la storia di quanto era accaduto, eppure dichiara di essere palestinese. Si sa, i palestinesi hanno sempre grosse lacune storiche, a volte tragiche a volte ridicole. Credono per esempio che la loro moschea di Al Aqsa sia là, sul nostro Monte del Tempio dall’epoca di Adamo ed Eva. Peccato che l’islam, e di conseguenza le moschee, risalga al VII secolo dopo Cristo, cioè quando l’ebraismo e il cristianesimo erano presenti, il primo da circa 3000 anni e il secondo da 700.
Ma lasciamo stare le fantasie e parliamo di cose pratiche e tragiche, accadute in Giordania nel settembre del 1970, il Settembre Nero. Il tentativo dei palestinesi di Arafat di rovesciare la monarchia di Hussein (è un loro vizio quello di prendere la roba altrui) fu repressa nel sangue e la mattanza, reciproca, durò fino a luglio del 1971. I fedayn di Arafat, come loro barbaro uso, hanno decapitato i soldati giordani che riuscivano a catturare, giocavano a pallone con le loro teste, davanti alle loro case, ma l’esercito di re Hussein fece una strage, un numero imprecisato di morti palestinesi, si parla di 20.000 e più. Alla fine Yasser Arafat, protetto dall’esercito israeliano, riuscì a fuggire in Libano dove si prodigò a distruggere, riuscendoci perfettamente, anche il paese dei cedri.

La regina Rania farebbe bene a studiare il passato del paese in cui vive invece di parlare di oppressione e di doppio standard in una guerra tra un esercito e dei terroristi disumani e barbari che hanno come unico obiettivo il definitivo genocidio del popolo ebraico.

Immagine correlata
Deborah Fait

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT