giovedi` 28 settembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Maresha e Bet Guvrin: l'archeologia in Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Amare Israele 05/08/2023
Amare Israele
Diario estivo israeliano di Deborah Fait

A destra: Mika Almog

Riguardate questo video, dura solo 7 minuti, ma Ŕ indispensabile per capire in quale situazione si trova oggi Israele:

Netanyahu (e Israele) nelle mani dell'estrema destra anti-democratica? -  Israele.net - Israele.net

Amare Israele significa volere che continui a essere la luce tra le nazioni. Significa libertÓ, democrazia, uguali diritti per tutti. Come Ŕ stato finora. Alcuni dicono : vogliamo un Israele forte! Certo, Israele deve essere forte ma forza non significa separare i sessi, rifiutare le donne soldato, sputare sui preti come alcuni ragazzi idioti delle Yeshivot (scuole religiose) che evidentemente non sanno, nella loro immensa ignoranza, che lo fanno contro gli ebrei in tutto il mondo fuori da Israele. Forza non significa creare una milizia al servizio di certi ministri. Un Israele forte deve essere democratico e libero. Un Israele forte deve avere un esercito unito. L’esercito del popolo: i nostri figli, fratelli, sorelle, madri e padri, tutti pronti a difendere la patria. Pi¨ di 25.000 ebrei, drusi, beduini, sono caduti per questo e non posso nemmeno concepire che un ministro, tra l’altro radiato dall’esercito, offenda i nostri morti. Amare Israele significa dire a Benjamin Netanyahu “Fermati! Pensa a quello che sei stato! Non cadere tra le grinfie dei kahanisti (movimento razzista fuori legge in Israele). Fermati, torna ad essere quel -Bibi Melech Israel (Bibi re d’Israele)- che amavamo per la sua forza, per il suo amore per la nostra terra!ö Non diamo ascolto a chi vorrebbe una patria oscurantista, cattiva con i suoi figli, di qualsiasi etnia siano, non diamo ascolto a chi approva l’odio per le donne, per i gay, per tutti gli arabi, non solo per i terroristi e loro sodali. Diffidiamo da chi disinforma e diffonde odio tra fratelli. Questo non Ŕ essere ebrei. Israele Ŕ un miracolo ottenuto con la fede, la laboriositÓ, la cultura millenaria ebraica che non Ŕ solo andare a pregare in sinagoga e discriminare le donne ma Ŕ civiltÓ, inventiva, pazienza, lavoro, speranza, amore per la propria terra. Non permettiamo che questo miracolo riconosciuto anche dai nostri odiatori sia vanificato da chi confonde la forza necessaria contro il nemico con la prepotenza contro i cittadini dello Stato. Teniamoci stretta la nostra democrazia e la nostra libertÓ.

Immagine correlata


Deborah Fait


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT