martedi` 30 maggio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Onu e antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Abbiamo Israele e siamo felici 21/03/2023
Abbiamo Israele e siamo felici
Cronache israeliane di Deborah Fait

Aprire i quotidiani o sentire le notizie ai telegiornali riempie di sconforto. I problemi internazionali sembrano insormontabili. La guerra in Europa, provocata da Putin, ha fatto precipitare l’economia, riempie di terrore per il pericolo nucleare, senza contare l’islamizzazione in atto in quasi tutte le nazioni europee. C’è di che rabbrividire. Sempre più spesso si sentono frasi del genere -che mondo lasceremo ai nostri figli- e inevitabilmente veniamo assaliti da una grande tristezza. In questo oceano di preoccupazioni, di povertà, di guerre, oggi mi si è accesa una luce di speranza. Apro il giornale e leggo “Israele è la quarta nazione più felice del mondo, secondo una nuova statistica del 2023”. https://www.jpost.com/international/article-734866

World Happiness Report (@HappinessRpt) / Twitter

Ho letto l’articolo incredula perché anche in Israele abbiamo i nostri problemi. Manifestazioni oceaniche da 11 settimane contro il governo, Netanyahu descritto come un novello dittatore, lo shekel che crolla a causa della situazione politica, il terrorismo che non lascia tregua. Insomma neanche qui è proprio una festa, eppure è vero. Il World Happiness Report (WHR) dice che siamo felici, noi israeliani siamo felici, nonostante tutto. Incredibile. Su 109 nazioni del mondo noi siamo al quarto posto! Prima di noi sono Finlandia, Danimarca e Islanda. Che Israele segua queste tre nazioni, apparentemente senza grandi problemi, nonostante le tensioni che sembrano travolgere il paese, è un fatto di enorme importanza perché significa che lo spirito del popolo è sano e positivo. Finalmente una bella notizia dunque, quello che ci voleva per tirarmi su di morale. Noi siamo felici, andiamo in piazza a dimostrare contro il governo, i prezzi al supermercato salgono, abbiamo i nostri morti da piangere quasi ogni giorno ma, a conti fatti, siamo felici. Credo che questo sia l’eterno segreto del popolo ebraico, sopravvivere a qualsiasi cosa e ad ogni costo, non perdere mai la speranza, guardare il cielo, pensare che abbiamo Israele. E siamo felici.

Immagine correlata

Deborah Fait

"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT