mercoledi` 22 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
La Farnesina da sempre ostile a Israele, continuerà anche con il nuovo governo? 15/02/2023
La Farnesina da sempre ostile a Israele, continuerà anche con il nuovo governo?
Lettera aperta al ministro Antonio Tajani di Deborah Fait

A destra: Antonio Tajani

Signor Ministro,
Sono venuta a sapere che un ufficio facente parte della Farnesina, che risponde al nome di ITALIANA- lingua cultura e creatività nel mondo, ha una pagina dedicata a una nazione fantasma, una fantasiosa nazione di cui non c’è traccia sulle carte geografiche, un paese che non c’è e che sulla pagina in questione, chiamano indebitamente “Palestina”: https://italiana.esteri.it/italiana/cultura/archeologia-patrimonio/archeologia-turismo-e-cooperazione-italiana-in-palestina/

Nell’articolo che parla del “turismo e cooperazione italiana in Palestina” leggo nomi di tutto rispetto: Università degli studi di Roma “La Sapienza”, leggo: “Ministero delle antichità e del turismo-dipartimento culturale Heritage della Palestina”, leggo “Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale per la protezione e valorizzazione del patrimonio archeologico palestinese” sotto l’egida dell’AICS (Agenzia Italiana per la cooperazione e lo sviluppo) e dell’UNESCO. Leggo anche, signor ministro, che le rappresentanze di questi uffici sono situate, pensi un po’, a Gerusalemme. Secondo i miei studi e la mia esperienza, dato che vivo in Israele, so che Gerusalemme è la capitale dello Stato di Israele e, sempre secondo i miei studi, so che la Palestina non è mai stata una nazione e non è una nazione, quindi anche situare la città di Betlemme in Palestina è un errore madornale, Betlemme si trova nell’antica Giudea che, con gli accordi di Oslo, è stata regalata al defunto Arafat, presidente dell’AP (Autonomia Palestinese), non Palestina dunque. Detto questo, signor ministro, sono molto stupita che fior di dottori, professori, direttori vari, che si suppone abbiano studiato per arrivare a fregiarsi di quei titoli, siano convinti di rappresentare culturalmente un paese inesistente e che scrivano nelle loro brochures, vergognosamente, Gerusalemme-Palestina. Oltre che dimostrazione di grande ignoranza, è anche un’offesa scandalosa contro la democrazia israeliana con la quale l’Italia ha rapporti di amicizia. So che lei, signor ministro, diversamente da quelli che l’hanno preceduta, è amico di Israele, quindi la invito a dare un’occhiata alla pagina incriminata, parte del Ministero degli Esteri che lei rappresenta, e di invitare i vari professoroni ad aggiornarsi e, eventualmente, a rileggere la storia di questa zona del mondo, potrebbero avere la gioia di imparare cose a loro sconosciute.

Quanto le scrivo è un tentativo di spiegazione del perché la politica estera italiana nei confronti di Israele è sempre stata ostile. Adesso che il governo è cambiato, sta a lei, signor ministro, se continuarla o cambiarla.
Con fiducia, la saluto cordialmente
 Shalom

Immagine correlata

Deborah Fait

"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT