lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Che siano stati gli Ufo a ottenere la la liberazione di Alessia Piperno? 14/11/2022
Che siano stati gli Ufo a ottenere la la liberazione di Alessia Piperno?
Commento di Deborah Fait

A destra: Alessia Piperno

Che Alessia Piperno sia finalmente libera lo sanno anche i sassi e anche i sassi esultano per questa giovane che voleva volare cui, un brutto giorno, degli orchi iraniani hanno tarpato le ali. Tutti i media ne hanno scritto e parlato al momento dell’ arresto, molto meno durante la detenzione perché la famiglia aveva chiesto giustamente il silenzio stampa. Adesso Alessia è a casa a rilassarsi e pensare a quella brutta avventura che poteva finire molto male se non fosse intervenuto, senza fanfare, senza dichiarazioni, senza la boria cui ci avevano abituato i governi precedenti, il nuovo governo italiano guidato da Giorgia Meloni. Non si è visto nessuno sbracarsi dal Balcone di palazzo Chigi urlando “L’abbiamo liberata”. Nessuno! La notizia è arrivata con rispetto e delicatezza, sembrava quasi che i pretacci col turbante iraniani si fossero svegliati una mattina dicendo “Sai che c’è? Liberiamo quell’ebrea italiana così facciamo anche bella figura”.

Solo Alessandro Sallusti su Libero parla giustamente del merito (parola che fa venire crisi isteriche alle opposizioni) del governo di Giorgia Meloni e di quanto sia stato capace di lavorare per la liberazione di Alessia senza far trapelare nulla per non rischiare di mandare all’aria le trattative. Hanno rinunciato a farsi belli, pensate un po’, dei politici che non cedono alla tentazione di fare la ruota come i pavoni e che lavorano in silenzio per il bene di un’italiana in difficoltà. Nessun media ha detto chiaro e tondo chi ringraziare, la frase più vicina a un riconoscimento è stata “Un grande grazie va a quanti hanno lavorato per il suo rilascio”. Benissimo, ma chi ha lavorato? Forse il presidente del Consiglio? Forse il ministro degli Esteri? Diciamoli quei nomi che a certuni danno tanto fastidio, Giorgia Meloni e Antonio Tajani, appoggiati dai servizi segreti italiani. La riservatezza dell’operazione è stata fondamentale e va a onore dei protagonisti tanto che si è congratulato con loro persino il ministro degli Esteri iraniano , Hosseni Amir-Abdollahian, con una telefonata personale al collega Antonio Tajani. L’arrivo a Fiumicino, su un aereo dei servizi è stato molto discreto, ben diverso da quello di altri rapiti che tornavano con le fanfare. Giorgia Meloni è andata a ricevere la Piperno ma quasi non si è vista. Noi però per la prima volta vediamo con molto piacere un governo composto, non becero e cafone come qualcuno oggi all’opposizione. Mentre accadeva tutto questo, mentre l’attuale governo si dava da fare per la liberazione di una giovane italiana, alcuni rappresentanti di una sinistra ormai allo sbando, non trovavano nulla di meglio da fare che impiccare un fantoccio rappresentante la Meloni a testa in giù e dargli fuoco. È accaduto a Bologna. Appena letta la notizia il mio primo pensiero è stato “ecco i veri fascisti”. La sinistra non sa più cosa dire e fare contro il nuovo governo, si attaccano alle parole, quel “merito” li ha fatti andare in tilt, mentre è in atto il problema migranti-Macron, sono tutti schierati con la Francia contro l’Italia, fanno figuracce barbine, sono spiazzati e molto nervosi. Nel frattempo Meloni lavora, a volte sbaglierà come tutti, ma lavora con impegno e serietà e guarda caso, in questi giorni è accaduto un altro fattore molto strano e significativo. Oltre alla liberazione di Alessia Piperno, è giunta la notizia che il Pakistan ha emesso mandato di cattura per i genitori di Saman Abbas, la ragazza uccisa da mamma e papà che finora se n’erano stati tranquilli e beati nel loro paese. Adesso sono ricercati, finalmente, dal loro stesso governo. Strano! Che siano stati gli Ufo di Roma a convincere le autorità pakistane che chi uccide una figlia deve andare in galera?

Immagine correlata

Deborah Fait

"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT