mercoledi` 28 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
La retorica dannosa del Papa 15/06/2022

La retorica dannosa del Papa

Commento di Deborah Fait


A destra: Papa Bergoglio


La Stampa di ieri, 14 giugno 2022, ha pubblicato un’intervista fatta dal direttore di Civiltà Cattolica a Papa Bergoglio, dal titolo: “Il Papa, preghiera per la pace: Ma la Nato ha provocato Putin” e sto ancora smaltendo la nausea che mi ha assalita leggendo l’articolo. Mi dispiace se qualcuno si sentirà offeso ma ogni volta che il Papa parla non riesco a scacciare dalla mente la scena di lui, in aereo, di ritorno da uno dei suoi viaggi. Il mondo civile era ancora sconvolto e terrorizzato dalla stragi in Francia, al Bataclan (90 vittime), dall’attacco alla redazione di Charlie Hebdo e al supermercato Kosher, altri 17 morti, da parte di terroristi islamici legati all’Isis. E, dopo tutto questo orrore, lui, il Papa, ha fatto questo commento a caldo, anzi a freddo, talmente freddo da provare un brivido gelido lungo la schiena: “ Ma se qualcuno insulta mia mamma, io gli dò un pugno”. Personalmente mi è venuta la nausea. Con quelle parole senza pietà ha liquidato i morti e ha giustificato gli assassini e le loro stragi contro la satira su Maometto . Confesso di essere prevenuta, da quella volta evito di sentirlo parlare per il fastidio che provo. La lettura della sua conversazione con Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica, ha rafforzato i sentimenti negativi che provo. “Non esistono i buoni e i cattivi”, ha detto, riferendosi alla guerra in Ucraina. No, certo, sono tutti uguali, chi ammazza e chi viene ammazzato, l’invasore e l’invaso. Putin è uguale ai bambini che la sua soldataglia stupra e ammazza. Non c’è differenza per Bergoglio e prosegue con la favola di Cappuccetto rosso che era buono e del lupo che era cattivo ma…”qui (riferendosi alla guerra in Ucraina) non ci sono buoni e cattivi…tutti sapevano che la NATO avrebbe provocato la guerra…” Secondo Bergoglio e un ignoto capo di stato cui accenna senza farne il nome: “L’Alleanza Atlantica sapeva di provocare Putin…stanno abbaiando alle porte della Russia…”  Perché il Papa, anziché rilasciare interviste che non servono a niente e a nessuno, non fa i bagagli e non va da Putin a parlare di buoni e cattivi e, forse anche di pace per gli eroici ucraini? A cosa servono le sue interviste trasudanti retorica,  falso buonismo e inutili inni alla Pace? Qualcuno ha sentito parole di pietà per i bambini ucraini, quelli ammazzati, quelli orfani, quelli affamati, quelli nei cui occhi si vede solo terrore perché violentati nel corpo e nell’anima, quelli strappati alla famiglia e deportati in Russia per rubare la loro identità? “Ecco, per me oggi la terza guerra mondiale è stata dichiarata”, prosegue il Papa. Beh, ringrazi Putin e il patriarca fascista Kirill col quale sembra aver avuto una conversazione e al quale ha risposto, dopo essersi sentito snocciolare i motivi indecenti della guerra, “Fratello, noi non siamo i chierici di stato, siamo i pastori del popolo”. Sicuramente Kirill sarà rimasto colpito da una frase così paciosamente profonda, sicuramente avrà telefonato a Putin supplicandolo di fermare la guerra in nome dei “pastori dei popoli”. E la nausea aumenta.


Quale è la morale di questa conversazione papale? Nessuna, se non che la colpa della guerra è solo di noi occidentali, della Nato, dell’America, che dare armi all’Ucraina è un male, meglio lasciare che il lupo mangi Cappuccetto rosso, nonna compresa.

Immagine correlata

Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT