sabato 18 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
La mannaia di Facebook è sempre attiva 14/08/2021
La mannaia di Facebook è sempre attiva
Commento di Deborah Fait

A destra: la famiglia Biran: l'unico sopravvissuto alla tragedia della funivia è Eitan, di 5 anni

Facebook mi ha nuovamente bloccata per 30 giorni per aver risposto aspramente a gente che sosteneva, in modo osceno, che i parenti israeliani di Eitan, il bambino rimasto orfano nella strage della funivia del Mottarone, lo vogliono riportare in Israele per appropriarsi del risarcimento milionario che dovrebbe ricevere. Altri affermano che Eitan è nato e cresciuto in Italia e che là deve rimanere. Bugia, il piccolo è nato e cresciuto in Israele fino a circa un paio di anni fa. Altri si chiedono se parla ancora in ebraico perché, secondo loro, chi arriva in Italia da Israele deve dimenticare la propria madrelingua per dedicarsi esclusivamente all'idioma di Dante. Insomma, su Facebook si è scatenata una lotta campanilistico-antisemita sulla pelle di un bambino israeliano-ebreo semplicemente perché i suoi genitori si erano trasferiti in Italia per motivi di studio e, in Italia, purtroppo, sono morti. Ho spiegato che non era così, semplicemente i parenti materni chiedono che il bambino cresca nel suo paese, in Israele, dove i suoi genitori volevano tornare in un prossimo futuro. Purtroppo, il futuro è stato loro negato dal destino e dalla mano criminale di persone senza coscienza e ora Eitan ne paga le conseguenze. I suoi genitori e il fratellino riposano in Israele dove la famiglia li ha voluti portare per il loro ultimo viaggio. La cosa più vergognosa è l'insinuazione dei soldi (ebrei-denaro) che è il solito leitmotiv antisemita da centinaia d'anni. A queste provocazioni indecenti della maggior parte di coloro intervenuti nella discussione, non ho potuto non reagire energicamente contravvenendo così "… agli Standard della community in materia di molestie e bullismo", così è scritto sulla sentenza. Pertanto, grazie a un manipolo di stupidi antisemiti, mi sono presa anche della "bulla" per la prima volta nella mia vita. Qui sotto ho copiato alcuni dei commenti che mi hanno mandata fuori dai gangheri, solo alcuni perché in realtà parliamo di molte decine e tutti sullo stesso tono. Naturalmente questi sono ancora attivi, io sono stata bloccata. Giudicate voi.


= Il bambino è nato e cresciuto in Italia. La zia paterna è lì. Sradicarlo dalla scuola, dalle abitudini sarebbe un ulteriore trauma. A mio avviso deve restare dove sta con la zia paterna. Certo sarebbe triste se stessero "lottando" solo per aggiudicarsi il grosso risarcimento che spetterà al bimbo e che dovrà essere amministrato dal suo tutore legale

= Ma a nessuno è venuto in mente che contendersi questo bambino....sarà perché avrà un indennizzo milionario? E l'amore dove sta? Sradicarlo da un luogo che conosce dove è nato va a scuola ha amici per portarlo a casa di zii che avrà visto si e no due volte l'anno?

Io rispondo a uno dei tanti commenti: cattiveria a gogò, vero? Oltre che ignoranza perchè anche i sassi sanno che, trattandosi di un minore, i soldi saranno bloccati fino al suo 18 anno. Immagino che tu lo faresti per soldi visto che è la prima porcheria cui hai pensato.

E qui un tale spiega che in Israele un bambino non può vivere! … si parla di evitargli un paese in guerra dove si corre nei bunker ai prossimi bombardamenti di Hamas.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT