sabato 12 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Gerusalemme: se non sono io per me, chi sarà per me? E se non ora, quando? 11/05/2021
Gerusalemme: se non sono io per me, chi sarà per me? E se non ora, quando?
Commento di Deborah Fait

A destra: il Monte del Tempio/Spianata delle moschee trasformato in campo di battaglia dai terroristi

Passano gli anni e ancora non sono riuscita a capire per quale motivo il resto del mondo debba intromettersi negli affari di Israele quando coinvolgono i cosiddetti palestinesi. Non hanno abbastanza problemi, oltretutto in periodo di pandemia? Non hanno da pensare all'economia europea che sta andando in malora? E l'ONU? Li hanno informati che in Iran, si quella cosa orrida che si è sostituita alla grande e gloriosa Persia, grazie alla barba di Khomeini e dei suoi corrotti seguaci, un ragazzo di 20 anni, Alireza Fazeli Monfared, è stato decapitato dal fratello perché gay? Qualcuno si inginocchierà per lui chiedendo giustizia? Qualcuno protesterà per la pena di morte agli omosessuali e alle donne, una vera e propria strage istituzionalizzata? Tutto tace. Hamas ha pestato a sangue un ragazzino di 14 anni perché non pregava durante il Ramadan. Ma tutto tace. I palestinesi mettono Gerusalemme a ferro e fuoco, hanno trasformato il Monte del Tempio in una spianata colma di veri e propri macigni con cui colpire gli ebrei e i soldati che vogliono mettere il Monte in sicurezza, la loro "santa" moschea di Al Aqsa è una santabarbara piena di razzi, di pietre, di ammassi di porcherie e di immondizie. La chiamano santa e la riducono peggio di una discarica. Ma tutto tace nel senso che nessuno rimprovera i palestinesi, le diffide, le offese, le maledizioni sono tutte per Israele. Gad Lerner, sempre in prima linea quando si tratta di diffamare Israele ha scritto sulla sua pagina FB:" Lo sfratto di quattro case abitate da palestinesi nel quartiere Sheikh Jarrah a Gerusalemme, giustificato come restituzione perché 73 anni fa avevano proprietari ebrei, è un caso di pulizia etnica. In base a questo principio, quante case andrebbero restituite ai palestinesi?" E quante case dovrebbero essere restituite agli ebrei in Europa, che se ne appropriò durante la guerra e nel mondo arabo quando cacciò tutti gli ebrei requisendo ogni loro bene? Ha fatto anche questo conto, Lerner? Allora, grazie a un'amica che l'ha pubblicato, ecco come sono andate le cose. Lo riporto qui, così, tanto per chiarire quale è la verità sui fatti di Sheikh Jarrah (il quartiere che è stato preso come scusa per iniziare la Tik Tok intifada):

1875: Gli ebrei acquistano quella terra.
1948: La Giordania occupa Gerusalemme e dintorni, fa pulizia etnica e caccia gli ebrei.
1950: Arabi entrano nelle proprietà degli ebrei durante l'occupazione giordana.
1973: la Terra viene registrata come proprietà di un'organizzazione ebraica.
1982: i residenti concordano sul fatto che l'organizzazione ebraica è proprietaria della Terra in questione. La Corte Suprema decreta che i residenti devono pagare un affitto. La lotta legale durerà anni.
2020: La Corte decide che gli affittuari devono essere sfrattati se rifiutano di pagare l'affitto.
2021: I palestinesi, per non smentire mai la loro violenza, fanno scoppiare la rivolta, accoltellano la gente per la strada, prendono a mitragliate chi aspetta l'autobus, incendiano i campi israeliani con i palloni incendiari e colpiscono le città israeliane con i loro maledetti missili.

Chiedo troppo a Gad Lerner e ai giornalisti di Haaretz che diventa sempre più filoterrorista e antiisraeliano, di informarsi sulla verità invece di sparare sempre a zero contro Israele? Adesso a Gerusalemme suonano le sirene, è stata evacuata la Knesset, la strada che va da Ashkelon a Beer Sheva è stata chiusa per pericolo missili. Ne hanno appena sparati 6, tutti in un colpo! Sulla mia testa ogni sera e ogni mattina sento il rombo degli aerei israeliani che vanno sia a sud per Hamas che al nord per Hezbollah e le organizzazioni internazionali chiedono a Israele di fermarsi. Come no, aspetteremo che vengano a tagliarci la gola! Ai dirigenti dell'ONU, della UE, a mister Biden e a tutti quei bastardi che nelle "lettere al direttore" o nei commenti sul web scrivono che i sionisti devono morire tutti, che Israele è l'inferno che deve essere distrutto, che bisogna riaprire i forni, il tutto adornato con bandierine palestinesi, vorrei ricordare queste parole di Primo Levi. Leggetele e imparatele a memoria per voi e per i posteri:
Ci riconoscete? Siamo le pecore del ghetto,
Tosate per mille anni, rassegnate all'offesa.
Siamo i sarti, i copisti ed i cantori
Appassiti all'ombra della croce.
Ora abbiamo imparato i sentieri della foresta,
Abbiamo imparato a sparare e colpiamo dritto.
Se non sono io per me, chi sarà per me?
Se non così, come? Se non ora, quando?

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT