lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
David Elber
Israele, Storia e diritto
<< torna all'indice della rubrica
Perché non esiste uno Stato palestinese? 03/01/2024
Perché non esiste uno Stato palestinese?
Analisi di David Elber
 

Il pozzo senza fondo dell'ONU. Negli ultimi 10 anni l’UNRWA ha speso mediamente 1.5 miliardi all’anno

Già pochi giorni dopo l’eccidio perpetrato dai palestinesi il 7 ottobre, la totalità della comunità internazionale – con l’Amministrazione Biden in testa – ha iniziato a riproporre il solito vetusto e stantio cliché: “per porre fine alle violenze in Medio Oriente bisogna arrivare alla soluzione dei due Stati per due popoli”. Ma perché a oltre 100 anni dalla fine dell’Impero ottomano non è stato possibile arrivare ad un compromesso? Le ragioni storico-politiche del rifiuto arabo le ho, brevemente, analizzate in precedenza (https://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=&sez=610&id=92037), qui vedremo quelle legate agli interessi economici dei “dirigenti” palestinesi, delle organizzazioni internazionali e delle ONG. Per prima cosa è bene ribadire che se ancora non esiste uno Stato palestinese, questo è dovuto al fatto che il mondo musulmano non accetta la presenza di uno Stato nazionale del popolo ebraico in nessuna parte di territorio – anche la più piccola – di Eretz Israel. La conseguenza di questo è che la nascita di uno Stato palestinese deve coincidere con la distruzione di Israele: non c’è possibilità di compromesso. In attesa che tale proposito si possa concretizzare, le “dirigenze” palestinesi si sono arricchite enormemente con gli aiuti internazionali forniti da USA, UE, ONU, Iran, paesi arabi e di tanti altri paesi sparsi per il mondo. Questi soldi che arrivano copiosi (miliardi di dollari all’anno) finiscono, principalmente, nelle tasche, dei “dirigenti buoni” dell’Autorità Palestinese che in quelle dei “cattivi” di Hamas e Jihad Islamica senza che nessuno di loro, debba rendere conto di come sono utilizzati questi finanziamenti. Quindi l’ipotetica realizzazione di uno Stato palestinese metterebbe fine a questo immenso flusso di denaro che serve esclusivamente ad arricchire i vertici di queste organizzazioni, oltre che, a pagare gli stipendi di assassini e “insegnanti” di ogni ordine e grado intenti, unicamente, ad insegnare odio antiebraico nelle scuole. Questo è, già di per sé, un grande ostacolo alla realizzazione “dei due Stati per due popoli”, ma se volgiamo lo sguardo in direzione dell’ONU, ci accorgiamo che la situazione è anche peggiore. Qui, nel corso dei decenni, il flusso di denaro verso agenzie, commissioni e numerosi rappresentanti che “lavorano” unicamente per la causa palestinese è diventato talmente ingente e strutturato che nel momento in cui vedrà la luce uno Stato palestinese miliardi di dollari e migliaia di posti di lavoro, lautamente pagati, verranno meno. Quindi perché porre fine questo stato di cose in favore “dei due Stati per due popoli”? Ora proviamo ad elencare (solo le principali) organizzazioni ONU dedite alla causa palestinese: the United Nations Conciliation Commission for Palestine (UNCCP); the United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA); the Special Rapporteur on the Situation of Human Rights in the Palestinian Territories Occupied since 1967; the Committee on the Inalienable Rights of the Palestinian People; the United Nations Division for Palestinian Rights; the United Nations Development Programme of Assistance to the Palestinian People (UNDP); the United Nations Economic and Social Commission for Western Asia (ESCWA); the United Nations Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (OCHA); the Office of the Special Coordinator of the Middle East Peace Process; infine l’Arab International Forum on Rehabilitation and Development in the Occupied Palestinian Territory (finanziato dall’ESCWA). È quasi superfluo ribadire che il popolo palestinese ha più agenzie e commissioni all’ONU di tutti gli altri popoli messi assieme. Con la creazione di uno Stato palestinese bisognerebbe smantellare gran parte dell’ONU. Per dare una vaga idea di quanti soldi sono spesi dall’ONU per la “causa palestinese”, è sufficiente citare il dato di spesa della sola UNRWA. Questa agenzia per i rifugiati dalla Palestina, secondo una ricerca condotta dal ricercatore Stanley Urman, ha speso, dal 1950 al 2010, 13.7 miliardi di dollari (i soldi stanziati dagli USA per il Piano Marshall con il quale si ricostruì l’Europa furono 12.7 miliardi). Negli ultimi 10 anni l’UNRWA spende mediamente 1.5 miliardi all’anno, quindi sono stati spesi almeno altri 15 miliardi di dollari. Con quale risultato? Con il risultato che i “profughi” palestinesi anziché diminuire sono aumentati da 700.000 a 5.8 milioni di persone. Tra le tante agenzie e commissioni ONU, una in particolare mostra tutta l’abiezione raggiunta dall’ONU in questi anni: il Consiglio per i diritti umani. Questa agenzia ONU fin dalla sua costituzione nel 2006, considera Israele come uno Stato ontologicamente “canaglia”, tanto è vero che è l’unico paese al mondo al quale è riservata “in esclusiva” una agenda delle 10 che compongono il suo statuto: l’Agenda 7. Ciò significa che fin dalla sua creazione il Consiglio conteneva in sé una Agenda completamente ed esclusivamente dedicata a Israele mentre tutte le altre nove Agende sono di carattere generale e si possono applicare di volta in volta in casi specifici individuati dai suoi rappresentati. In particolare l’Agenda 4 si occupa di tutti i casi di presunte violazioni che si verificano in tutti gli altri paesi del mondo. In pratica, se il Consiglio sospetta che in un qualsiasi paese del mondo si è verificato o si sta verificando un caso di violazione dei diritti umani, esso agisce in base all’Agenda 4. Invece, se il Consiglio vuole indagare su presunte violazioni avvenute in Israele o nei territori amministrati dalla Autorità Palestinese (ma solo ed esclusivamente se è Israele a essere imputato di commettere i presunti crimini) si muove sotto l’egida dell’Agenda 7. Appare del tutto evidente che ci troviamo al cospetto di un formidabile strumento di delegittimazione dello Stato ebraico proveniente dalla più importante organizzazione mondiale riservata ai “diritti umani”. Fino ad oggi, il Consiglio ha formulato oltre 100 risoluzioni di condanna nei confronti di Israele per abusi dei diritti umani, un insieme più numeroso di tutte le risoluzioni formulate nei confronti degli altri paesi del mondo messi assieme. Cosa farebbero tutti i funzionari ONU lautamente pagati per accusare Israele di qualche violazione se esistesse uno Stato palestinese? A questo flusso immenso e costante di denaro speso dall’ONU ogni anno, bisogna aggiungere le centinaia di milioni di dollari ed euro che vengono elargiti (principalmente dagli Stati Occidentali) verso un numero imprecisato di ONG che operano a Gaza, Giudea, Samaria e in giro per il mondo in favore dei palestinesi. Un dato certo di questo flusso di denaro non esiste, si calcola che diversi miliardi di dollari/euro siano stati dati alle ONG per “provvedere” alla popolazione palestinese. Anche in questo caso i resoconti di come vengono spesi i soldi sono lacunosi, parziali e in molti casi inattendibili. Diverse indagini condotte dall’intelligence di Israele ha dimostrato in modo inequivocabile che una buona parte di questi soldi finisce direttamente ad organizzazioni terroristiche che operano con la copertura di ONG. Anche in questo caso, se esistesse uno Stato palestinese, non ci sarebbe più bisogno di tutte queste ONG “umanitarie” e dei relativi finanziamenti. Oltre a ciò l’edificazione di uno Stato palestinese, metterebbe fine alle centinaia di milioni di dollari annui che vengono regalati ai palestinesi per la fornitura di acqua ed elettricità visto che né Hamas né l’Autorità Palestinese fa fronte a queste necessità basilari per uno Stato. A questo si devono aggiungere anche i soldi spesi dalla comunità internazionale per le centinaia di camion che, tutti i giorni entravano a Gaza fino al 7 ottobre, e che trasportavano generi di tutti i tipi e gestiti da numerose organizzazioni internazionali (oltre che da Hamas). Ultimo ma non ultimo dato importante è l’aspetto politico. Nel momento in cui vivessero fianco a fianco “due Stati per due popoli”, gran parte dell’agenda politica dell’Organizzazione della Conferenza Islamica (56 Stati) e della Lega Araba, verrebbe meno così come il loro acceso e mal celato antisemitismo. È chiaro che non esiste nessun vantaggio nella formula “due Stati per due popoli”, per la “dirigenza” palestinese, per l’ONU (inteso come insieme di agenzie pro palestinesi), o per le migliaia di ONG che si nutrono di odio anti israeliano per ottenere fondi. Per tutti questi soggetti, l’unico motivo per cui valga (forse) la pena di perdere tutti i finanziamenti è la distruzione di Israele. Mentre, probabilmente, l’unico paese che è realmente interessato alla creazione di un improbabile Stato democratico di Palestina è proprio Israele e per questo motivo questo non verrà mai alla luce. Amen.

David Elber - Progetto Dreyfus Archivio | Progetto Dreyfus
David Elber

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT