venerdi 19 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Antonio Donno
Israele/USA
<< torna all'indice della rubrica
Gli Stati Uniti di Biden stanno rompendo l’alleanza storica con Israele? 26/06/2024

Gli Stati Uniti di Biden stanno rompendo l’alleanza storica con Israele?
Commento di Antonio Donno

Se Hamas e Hezbollah potessero votare alle presidenziali USA di novembre, non avrebbero dubbi: Joe Biden sarebbe il loro candidato

Se, per pura ipotesi, i terroristi di Hamas e di Hezbollah potessero accedere al voto presidenziale del prossimo novembre negli Stati Uniti, Biden vincerebbe certamente le elezioni. Nella storia dei rapporti tra gli Stati Uniti e Israele, mai ci si è trovati di fronte ad un’evidenza sconcertante come quella attuale. Nelle guerre di Israele contro i suoi assalitori, che ne volevano la distruzione al fine di islamizzare completamente il Medio Oriente, eliminando il male costituito dalla presenza degli ebrei in terra araba, mai gli Stati Uniti avevano assunto una posizione così esplicitamente contraria a Israele. Nel 1948, furono le armi sovietiche, passate a Israele attraverso la Cecoslovacchia, a permettere di respingere l’assalto degli eserciti di cinque Stati arabi; nel 1967, l’Amministrazione Johnson assistette dall’esterno alla vittoria esemplare di Israele; nel 1973, la Guerra dello Yom Kippur vide gli Stati Uniti fornire un modesto, ma indispensabile quantitativo di armi in un momento difficile per lo Stato ebraico, in particolare per respingere i siriani – che godevano delle armi fornite dall’Unione Sovietica – sulle alture del Golan. In quest’ultimo caso, un ponte aereo americano fornì le armi a Israele come risposta a Mosca; fu Henry Kissinger, sempre contrario a sostenere militarmente Israele, a convincere Nixon a fare questo passo in funzione antisovietica. In altre circostanze di minore entità bellica Israele si è difeso da solo infliggendo sconfitte ai suoi nemici e, in questo modo, ponendosi contro di loro come un Paese forte, unito, deciso a sopravvivere e svilupparsi a dispetto delle ridicole vanterie arabe.

     Ora, la situazione è completamente diversa, pericolosamente per Israele. L’eccidio del 7 ottobre 2023 è stato sì condannato dall’Amministrazione Biden, ma, di fronte alla risposta di Israele contro Hamas per ripulire la Striscia di Gaza dai terroristi, Washington ha assunto via via una posizione di condanna dell’ingresso dell’esercito israeliano a Gaza, sostenendo che la morte dei civili avrebbe rappresentato uno schiaffo morale per gli Stati Uniti, se avessero sostenuto la risposta israeliana. In nessuna circostanza, però, Washington ha avanzato un’alternativa efficace come reazione agli orrendi fatti del 7 ottobre.

    L’esito della posizione dell’Amministrazione Biden è stato disastroso. La condanna di Washington ha avuto una diffusione planetaria contro Israele. I terroristi e l’Iran, che sostiene politicamente e militarmente Hamas e Hezbollah, hanno messo in campo l’accusa di genocidio, perpetrato dall’esercito israeliano contro i civili di Gaza, diffondendo efficacemente numeri sempre più ingigantiti di vittime dell’aggressione di Gerusalemme. In realtà, i numeri veri dei morti comprendono non solo i civili, ma anche una parte elevata di terroristi, che hanno utilizzato la gente di Gaza – che aveva esultato alla notizia dell’eccidio del 7 ottobre – come scudi umani nelle abitazioni, negli ospedali, nelle moschee, in tutti i luoghi pubblici. Quindi, una fetta molto consistente di civili morti nella guerra di Gaza è da attribuire moralmente e fisicamente ai terroristi di Hamas, il cui capo, Yahya Sinwar (mi fa ribrezzo solo citare il suo nome), ha affermato recentemente che la causa islamica della distruzione di Israele deve avvalersi di un numero sempre più elevato di morti tra la gente araba. Un sacrificio indispensabile per il trionfo dell’Islam.

      La diffusione dell’accusa di genocidio, che nel caso di Gaza è privo di qualsiasi evidenza sul campo, ha avuto una grande diffusione tra l’opinione pubblica internazionale, anche se gli Stati Uniti si sono mossi per condannarla insieme ai Paesi occidentali, a differenza di quelli del mondo islamico e del Terzo Mondo. Tuttavia, come si è detto, l’accusa di genocidio ha scavalcato il rigetto dei governi occidentali, penetrando nell’ambito delle valutazioni, quasi sempre prive di fondamento conoscitivo adeguato, dell’opinione pubblica internazionale. È forse questo l’aspetto più preoccupante per il governo di Netanyahu. Ma l’opposizione persistente da parte americana verso l’azione di Israele nella Striscia di Gaza non fa altro che consolidare l’accusa di genocidio rivolta all’azione militare di Israele per annientare il gruppo terroristico di Hamas, eliminazione che di per sé dovrebbe guadagnare a Israele una valutazione positiva, ma che, invece – estrema antinomia – va a scapito di un Paese che lotta per la propria sopravvivenza.

    Se Biden avesse condannato le stragi del 7 ottobre immediatamente e con parole dure e inequivocabili, se avesse confermato che l’obiettivo di Israele di distruggere Hamas era lo stesso obiettivo degli Stati Uniti, probabilmente Israele non si sarebbe trovato così solo e alla mercé del giudizio, veramente antisemita, proveniente da molti Paesi del mondo.

Antonio Donno
Antonio Donno     


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT