venerdi 28 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Antonio Donno
Israele/USA
<< torna all'indice della rubrica
L’Iran è quanto mai attivo. Situazione inquietante per Israele 10/12/2021
L’Iran è quanto mai attivo. Situazione inquietante per Israele
Analisi di Antonio Donno


Due fatti sono concomitanti nella scena mediorientale di questo momento: Il nuovo blocco dei negoziati a Vienna tra Iran e Stati Uniti e lo stillicidio di attentanti di Hamas e di suoi sostenitori contro cittadini israeliani. Queste due realtà appaiono a prima vista slegate, episodi in una regione sempre sull’orlo di una nuova crisi, in realtà hanno una logica che li accomuna: l’Iran alza il livello dello scontro sia nei negoziati, sia nella quotidianità dell’esistenza degli israeliani. La richiesta di Teheran di essere disposta a riaprire i negoziati dopo l’annullamento di tutte le sanzioni applicate durante il mandato di Trump può sembrare, per chi non conosce a fondo le vicende che hanno preceduto tale richiesta, un nonsense. In realtà, non lo è. Il regime degli ayatollah non ha alcuna intenzione di riprendere i negoziati perché ciò allontanerebbe il traguardo del nucleare. Al contrario, tenere aperto il contenzioso con gli Stati Uniti consente a Teheran di tenere sotto scacco Washington e continuare ad arricchire velocemente l’uranio per giungere al più presto alla conquista dell’atomica, contribuendo così ad accentuare le divisioni in seno al governo americano. In questo modo, però, Biden e Blinken sarebbero costretti a rivedere il programma iniziale del governo democratico, che prevedeva il distacco progressivo degli Stati Uniti dalle questioni del Medio Oriente per occuparsi dei problemi dell’Indo-Pacifico insieme ai loro alleati nell’area. Insomma, il governo dell’oltranzista Raisi gioca una partita pesante, che però, fino a questo momento, risulta vincente. Dal canto loro, gli Stati Uniti devono uscire al più presto da un’impasse che danneggia gravemente il loro prestigio a livello internazionale, per non parlare delle conseguenze che deriverebbero a Israele dal raggiungimento dell’obiettivo nucleare da parte dell’Iran.

Iran nuclear deal: US unhappy with Tehran′s ′rhetoric′ | News | DW |  02.12.2021

In tale situazione, i quotidiani attentati alla vita di singoli cittadini israeliani, di cui rende conto Daniele Raineri in un assai opportuno articolo comparso ieri sul “foglio”, stanno a dimostrare che qualcosa bolle in pentola. Hamas è sempre più attivo e, nello stesso tempo, singoli cittadini arabi di Israele compiono azioni sanguinose contro cittadini ebrei. Non si tratta, nella maggior parte dei casi, di persone affiliate ad Hamas o direttamente incaricate da Hamas di compiere attentati nei confronti degli ebrei, ma arabi che spontaneamente uccidono per odio contro gli israeliani. Questo fenomeno, peraltro sempre esistito, oggi è in pericolosa ascesa ed è particolarmente inquietante. L’attacco di Hamas contro Israele del maggio scorso è stato l’inizio di una nuova fase della guerra contro Israele. Ma dietro Hamas, come è noto, v’è l’Iran. Così, l’atteggiamento di sfida di Teheran nel contesto dei negoziati di Vienna si coniuga con l’aumento della pressione terroristica di Hamas, e in particolare con la rivolta della minoranza araba presente in Israele durante i fatti di maggio. Oggi gli arabi di Israele, nella loro parte più ostile verso lo Stato ebraico e più vicina al progetto di Hamas, sono ancor più motivati perché sentono più che mai la vicinanza e il sostegno di Hamas e soprattutto del suo sponsor iraniano, proprio come esito dell’attacco di maggio da parte di Hamas, considerato un successo nella guerra del popolo palestinese contro lo Stato ebraico. In prospettiva, dunque, questi eventi e altri che probabilmente si verificheranno potranno segnare la fine dell’Autorità Nazionale Palestinese e la sua sostituzione con un’organizzazione legata ad Hamas, cioè all’Iran.

È una prospettiva estremamente pericolosa per Israele, una modificazione profonda degli attuali attori presenti nel conflitto israelo-palestinese. Se tutto questo dovesse realizzarsi, Israele sarebbe circondato da nemici sul fronte del Libano, dove gli Hezbollah filo-iraniani controllano il Paese, sul fronte della West Bank, dove Hamas-Iran sarebbero al potere, e più a sud sul fronte della Striscia di Gaza, sede di Hamas dal 2007, finanziato e armato da tempo dall’Iran, dopo che nel 2005 Israele si era ritirato da quel territorio. Le prospettive per Gerusalemme sono fosche, purtroppo.

Immagine correlata
Antonio Donno

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT