sabato 12 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Antonio Donno
Israele/USA
<< torna all'indice della rubrica
Il nuovo accerchiamento di Israele 04/06/2021
Il nuovo accerchiamento di Israele
Analisi di Antonio Donno

A Gaza noi di Hamas non ci siamo arresi. E abbiamo dimostrato che Israele  non è impenetrabile

La recente aggressione di Hamas a Israele e gli eventi che si sono verificati a Gerusalemme e nelle città israeliane a popolazione mista pongono al governo israeliano e alle sue forze di difesa un problema mai emerso finora nei confronti militari tra Israele e i palestinesi, a qualsiasi gruppo terroristico essi appartengano: l’accerchiamento. In realtà, sia la guerra del 1948-49, sia quella del 1967, sia ancora quella del 1973 erano impostate secondo la strategia dell’accerchiamento, ma oggi la situazione è diversa. In quelle precedenti circostanze erano gli Stati arabi con le loro forze armate a stringere d’assedio Israele, con il sostegno politico e militare dell’Unione Sovietica. Erano, di fatto, episodi che rientravano nella logica della Guerra Fredda, il che comportava un confronto tra Mosca e Washington, che apertamente sosteneva Israele. La sconfitta dei paesi arabi rappresentò una cocente sconfitta politica dell’Unione Sovietica. I contendenti si affrontarono a viso aperto, senza che i sovietici e gli americani entrassero direttamente nel gioco della guerra, perché ciò avrebbe comportato un conflitto tra le due superpotenze dagli effetti tragici a livello globale. Sia Mosca, sia Washington ne erano perfettamente consapevoli: sapevano bene che un confronto diretto avrebbe comportato la distruzione reciproca.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica è venuto meno questo equilibrio planetario. Il Medio Oriente ne ha risentito pesantemente e lo stesso Israele si è trovato a fronteggiare nuovi nemici entrati prepotentemente, da protagonisti, nello scenario mediorientale. L’Iran e la formazione terroristica ad esso collegata (Hezbollah), la Jihad islamica, Hamas che controlla Gaza: sono tutte forze che fanno riferimento al progetto globale islamico di conquista del mondo attraverso la guerra santa, a cominciare dalla distruzione dello Stato di Israele, il nemico numero uno. Queste formazioni non hanno alcuna connessione politica progettuale con potenze esterne al contesto mediorientale – come nei decenni della Guerra Fredda – perché si muovono in totale indipendenza, ispirate da una finalità religiosa globale.

Ne deriva che l’accerchiamento messo in atto da queste forze ha caratteristiche del tutto diverse da quelle presenti nell’azione combinata degli eserciti dei paesi arabi nel 1948-49, nel 1967 e nel 1973. Innanzitutto, il fanatismo religioso, di cui si è detto. Se nelle guerre citate, il dato politico era prevalente nell’azione araba, secondo il progetto del protettore sovietico, il cui fine era quello di egemonizzare il Medio Oriente utilizzando lo strumento arabo, oggi è il fanatismo religioso, la jihad, a rendere l’azione islamica indipendente da qualsiasi protezione esterna, perché volta al trionfo dell’Islam nell’intera regione, e poi ancora più avanti. Il fattore religioso, l’ideologia islamista, dunque, non conosce ostacoli perché è libera da legami politici connessi a valutazioni d’ordine strategico, come – è utile ripeterlo – durante la Guerra Fredda.

L’ideologia islamista di conquista del Medio Oriente porta a considerare il secondo fattore del nuovo accerchiamento: i palestinesi presenti in modo significativo all’interno di molte città israeliane. Così, l’attacco di Hamas a Israele ha coinvolto non solo i palestinesi presenti nei territori amministrati dall’Autorità Nazionale Palestinese, ma anche – per la prima volta – i palestinesi che vivono nelle città israeliane. Questa novità rappresenta un successo per Hamas, perché il suo richiamo ideologico-religioso ha fatto breccia in molti settori arabo-israeliani. Il nuovo accerchiamento si arricchisce, così, di un fattore esplosivo interno alla stessa realtà territoriale israeliana. Infine, il terzo elemento che distingue l’attuale accerchiamento da quello delle tre guerre precedenti è la modernità degli armamenti, che provengono dall’Iran e, in parte, dalla Turchia. Nelle guerre contro Israele, gli arabi hanno combattuto facendo uso delle armi tradizionali, facendo affidamento su un’azione di penetrazione armata nel territorio di Israele, secondo la consueta strategia militare. Oggi gli aggressori di Israele utilizzano missili, razzi e tutte le novità tecnologiche della guerra moderna. Se questo tipo di aggressione dovesse implicare l’azione congiunta delle formazioni terroristiche (Hamas, Jihad islamica, Hezbollah) lungo l’intero arco dei confini dello Stato ebraico, i problemi difensivi di Gerusalemme si moltiplicherebbero, ponendo una gravissima minaccia alla tenuta difensiva del Paese.

Immagine correlata
Antonio Donno

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT