sabato 12 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa Ŕ parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Antonio Donno
Israele/USA
<< torna all'indice della rubrica
La guerra strisciante tra Israele e Iran 10/04/2021
La guerra strisciante tra Israele e Iran
Analisi di Antonio Donno

Iran's Nuclear Capabilities Fast Facts - CNN

La guerra a bassa intensitÓ che si va svolgendo tra israeliani e iraniani (e loro affiliati nel Medio Oriente) sta a indicare che la situazione nella regione si sta aggravando. Di questo Ŕ consapevole l’Amministrazione Biden, che sta avviando un lento processo di avvicinamento al regime iraniano, come gli incontri recenti di Vienna hanno dimostrato. Si tratta soltanto di premesse che favoriscono le posizioni attendiste di Teheran. Il regime iraniano non ha alcun interesse a dimostrare agli americani di voler a tutti i costi un negoziato conclusivo sulla questione del nucleare e intanto lascia campo libero alle sue milizie sparse in vari punti della regione di effettuare attacchi verso le navi o le postazioni terrestri israeliane, alle quali Gerusalemme risponde senza alcuna esitazione, mettendo in atto procedure belliche innovative nei confronti delle navi iraniane che trasportano il greggio. Non Ŕ nell’interesse degli ayatollah iraniani, tuttavia, alzare il livello dello scontro con gli israeliani. Se ci˛ avvenisse, Washington sarebbe costretta ad assumere una posizione chiara contro l’Iran e a favore di Israele, la qual cosa danneggerebbe le intenzioni di Teheran di portare gradualmente gli americani verso una sostanziale rinnovata accettazione del Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpoa), firmato da Obama e da altri Paesi europei nel 2015. Per questo motivo, Teheran mantiene opportunamente l’attacco a Israele ad un livello che non suggerisce la sua volontÓ di portare lo scontro ad un’intensitÓ tale da aprire un vero e proprio conflitto con Gerusalemme, ma che dimostra la propria attiva presenza politica e militare sullo scenario mediorientale.


Joe Biden

Il regime iraniano sta sfruttando abilmente la situazione presente: l’incertezza che deriva dai risultati delle elezioni israeliane e, nello stesso tempo, gli approcci prudenti dell’Amministrazione americana. L’Amministrazione Biden non pu˛ compiere passi negoziali che possano apparire al regime iraniano come una frettolosa disponibilitÓ americana a chiudere la questione del nucleare iraniano, anche se non Ŕ dato sapere, in questo momento, a quale livello si sia attestato il dibattito interno tra le varie istanze presenti in seno al governo di Washington. Non Ŕ nell’interesse dell’Amministrazione americana prendere le distanze in maniera netta dagli esiti raggiunti da Trump nella questione iraniana. Le sanzioni imposte da Trump al regime di Teheran esercitano un tale peso politico sull’Amministrazione Biden che sarebbe controproducente per i democratici dare l’impressione a Teheran di voler porre subito sul terreno negoziale la riduzione o persino l’eliminazione di tali sanzioni. Anche a livello internazionale ci˛ apparirebbe un punto di debolezza molto grave da parte americana. Tutti i Paesi del Medio Oriente, e in particolare quelli degli Accordi di Abramo, attendono con la massima attenzione l’evoluzione dei fatti. Nel frattempo, la Cina stipula patti economici con l’Iran e apre un dialogo con gli attori del Golfo Persico.

La presenza cinese avrÓ conseguenze di grande importanza per gli equilibri economici e strategici della regione. ╚ di vitale importanza che gli Stati Uniti mettano in atto una politica che non si limiti alle questioni del nucleare iraniano, ma che tenga in conto quella complessitÓ di problematiche economiche e strategiche che possono subire fondamentali modificazioni a causa della sempre pi¨ pressante pervasivitÓ di Pechino nel Medio Oriente. ╚ ormai un dato del passato ci˛ che scriveva Henry Kissinger nel 2011 in On China: “La Cina Ŕ rimasta uno spettatore agnostico di fronte alla diffusione della potenza americana per tutto il mondo musulmano e soprattutto agli obiettivi ambiziosi proclamati dall’Amministrazione Bush sulla trasformazione democratica [della regione]ö (p. 493). A distanza di dieci anni, la situazione si Ŕ capovolta. Israele, dal canto suo, oltre che rispondere agli attacchi iraniani, deve risolvere la situazione politica interna. Gerusalemme segue le mosse dell’Amministrazione americana, ma solo un nuovo governo avrÓ la piena autorevolezza per confrontarsi con Washington sulle questioni sul tappeto.

Immagine correlata
Antonio Donno

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT