domenica 28 novembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ricordiamo i profughi dimenticati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Un matrimonio ebraico in Bahrain: una nuova era per gli ebrei nel mondo arabo? 30/10/2021
Un matrimonio ebraico in Bahrain: una nuova era per gli ebrei nel mondo arabo?
Analisi di Giovanni Quer

Kafr Qasim - Wikipedia
Kufr Qassem

Il 29 ottobre del 1956 era iniziata la crisi di Suez, e Israele temeva un’altra guerra dai Paesi arabi. Per prevenire possibili disordini nei villaggi arabi sull’allora linea armistiziale, l’esercito aveva imposto il coprifuoco dalle 17:00. La polizia di frontiera era stata dispiegata all’entrata di ogni villaggio, compreso Kufr Qassem, solo mezz’ora prima. Molti dei residenti erano al lavoro e non tutti sono stati avvisati del coprifuoco. La polizia militare ha sparato a 48 residenti, uomini, donne e bambini. In seguito all’incidente, i tribunali israeliano hanno affrontato la questione giuridica della possibile disobbedienza a un ordine manifestamente illegale. Il massacro di Kufr Qassem è ricordato nei libri di educazione civile come un esempio di ordine manifestamente illegale, mentre è ricordato dal pubblico arabo come l’inizio di quella che è percepita come una politica di discriminazione sistemica contro la popolazione araba.

Chi è Isaac Herzog, nuovo presidente di Israele
Isaac Herzog

Nel villaggio di Kufr Qassem c’è un museo sul massacro, con una stanza che riporta i nomi delle vittime, mentre canzoni e cerimonie sono condotte ogni anno. Quest’anno ha partecipato anche il Presidente Isaac Herzog, che ha formalmente chiesto scusa per il massacro, parlando prima in ebraico e poi in arabo. Il suo predecessore Rivlin aveva anche partecipato alla cerimonia nel 2014, riconoscendo l’incidente come un “crimine”. Herzog ha anche promesso che l’incidente avrà un ruolo più importante nell’istruzione scolastica. La partecipazione del Presidente dello Stato ha un significato politico e sociale. Mentre per la prima volta un governo israeliano si regge su un accordo di coalizione di cui fa parte anche un partito arabo, ci si chiede sempre, soprattutto all’ombra delle violenze etniche di pochi mesi fa (gli “incidenti” di maggio 2021, come ormai sono chiamati), se e come ebrei e arabi possano vivere insieme in Israele. Nonostante la Knesset non abbia ancora approvato la proposta di legge sulla memorializzazione del massacro del 1956 proposta ogni anno a ottobre, la memoria storica araba sta facendosi strada anche tra il pubblico israeliano. Molti considerano questo cambiamento un pericolo per le convinzioni storiche e politiche sioniste, mentre altri vedono il cambiamento in senso positivo. Israele è abbastanza forte, sia socialmente sia ideologicamente, da potersi permettere di includere anche una memoria storica sugli incidenti del passato. In questo modo l’ethos israeliano si rafforzerà e le minoranze si sentiranno ascoltate e parte del discorso pubblico.


Giovanni Quer (1983), ricercatore presso il Centro Kantor per lo studio dell'Ebraismo Europeo Contemporaneo e dell'antisemitismo, Università di Tel Aviv.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT