sabato 18 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
La crisi dei soldi del Qatar: prima che Hamas perda la pazienza 08/08/2021
La crisi dei soldi del Qatar: prima che Hamas perda la pazienza
Analisi di Giovanni Quer

Analysts: Qatar supports Gaza not Hamas | Qatar | Al Jazeera
Ismail Haniyeh, capo di Hamas

La relativa sicurezza ai confini di Gaza nei quattro anni precedenti all’operazione militare di maggio era stata raggiunta con un accordo tra il Qatar e Hamas. Il Qatar dà passa soldi a Gaza, ridotta allo stremo dalle sanzioni imposte da Ramallah e dall’embargo israeliano. I milioni del Qatar dovrebbero servire ad alleviare la crisi umanitaria, ma poiché trattasi di un’organizzazione terroristica, parte di essi sono destinati alle attività militari. Da un mese non si trova però una soluzione per il trasferimento di circa 30 milioni di dollari, e senza soluzione Hamas si può spazientire.   Dopo l’operazione militare “Guardiano delle Mura” del maggio 2021, Israele ha vietato il trasferimento fisico dei fondi, che fino a oggi erano trasferiti in valigioni pieni dei milioni di dollari che da Doha entravano a Gaza. Si era proposto il trasferimento dei fondi attraverso l’ONU, ma il Qatar ha rifiutato. Unica soluzione: trasferimenti bancari, più sicuri, più eleganti.  

L'Opinione delle Libertà

L’Autorità Palestinese è stata coinvolta per trovare delle banche per la complessa operazione, ma nessun gruppo finanziario vuol esser coinvolto. Perché? Per la paura delle sanzioni americane, che graverebbero su qualsiasi banca che decida di trasferire fondi a Hamas o a organizzazioni a esso legate, in quanto nella lista nera delle organizzazioni terroristiche di Washington.   Nel frattempo si tenta di trovare una soluzione: una banca che accetti il rischioso compito o il permesso americano di agire attraverso la rete finanziaria palestinese, o altra soluzione creativa per non attivare le sanzioni degli USA.   L’Autorità Palestinese non è per nulla dispiaciuta nel vedere Hamas senza soldi. ma nel frattempo Hamas sta perdendo la pazienza. In passato, quando i fondi non arrivavano in tempo, Hamas era pronta a lanciare qualche missile, ora che i soldi proprio non arrivano deciderà Hamas di iniziare una nuova guerra?


Giovanni Quer (1983), ricercatore presso il Centro Kantor per lo studio dell'Ebraismo Europeo Contemporaneo e dell'antisemitismo, Università di Tel Aviv.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT