mercoledi` 10 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Anche i razzisti devono poter dire la propria 19/02/2015
 Anche i razzisti devono poter dire la propria
Commento di Giovanni Quer


Baruch Marzel, Haneen Zoabi

La struttura della democrazia israeliana è più vicina all'America che all'Europa. La libertà di opinione e di espressione sono garantite fino al punto di permettere a professori, attivisti e opinionisti di esprimere opinioni razziste verso Israele o verso gli arabi.

La Corte Suprema ha deciso ieri che Haneen Zoabi e Baruch Marzel potranno partecipare alle elezioni. Entrambi esclusi dalla campagna elettorale per la loro attività politica e sociale di incitamento al razzismo, sono stati riammessi nelle liste per la Knesset.

Haneen Zoabi era la punta di diamante del partito Balad, ora della Lista Araba Unita. Ha partecipato alla flottiglia su Gaza, appoggia l'atomica iraniana, ha insultato forze di polizia, incita all'odio contro Israele. Secondo la Corte, molto chiasso e poco pericolo. Baruch Marzel era il braccio destro di rav Meir Kahane, un estremista anti-arabo assassinato nel 1990 a New York. Marzel ha un fitto "curriculum criminale": attacchi ai palestinesi, ai soldati israeliani, incitamento alla violenza contro i gay, ha incitato all'assassinio di Uri Avnery (giornalista e attivista di estrema sinistra).

L'unico giudice dissenziente è Elyakim Rubinstein (giudice religioso), che si è opposto alla reintroduzione di Marzel. È complicato pensare che permettere a estremisti razzisti di avere il podio possa non degenerare. Eppure la marginalizzazione delle voci estremiste non è mai servita a fermare il dilagare del razzismo.

Haneen Zoabi non rappresenta forse nemmeno la metà del pubblico arabo. Allora perché non coinvolgere di più i rappresentanti arabi pro-israeliani che vogliono integrarsi e non sono ostili allo stato? Baruch Marzel è nella lista di Eli Yishai, ex leader di Shas, il partito ortodosso sefardita, che ha lasciato nel mezzo di polemiche l'anno scorso. Marzel aveva un proprio partito che non è riuscito mai ad arrivare alla metà del minimo dei voti necessari per accedere in parlamento.

Farne dei martiri e dei guru lasciandoli ai margini della società o coinvolgerli nel dialogo politico e lasciare che sia la vita democratica a travolgerli? Israele opta per la seconda.


Giovanni Matteo Quer


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT