venerdi 09 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
B'Tselem e il ricercatore palestinese che nega la Shoah 07/10/2014
 B'Tselem e il ricercatore palestinese che nega la Shoah
Commento di Giovanni Quer



La ONG israeliana B'Tselem


Yad VaShem, il memoriale della Shoah a Gerusalemme

Dopo che Tuvia Tenenbom ha dato alla stampa un video in cui un ricercatore arabo di B'Tselem negava che la Shoah fosse avvenuta, è iniziata una una lotta sul web: B'Tselem chiedeva ulteriori prove, dicendo che Tuvia era un mezzo impostore perché ha nascosto la sua vera identità; altri chiedevano a B'Tselem di fare pubbliche scuse e licenziare il "ricercatore".

Giorni fa è stato rilasciato un video più lungo, che conferma il negazionismo del ricercatore di B'Tselem. Lo stesso ricercatore aveva guidato un gruppo di giovani italiani nel viaggio in Israele e "Palestina" organizzato dalla ONG italiana "Casa per la Pace", con sede a Milano. In Israele avevano incontrato Itamar Shapira, che dentro lo Yad Vashem invitava i giovani italiani a guardare oltre la "narrativa ebraica" per capire le radici del conflitto - che ovviamente hanno origine nella natura sanguinaria degli ebrei.

In Facebook la portavoce di B'Tselem all'inizio negava l'evidenza. Ieri invece, solo in ebraico e solo su Facebook, B'Tselem ha pubblicato un messaggio in cui si scusa per le vedute ripugnanti e disgustose del proprio "ricercatore", che ovviamente non condivide. Le ONG israeliane si appoggiano a ricercatori locali per raccogliere informazioni e notizie dai territori, che poi vengono elaborate in report che finiscono sui tavoli dei diplomatici europei per poi definire le politiche, posizioni o azioni comuni di governi, ministeri e organizzazioni internazionali. Ma chi controlla i ricercatori locali? Chi verifica le loro credenziali?

 Il fatto che "un ricercatore" sia stato trovato a negare la Shoah di fronte a quello che credeva essere un giornalista tedesco, dopo aver indottrinato un gruppo di ragazzi italiani è molto più grave di "un semplice ricercatore" per due motivi. Anzitutto non è un mistero che nel mondo arabo il negazionismo e l'antisemitismo europeo siano letture molto diffuse, quindi è presumibile che tutti i "ricercatori" delle ONG siano stati esposti alla propaganda anti-giudaica. In secondo luogo, è anche difficile trovare un locale nel mondo arabo che non abbia un'agenda politica di qualche sorta. Dunque è difficile pensare che sia veramente un fenomeno limitato e isolato. O forse può essere che lo sia, ma non sarebbe il caso allora di fare delle indagini?

Non è il caso di chiedere a "Casa per la Pace" - Milano, come sceglie le proprie "guide" in Israele e Palestina? Non è questione di maccartismo, come incominceranno di certo a urlare gli attivisti, ma di buon senso. E' questo che manca nelle ONG.


Giovanni Quer


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT