venerdi 28 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
I fuochi di San Silvestro in Francia 03/01/2022
I fuochi di San Silvestro in Francia
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Capodanno - Wikipedia

Gérard Darmanin, Ministro degli Interni francese, si è congratulato per il calo della violenza e della mobilitazione della polizia nella notte tra venerdì 31 dicembre e sabato 1 gennaio. “Il numero di veicoli bruciati è in diminuzione rispetto agli anni precedenti, così come gli attacchi alle forze dell’ordine”, ​​ha detto con soddisfazione, cifre alla mano. In Francia, infatti, sono stati dati alle fiamme “solo” 874 veicoli. Per ottenere questo insperato risultato, erano stati mobilitati quasi centotrentamila agenti di sicurezza. Due agenti di polizia, intervenuti per porre fine alla “violenza urbana” a Strasburgo, sono rimasti leggermente feriti. Secondo il ministero ci sono stati anche alcuni colpi di mortaio contro altri agenti di polizia o i loro veicoli. Il ministro non ha ritenuto opportuno evocare le cause di un fenomeno ricorrente che scandisce i “festeggiamenti” della notte di San Silvestro, contraddistinta per il passaggio da un anno all'altro. Sarebbe stato molto dispiaciuto nel farlo, perché a priori, nulla giustifica queste “inciviltà.”

Un tempo, il 1° gennaio, ricorrendo l'ottavo giorno successivo alla nascita di Gesù di Nazareth, vi si celebrava la sua circoncisione, ed è questo il nome che veniva indicato sul calendario delle Poste, ma dal 1974 la Chiesa Cattolica non fa più menzione di questa festa e quella denominazione cadde in disuso. Utilizzato oggi come data di riferimento quasi ovunque nel mondo, il 1° gennaio ha perso da allora ogni connotazione religiosa. Così l'Islam è sì, la religione di Stato negli Emirati Arabi Uniti, ma le autorità hanno reso il 1° gennaio un giorno festivo, e l'occasione è stata caratterizzata da spettacolari fuochi d'artificio, senza che alcuna manifestazione venisse a turbare la festa. A Tel Aviv abbiamo ballato fino all'alba. In Francia, né il ministro né i media hanno cercato di approfondire il problema, ad esempio individuando l'ambiente da cui provengono gli incendiari e quelli che sparano - con i mortai! – sulle forze dell’ordine; stavano tutti ben attenti a non mettere piede su un campo minato. “ Nessuno stereotipo” è diventato il mantra di una Francia ipocrita, soprattutto con l'avvicinarsi delle elezioni presidenziali ed è importante non stigmatizzare o disturbare parte dell'elettorato. Insomma, questo Paese, sempre così pronto ad analizzare cosa c'è che non va negli Stati suoi vicini, ma anche in altre nazioni spesso prese di mira, facendo loro rimostranze e minacciandole con sanzioni o denunce davanti alle istituzioni internazionali, non è pronto ad analizzare quanto sta accadendo nelle sue campagne, nelle sue città e diciamolo francamente, nelle sue periferie. La Francia è sempre pronta a stigmatizzare la giustizia degli altri, il lassismo verso certe categorie di cittadini, ma non vuole vedere che quello che sta succedendo in casa sua non è poi così diverso. Il Ministro può rallegrarsi del fatto che quest'anno sono state incendiate meno auto rispetto all'anno scorso, ma scommettiamo che i loro proprietari e le compagnie assicurative sono molto meno felici?

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT