sabato 13 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Setteottobre Rassegna Stampa
17.06.2024 Israele: il G7 si è voltato dall'altra parte
Commento di Stefano Parisi

Testata:Setteottobre
Autore: Stefano Parisi
Titolo: «Israele: il G7 si è voltato dall'altra parte»

Riprendiamo da SETTEOTTOBRE online l'analisi di Stefano Parisi dal titolo "Israele: il G7 si è voltato dall'altra parte"

Stefano Parisi, presidente dell'associazione Setteottobre
Nessuno ha mosso critiche all'ospite Erdogan (amico di Hamas) e a Lula (che ha paragonato Israele a Hitler) durante il G7 di Borgo Egnazia


Il G7 di Borgo Egnazia ha dato la chiara percezione della remissività e paura dei leaders del mondo libero nell’affrontare il terrorismo e i paesi che lo finanziano e supportano. Sembrano leaders non consapevoli del rischio che i loro paesi e i loro popoli corrono, del fatto che l’attacco a Israele è l’attacco all’occidente, che dopo Israele l’obiettivo sono le nostre città, i luoghi della nostra libertà. I leader riuniti in Puglia avevano l’opportunità di dichiarare in modo inequivocabile il loro sostegno a Israele e al suo popolo, di voler difendere la sua esistenza e il diritto degli israeliani di vivere in sicurezza. Come hanno dichiarato per l’Ucraina, avrebbero dovuto affermare la loro volontà di sconfiggere gli aggressori anche con l’aiuto militare diretto a Israele. Perché tanta, giusta, fermezza verso la Russia e tanta cedevolezza verso Hamas e il terrorismo? Perché Hamas viene ancora considerato un interlocutore? Perché il G7 non si pone l’obiettivo esplicito di sradicare il terrorismo e l’odio verso Israele (unica vera precondizione per realizzare l’obiettivo dei due popoli e due stati)? Perché c’è un invito esplicito a Israele di riconoscere lo Stato palestinese (cosa che Israele è stata disponibile a fare dal 1948) e non c’è nessun altrettanto esplicito invito all’ANP di accettare Israele? Perché si esprime solo “preoccupazione” per la situazione al nord (Israele sotto l’attacco di Hezbollah, finanziato dall’Iran, 10.000 missili lanciati contro Israele nell’ultimo mese, 60.000 israeliani sfollati da mesi, che si aggiungono ai 50.000 al sud sotto attacco da Gaza) e si invitano “gli attori coinvolti” (senza mai citare Hezbollah) a evitare un’escalation, il che vuol dire:  “Hezbollah continua pure a lanciare missili come stai facendo ma Israele non contrattaccare”, e ci si affida, incredibilmente, al LAF (forze armate libanesi) e all’UNIFIL per risolvere il problema? 

Perché è così netto, minaccioso e dettagliato l’appello all’Iran a fermare l’aiuto militare alla Russia e così generico e ambiguo l’invito a non compiere più “dannose attività di destabilizzazione in Medio Oriente”?

L’Iran, il Qatar e i loro proxy Hamas, Houti, Hezbollah, non hanno un obiettivo territoriale, hanno un obiettivo “ideale”: cancellare Israele dalla faccia della terra. Il G7 di Borgo Egnazia ha dato loro ulteriori speranza di successo.  


ADDENDA

I leader dei 7 grandi paesi del mondo, a Borgo Egnazia, erano seduti allo stesso tavolo con Recep Tayyp Erdogan, che ha ricevuto e abbracciato leader di Hamas, e Luis Inacio Lula da Sylva che ha dichiarato che Israele sta commettendo un genocidio e che è come Hitler con gli Ebrei. Erano invitati e trattati con il massimo rispetto.

Per inviare a Setteottobre la propria opinione: cliccare QUI




Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT