lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Terrasanta.net Rassegna Stampa
27.05.2008 Evviva il "ritorno dei profughi", e la conseguente distruzione di Israele
per il bene (illusorio) dei cristiani

Testata:Terrasanta.net
Autore: Giuseppe Caffulli
Titolo: «Cristiani, diplomazia e discriminazione»

"Il riconoscimento d'Israele e l'avvio di rapporti diplomatici in cambio della pace con i palestinesi, del ritiro israeliano dai Territori occupati e del ritorno dei profughi (in pratica la proposta dell'Arabia Saudita ribadita nel Vertice della Lega araba di Damasco a fine marzo)" scrive  Giuseppe Caffulli su TERRASANTA:NET "significherebbe anche per milioni di cristiani la fine di un'inammissibile discriminazione".

Ricodiamo che il "ritorno dei profughi" significherebbe la fine di Israele, la sua trasformazione in uno stato arabo-islamico. Anche per i cristiani, allora, incomincerebbe davvero "un'inammissibile discriminazione" simile a quella oggi in vigore nell'Islam, ma non in Israele.

Ecco il testo completo dell'articolo:

A fine marzo un sacerdote francescano, membro di un gruppo di pellegrini studenti di teologia a Roma, è stato respinto alla frontiera dai servizi di sicurezza israeliani. Pur avendo i documenti in regola, il sacerdote è stato rispedito a Roma. Unica colpa: essere cittadino del Pakistan, Paese a maggioranza musulmana che non ha rapporti diplomatici con Israele.

Lo stato di perenne tensione con i Paesi a maggioranza musulmana crea una situazione davvero paradossale per le minoranze cristiane, che non possono recarsi in Israele neppure per questioni religiose. Se si escludono Giordania, Egitto, Turchia, Mauritania e Albania, Israele non viene riconosciuto da nessun Paese a maggioranza musulmana.

Ad oggi sono una trentina (31 per l'esattezza, comprese Cuba e Corea del Nord) le nazioni del mondo che non hanno relazioni ufficiali con lo Stato ebraico. Tra questi Paesi ve ne sono alcuni nei quali la presenza cristiana è tutt'altro che trascurabile. Basti pensare al Sudan (circa 3 milioni di fedeli), alla Siria (almeno 750 mila), all'Iraq (circa mezzo milione), al Libano (un milione e 300 mila), al Pakistan (10 milioni).

Il riconoscimento d'Israele e l'avvio di rapporti diplomatici in cambio della pace con i palestinesi, del ritiro israeliano dai Territori occupati e del ritorno dei profughi (in pratica la proposta dell'Arabia Saudita ribadita nel Vertice della Lega araba di Damasco a fine marzo) significherebbe anche per milioni di cristiani la fine di un'inammissibile discriminazione.

I cristiani pakistani stanno facendo pressione perché il governo di Islamabad arrivi a stabilire pieni rapporti diplomatici con Israele. Nel 2004 si era aperto un piccolo spiraglio, subito sbarrato dalle frange fondamentaliste pakistane. Ora, nell'anno del sessantesimo dalla nascita di Israele, qualcuno torna a sperare.

Per scrivere all'autore cliccare sul "Scrivi all'autore" al seguente link

http://www.terrasanta.net/terrasanta/ter_det.jsp?wi_number=1135&wi_codseq=TS0803

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT