mercoledi` 29 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa - Libero Rassegna Stampa
07.01.2022 Usa: Joe Biden a precipizio
Commenti di Francesco Semprini, Corrado Ocone

Testata:La Stampa - Libero
Autore: Francesco Semprini - Corrado Ocone
Titolo: «Il tycoon è a suo agio da capo dell'opposizione la coppia Biden-Harris sprofonda nei sondaggi - Agli Stati Uniti non servono le bugie di Biden»
Riprendiamo dalla STAMPA, oggi 07/01/2022, a pag. 17, con il titolo "Il tycoon è a suo agio da capo dell'opposizione la coppia Biden-Harris sprofonda nei sondaggi", l'analisi di Francesco Semprini; da LIBERO, a pag. 1-7, il commento di Corrado Ocone dal titolo "Agli Stati Uniti non servono le bugie di Biden".

Ecco gli articoli:

LA STAMPA - Francesco Semprini: "Il tycoon è a suo agio da capo dell'opposizione la coppia Biden-Harris sprofonda nei sondaggi"

Risultati immagini per francesco semprini
Francesco Semprini

Donald Trump descrive il cerimoniale di Washington come un teatrino Dem volto a celare la realtà, ovvero che Biden «ha completamente e totalmente fallito». «È tutta una distrazione», replica l'ex presidente in una nota, ribadendo che «i democratici vogliono fare loro questo giorno del 6 gennaio in modo da alimentare le paure e dividere il Paese».«Lasciamoglielo, perché l'America è in grado di vedere attraverso le loro bugie», chiosa Trump, che rinunciando al contro-sermone di Mar-a-lago rimanda tutti al comizio del 15 gennaio in Arizona. Appare del tutto a suo agio il tycoon nel ruolo di capo dell'opposizione in remoto, le cui parole giungono nel generale silenzio del Gop. Se dopo l'assalto fu abbandonato da gran parte degli alleati e dato per finito, oggi la sua leadership appare salda. Ea suo sostengo arrivano i sondaggi: due terzi dei repubblicani non vedono il 6 gennaio 2021 come un attacco al governo e tre quarti dice che Biden è un presidente illegittimo. Retorica che si nutre del crollo dei consensi ai minimi storici dell'inquilino della Casa Bianca (44% alla fine del 2021), secondo solo a quello di Kamala Harris, sprofondata al 28%. II tutto sullo sfondo del freddo cambio della guardia al podio tra vice e presidente nella cerimonia di ieri a Capitol Hill.

LIBERO - Corrado Ocone: "Agli Stati Uniti non servono le bugie di Biden"

Biden all'attacco sul 6 gennaio: il piano per risorgere in tre mosse-  Corriere.it
Joe Biden

Certo, non ci si poteva aspettare che Joe Biden facesse al Congresso un discorso di verità. È pur sempre il leader di una parte politica. Ma oggi forse l'America avrebbe bisogno di qualcuno che fosse un vero leader e dicesse al Paese non una mezza verità, ma la verità tutta intera. Non si può dar torto al quarantaseiesimo II discorso al Congresso Biden nasconde agli Usa la verità Per il presidente è il trumpismo l'unica minaccia alla democrazia occidentale presidente degli States quando dice che l'ostinazione con cui Trump ha rifiutato un anno fa il risultato elettorale, scatenando, in qualche modo, l'attacco a Capitol Hill, ha rappresentato un vulnus per la democrazia americana. Anzi, potremmo aggiungere, per l'idea classica stessa di democrazia liberale. Non ci si può però limitare a questa osservazione di facciata per capire i motivi profondi di quella sorta di insurrezione e comprendere come fronteggiare in futuro prevedibili altri stress test a cui le democrazie saranno sottoposte. Ciò che più non convince è, in linea generale, leggere la crisi della democrazia, come Biden ha fatto, con le chiavi interpretative del Novecento. Un anno fa non ci siamo trovati di fronte a una sfida fra democrazia e autocrazia, con da una parte i buoni democratici e dall'altra i repubblicani soggiogati dalla figura di un aspirante autocrate che, come Biden ha detto, ha messo il suo ego smisurato al di sopra della nazione. Prima di tutto, le spinte antisistema Biden dovrebbe cercarle anche in casa sua: se è vero che i repubblicani "sembrano non voler più essere il partito di Lincoln, Eisenhower, Reagan e dei Bush"; dall'altra parte gli stessi democratici sono oggi dominati da un estremismo politico che a mala pena Biden riesce a tenere a freno, tanto che la sua sembra essere dopo un anno una presidenza debole, incapace o impossibilitata a guidare con mano ferma la barca dell'America. Biden è appoggiato e condizionato da una pletora mai vista di socialisti integralisti che, essi sì, vorrebbero fare dell'America ciò che mai non è stata, uno stato nemico del capitalismo e della proprietà privata; da populismi e movimentismi che non conoscono l'abc della democrazia: da minoranze, anche intellettuali, che hanno fatto della lotta alle "discriminazioni" una nuova forma di intolleranza che anch'essa poco ha a che vedere con la tradizione politica americana.

ATTO CONCLUSIVO Capitol Hill fu lo scellerato atto conclusivo di una campagna elettorale violenta, dall'una e dall'altra parte; e distinguere la verità dalla menzogna, come Biden ha chiesto di fare, non è impresa così facile come lui crede o vorrebbe far credere. In sostanza, Trump, se si vuole, è un epifenomeno di un sistema politico che si è polarizzato su posizioni estremistiche e che è lo specchio di una società anch'essa polarizzata e incattivita, ove la "mente americana" si è davvero chiusa e la borghesia, che è la vera spina dorsale della democrazia moderna, tende sempre più a proletarizzarsi Biden sembra non tenere conto di ciò, riducendo tutto, a livello interno non meno che internazionale, ad una lotta fra "società aperta" e fautori di società più o meno chiuse. A livello internazionale ripropone perciò con forza lo schema della guerra fredda, con la Cina che ha assunto il ruolo di principale antagonista al posto dell'Unione Sovietica. A livello interno invece parla da presidente di un'America che non c'è più: "questa - dice - non è una terra di re, dittatori o autocrati, siamo una nazione di leggi". È l'idea del patriottismo costituzionale, della vecchia tradizione repubblicana che fa del governo delle le mi e non degli uomini l'autentico spazio della libertà. Il problema sorge però quando le leggi non vengono più avvertite dal cittadino come imparziali. Oppure quando le cosiddette "azioni positive" fanno, per altra via, perdere alla legge quel carattere di universalità che deve necessariamente avere. L'impressione è che difficilmente, senza una seria analisi complessiva, si possa capire come salvare la democrazia. Né nascondere la polvere sotto il tappeto è una strategia che paga.

Per inviare la propria opinione ai quotidiani, telefonare:
La Stampa 011/65681
Libero 02/999666
Oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it
lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT