domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire - Libero Rassegna Stampa
28.10.2021 'Colonie in Cisgiordania' e tensione Usa-Israele
Due brevi di Avvenire, Libero

Testata:Avvenire - Libero
Autore: le radazioni di Avvenire, Libero
Titolo: «Via libera ad altre tremila case per i coloni in Cisgiordania - Insediamenti: c'è tensione fra Usa e Israele»
Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 28/10/2021, a pag.14, la breve "Via libera ad altre tremila case per i coloni in Cisgiordania"; da LIBERO, a pag. 14, la breve "Insediamenti: c'è tensione fra Usa e Israele".

La breve di Avvenire disinforma a partire dal titolo, che fa riferimento ai "coloni in Cisgiordania". La scelta di questa espressione comporta già un giudizio svalutativo e orienta faziosamente la comprensione del lettore. Libero specifica i motivi dell'intervento dell'Amministrazione americana, la quale non tiene in considerazione un fatto ovvio, cioè la crescita demografica che impone la costruzione di nuove case ovunque in Israele.

Ecco gli articoli:

Antony Blinken, un
Antony Blinken

AVVENIRE: "Via libera ad altre tremila case per i coloni in Cisgiordania"

La Commissione urbanistica del ministero della Difesa israeliano ha approvato i piani per la costruzione di tremila nuove case per coloni in Cisgiordania. L'iniziativa è finita nel mirino dell'amministrazione Usa e dell'Ue. Sulla crisi in mediorientale è intervenuta anche la cancelliera uscente tedesca Angela Merkel. «Riteniamo che la sicurezza di Israele sarà garantita nel modo migliore quando ci sarà anche per i palestinesi uno Stato in cui possono vivere», ha ribadito Merkel prima di un incontro a Berlino con il re di Giordania, Abdallah II.

LIBERO: "Insediamenti: c'è tensione fra Usa e Israele"

Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha protestato duramente con il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, in merito ai piani di costruzione di 3 mila nuove case per coloni in Cisgiordania, definiti «inaccettabili». Lo ha riferito il sito Walla, citando tre fonti israeliane a conoscenza della telefonata tesa avvenuta ieri tra i due. Il capo della diplomazia americana ha condannato come «inaccettabile» l'iniziativa israeliana, puntando il dito sia contro il numero di nuove abitazioni sia la loro localizzazione nella parte interna della Cisgiordania. Blinken ha quindi chiesto a Gantz di tenere in considerazione in futuro la posizione di Washington sugli insediamenti. Il ministro della Difesa israeliano, da parte sua, ha sottolineato di aver ridotto il numero delle unità abitative e ha messo in luce i piani per l'approvazione di 1.300 case per i palestinesi, così come le critiche da lui ricevute per aver incontrato il leader dell'Anp, Abu Mazen, il primo esponente di governo a farlo dal 2010. Sul tema era già intervenuto il portavoce del dipartimento di Stato Ned Price, con i termini più duri mai usati prima da quando è entrata in carica l'amministrazione di Joe Biden: «Siamo profondamente preoccupati per i piani del governo israeliano di costruire migliaia di unità negli insediamenti, molte delle quali nel profondo della Cisgiordania». «Inoltre, siamo preoccupati per la pubblicazione di bandi di gara per 1.300 unità in una serie di colonie in Cisgiordania. Ci opponiamo fermamente all'espansione degli insediamenti».

Per inviare la propria opinione, telefonare:
Avvenire 02/6780510
Libero 02/999666
Oppure cliccare sulle e-mail sottostanti

lettere@avvenire.it
lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT