giovedi` 09 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Ragione Rassegna Stampa
15.10.2021 Hamas in difficoltà: migliaia di palestinesi di Gaza vogliono lavorare in Israele
Commento di Anna Mahjar-Barducci

Testata:La Ragione
Autore: Anna Mahjar-Barducci
Titolo: «Migliaia di palestinesi di Gaza vogliono lavorare in Israele»
Riprendiamo dalla RAGIONE di oggi, 15/10/2021, a pag. 5, l'analisi di Anna Mahjar-Barducci dal titolo "Migliaia di palestinesi di Gaza vogliono lavorare in Israele".

La mia scuola è il mondo. Intervista a Anna Mahjar-Barducci
Anna Mahjar-Barducci

A Gaza noi di Hamas non ci siamo arresi. E abbiamo dimostrato che Israele  non è impenetrabile

Gerusalemme Migliaia di palestinesi si sono presentati alle Camere di commercio di Gaza per ottenere il permesso di lavoro in Israele. Questo mese, le autorità israeliane hanno infatti aumentato a 7mila il numero di permessi per gli abitanti della Striscia (2mila in più rispetto ad agosto). Le immagini che arrivano da Gaza mostrano calche di palestinesi disperati che si spingono l'uno con l'altro per potere accedere agli uffici e ricevere la tanta desiderata documentazione per attraversare il valico di Erez ed entrare finalmente in Israele. Le lunghe file di palestinesi fuori dalle Camere di commercio sembrano però surreali. Solo pochi mesi fa, Hamas aveva lanciato da Gaza migliaia di missili sullo Stato ebraico per undici giorni consecutivi, mostrando video della popolazione festante ogniqualvolta un target veniva colpito a Tel Aviv o nel sud del Paese. Nonostante la propaganda sponsorizzata da Hamas, il popolo sembra volere semplicemente arrivare in pace a fine mese. La realtà infatti è che la maggior parte dei palestinesi lascerebbero molto volentieri la Gaza governata dal movimento islamista per la possibilità di poter vivere in Israele, dove ci sono libertà di parola, opportunità di impiego, diritti lavorativi, stipendi più alti e previdenza sociale. Le foto delle decine di migliaia di palestinesi accalcati per andare in Israele mostra chiaramente come Hamas a Gaza abbia fallito. Negli ultimi sei anni, il Qatar ha destinato solo a Gaza più di 1,4 miliardi di dollari, mentre dal 2008 al 2016 Ue, Usaid, Nazioni Unite e altri enti internazionali hanno dato 20,3 miliardi di dollari per Gaza e la West Bank. Se consideriamo soltanto i finanziamenti dati dall'emirato qatarino, otteniamo un aiuto di circa 234 milioni di dollari all'anno per una popolazione di circa 2 milioni di persone (molto meno di Roma città), con un numero di famiglie calcolato intorno a 5.600. Se questi aiuti qatarini fossero dati per famiglia, ciascuna otterrebbe un budget di circa 42mila dollari all'anno. Gli aiuti però sembrano avere arricchito soltanto i leader di Hamas. Secondo il sito israeliano "Globes", nel 2016 l'ex capo del movimento Khaled Mashaal avrebbe accumulato dai 2 ai 5 miliardi di dollari. Inoltre, il quotidiano saudita "Asharq AI-Awsat" ha riportato che a Gaza ci sarebbero 600 milionari in dollari, molto probabilmente legati a Hamas. Nel 2018, Avigdor Lieberman, allora ministro della Difesa di Israele, aveva detto che Gaza avrebbe «il potenziale per diventare la Singapore del Medio Oriente» se gli investimenti e gli aiuti economici fossero destinati a migliorare la condizione dei residenti dell'enclave palestinese «invece di promuovere il terrorismo». Si calcola infatti che, solo per costruire la rete di tunnel utilizzati per spostare armi e miliziani, Hamas abbia speso più di 90 milioni di dollari. Per molti palestinesi di Gaza il permesso per entrare in Israele rappresenta pertanto quell'opportunità di avere accesso a un lavoro dignitoso che fino a ora è stata negata loro da Hamas.



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT