lunedi` 15 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera - Nazione/Carlino/Giorno - La Stampa Rassegna Stampa
27.07.2021 Fanatismo No Vax, folli paragoni con la Shoah. E senza vaccini si muore
Commenti di Rinaldo Frignani, Roberto Giardina, Elena Loewenthal

Testata:Corriere della Sera - Nazione/Carlino/Giorno - La Stampa
Autore: Rinaldo Frignani - Roberto Giardina - Elena Loewenthal
Titolo: «No al sit-in davanti alla Camera. Segre: folli i paragoni con la Shoah - Complotti, Shoah e follie No Vax. Quelli che tirano in ballo gli ebrei - L'Indonesia piange la strage dei bimbi»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 27/07/2021, a pag.4, con il titolo "No al sit-in davanti alla Camera. Segre: folli i paragoni con la Shoah", l'analisi di Rinaldo Frignani; da NAZIONE/CARLINO/GIORNO, a pag. 7, l'articolo di Roberto Giardina dal titolo "Complotti, Shoah e follie No Vax. Quelli che tirano in ballo gli ebrei"; dalla STAMPA, a pag. 21, con il titolo "L'Indonesia piange la strage dei bimbi", il commento di Elena Loewenthal.

A destra: Liliana Segre

Ecco gli articoli:

CORRIERE della SERA - Rinaldo Frignani: "No al sit-in davanti alla Camera. Segre: folli i paragoni con la Shoah"

Oggi pomeriggio alle 15 la prova generale di quello che potrebbe accadere domani, alle 17.3o e alle 21. No vax e no green pass tornano a piazza del Popolo a Roma per tre manifestazioni consecutive, questa volta non vietate dalla Questura. Anzi, la prima con la location proposta proprio dalla polizia dopo il divieto di manifestare in piazza Montecitorio, richiesta all'inizio dal movimento #ioApro, composto soprattutto da commercianti e ristoratori da sempre contrari alle chiusure causa Covid decise dal governo, che avevano preavvisato la presenza di cento partecipanti. I timori che possano essere molti di più — con il rischio di assembramenti, oltre che di problemi di ordine pubblico — ha spinto la Prefettura a proibire l'evento, poi trasferito in piazza del Popolo, con gli organizzatori che prevedono invece in questo caso «5o mila partecipanti» provenienti da tutta Italia. Un evento comunque non abusivo, al contrario di quelli di sabato scorso, con il ministro Luciana Lamorgese che ribadisce: «Guardiamo con attenzione alle manifestazioni dei no vax, che ricordo non erano autorizzate, anche perché sono stati usati simboli ormai passati, come la stella di David. Non c'è alcuna dittatura sanitaria: vaccinarsi è fondamentale per superare questa pandemia. Tutti i provvedimenti del governo —aggiunge la responsabile del Viminale — sono stati presi per tutelare la salute pubblica e perché la vera libertà è poter andare dove si vuole senza danneggiare gli altri». Anche ai sit-in di domani sono state annunciate circa 50o persone, ma si prevede che la piazza sia gremita. Iniziative analoghe, anche se non ovunque preavvisate, sono state annunciate dal comitato «Libera scelta» in altre dieci città, da Milano a Palermo, da Padova a Santa Teresa di Gallura (Sassari) per le ore 20. A Roma, dove secondo gli organizzatori hanno dato la loro adesione anche volti dello spettacolo ed esponenti politici, come Enrico Montesano, Vittorio Sgarbi, Antonio Maria Rinaldi, Alessandro Meluzzi, Simone Pillon e Gianluigi Paragone, il preavviso è stato presentato in Questura dall'avvocato Edoardo Polacco, del movimento «Sentinelle della Costituzione»: si è occupato dei ricorsi di alcuni medici sospesi dal servizio perché non vaccinati e si appresta domani in piazza a raccogliere firme per querelare il premier Mario Draghi e il virologo Roberto Burioni «per le gravi minacce diffuse contro i cittadini che non hanno voluto vaccinarsi». II rischio di incidenti viene considerato basso, comunque secondario rispetto a quello di nuovi contagi, e dalla Prefettura viene anche confermata l'eventualità della presenza a piazza del Popolo di CasaPound e Forza Nuova. Già oggi le forze dell'ordine isoleranno l'area, con alcune centinaia di agenti soprattutto attorno all'area riservata alla manifestazione. Digos e Scientifica filmeranno striscioni e cartelli, dopo quanto accaduto sempre sabato scorso, con gli espliciti paragoni fra la persecuzione degli ebrei e le ragioni dei no vax e dei no green pass. «Follie, gesti in cui il cattivo gusto si incrocia con l'ignoranza», commenta la senatrice a vita e testimone della Shoah Liliana Segre. «Spero che quei manifestanti rappresentino una minoranza. Perché — si chiede — come si fa a non vaccinarsi con una malattia terribile come questa che ha ucciso senza distinzioni?». E ai complottisti anti-vaccini la senatrice consiglia: «State a casa. Da soli. Non girate per le strade, non danneggiate gli altri».

NAZIONE/CARLINO/GIORNO - Roberto Giardina: "Complotti, Shoah e follie No Vax. Quelli che tirano in ballo gli ebrei"

Immagine correlata
Roberto Giardina

«Se piove o tira vento, è colpa degli ebrei/se nevica o lampeggia/è sempre colpa degli ebrei», sono i versi della canzone di Friedrich Hollaender, sulla trascinante musica dell'Habanera di Bizet. Al cabaret, a Berlino, prima dell'avvento di Hitler, faceva ridere i nazisti, e gli ebrei, che sanno ridere di se stessi sull'orlo dell'abisso. Nel '33, Hollaender, l'autore delle canzoni dell'Angelo Azzurro, non si illuse e fu tra i primi a fuggire dalla Germania. È colpa degli ebrei anche oggi, servono come vittime o come colpevoli. All'inizio della pandemia, qualcuno li accusò: sarebbero i complici, o gli ideatori, della congiura mondiale che con il virus vuol dominare l'umanità. Quali prove? Non servono, gli ebrei - si sa - sono sempre i colpevoli. Possiedono, protetti dall'anonimato, i pacchetti azionari delle società farmaceutiche che guadagnano miliardi vendendo i vaccini contro il Covid. II vaccino sarebbe inutile o, peggio, muterebbe il nostro Dna. Oggi o domani, o tra decenni, ci trasformerà non si sa in che, oppure ci farà morire. Calunnie a cui per alcuni è scontato credere. Basta suggerire che nell'ombra sia all'opera uno scienziato ebreo. A parte il contesto storico, sono le stesse accuse rivolte dai nazisti ai plutocrati giudei: avrebbero complottato per far perdere la Germania nel 1918. II virus ha scatenato antichi fantasmi. In passato, per la peste o iI colera, si dava la colpa agli untori, che erano sempre estranei, stranieri. E spesso erano ebrei, un comodo capro espiatorio, perché sono «diversi», «vengono da fuori». Una favola crudele in quelli che erano definiti i secoli bui, ma che viene ripetuta con qualche variante ancor oggi, quando siamo convinti di credere solo alla scienza. Non si può invocare la logica. I No Vax, quelli che dubitano di tutto, paradossalmente si paragonano agli ebrei, vittime dell'Olocausto. Nelle manifestazioni in piazza si mettono la stella gialla sul petto con la scritta «Green pass». Non varrebbe la pena sprecare parole per questa oscena idiozia. Chi è libero di far chiasso in piazza, a Milano, Roma, o Napoli, osa credere di essere uguale ai sei milioni di ebrei spariti nella camere a gas di Hitler. La stella gialla era un marchio, un lasciapassare per Auschwitz, una condanna a morte. Il Green pass, il lasciapassare verde, è un simbolo di libertà. Puoi andare dove vuoi. I perseguitati dalla dittatura mondiale (sempre organizzata dagli ebrei) ti spiegano che la nuova stella verde condanna chi non ce l'ha. Li esclude dalla vita civile. Strana idea della democrazia: in Italia, come in Francia, Gran Bretagna o Germania non si può imporre a nessuno una cura medica, neppure un'iniezione. Basta pensare ai testimoni di Jehova che preferiscono morire rifiutando una trasfusione. Ma la società avrà il diritto di proteggersi da chi crede alle fandonie. Le fake news sono un virus mortale che si trasmette non per contatto, o respirando in un locale. Basta un clic e il virus che paralizza le intelligenze, attraverso il web, la rete, si diffonde in un istante in tutto il mondo. Ma rimane la domanda su come sia possibile che quanti credono nell'eterno complotto degli ebrei, poi si paragonino a loro, alle vittime della Shoah, mentre sfoggiano la stella gialla o verde sulla maglietta alla moda, liberi di sfogarsi nelle piazze della movida. Forse potrebbe tentare di rispondere il professor Freud. Ma neanche lui riuscirebbe a convincere gli scettici. Come si fa a credere a un ebreo?

Ecco un esempio di che cosa succede in assenza di vaccinazioni:

LA STAMPA - Elena Loewenthal: "L'Indonesia piange la strage dei bimbi"

Risultati immagini per elena loewenthal
Elena Loewenthal

Muoiono come mosche, se non fosse che il paragone è tremendamente inopportuno. Centinaia di bambini muoiono in Indonesia per il Covid-19 secondo un ritmo tanto crudele quanto regolare, in sintonia con l'impennata dei contagi in quello che è uno dei paesi più popolosi al mondo. Sovraffollamento, disarmante lentezza nelle vaccinazioni e per di più basso tracciamento— probabilmente quei bambini sono tanti di più di quelli dichiarati dalle cifre della mortalità "ufficiale". Nella settimana di metà luglio dei centocinquanta bambini che non ce l'hanno fatta almeno la metà aveva meno di cinque anni. Perché? Perché questo dato che, nel mezzo di una pandemia senza precedenti, ci lascia di stucco malgrado in questi mesi si sia ormai visto di tutto? Ancora una volta, questa stramaledetta pandemia sembra capace di sorprenderci con il suo ghigno beffardo, colpendo ora proprio quella fascia d’età che pareva quasi immune. Sarà colpa della variante Delta, sarà colpa della impreparazione globale di fronte a questo gigantesco imprevisto che ci tormenta tutti ormai da quasi un anno e mezzo. Ma forse è colpa soprattutto di un’altra cosa, questa strage di innocenti. Questa cosa si chiama diseguaglianza. Un vecchio adagio ebraico dice che "il mondo si regge sul respiro dei bambini...": dover immaginare quei bambini che muoiono perché il virus strozza loro il respiro è uno scandalo che ci riguarda tutti. Perché quei bambini muoiono di Covid non per fatalità ma perché vivono in un pezzo di mondo molto diverso dal nostro, visto die la cifra di questo nostro mondo è la diseguaglianza. Perché in Indonesia quando i bambini si ammalano non sanno "dove portarli", parola di pediatra, perché gli ospedali sono saturi, i pazienti stanno a casa e contagiano adulti e bambini, in una catena senza fine. E allora, tanto è sacrosanta la campagna vaccinale nel Primo Mondo, tanto è essenziale che i nostri giovani e i nostri bambini siano al riparo dal contagio attraverso la vaccinazione e le misure sanitarie quanto lo è infrangere le diseguaglianze e fare in modo che questo succeda dappertutto, non solo qui, nel nostro ovattato Occidente. Perché se c'è qualcosa che questa stramaledetta pandemia ci ha insegnato è che il virus si fa un baffo dei confini e delle distanze: per il letale microrganismo il Primo Mondo vale tanto quanto il Terzo. Pero i bambini no: i bambini valgono di più. Ovunque nel mondo dovrebbe essere così, ovunque nel mondo il dolore e la morte dei bambini dovrebbe essere uno scandalo inaccettabile, innominabile. E dunque, se in Indonesia muoiono centinaia di bambini a causa del Covid perché non ci sono né posti letto né vaccinazioni né adeguate misure sanitarie, allora dobbiamo sgomentante e riempirci di paura come se quei bambini fossero nostri. E ficcarci una buona volta in testa che questa stramaledetta pandemia finirà soltanto grazie a due cose: i vaccini a tappeto e la consapevolezza che il virus non fa discriminazioni di sorta. Per lui siamo tutti uguali, ai quattro angoli del mondo. Non possiamo dargli torto, a ben pensarci.

Per inviare la propria opinione ai quotidiani, telefonare:
Corriere della Sera 02/62821
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
La Stampa 011/65681
Oppure cliccare sulle e-mail sottostanti

segreteria.redazione.firenze@monrif.net
lettere@corriere.it
lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT