sabato 18 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Riformista - Libero Rassegna Stampa
16.07.2021 Cuba: un regime liberticida
Commenti di Fulvio Abbate, Andrea Morigi

Testata:Il Riformista - Libero
Autore: Fulvio Abbate - Andrea Morigi
Titolo: «Nessuno difenda Cuba - Gli antirazzisti Usa tifano per il regime cubano»

Riprendiamo dal RIFORMISTA di oggi, 16/07/2021, a pag. 2, con il titolo "Nessuno difenda Cuba" l'analisi di Fulvio Abbate; da LIBERO, a pag. 12, con il titolo "Gli antirazzisti Usa tifano per il regime cubano", il commento di Andrea Morigi.

Ecco gli articoli:

Protestas y represión en Cuba: el gobierno debería escuchar a su propio  pueblo | Cuba en DW | DW | 12.07.2021
Protesta e repressione a Cuba

IL RIFORMISTA - Fulvio Abbate: "Nessuno difenda Cuba"

Le notizie raccontano una Cuba in rivolta. Rivolta contro "Rivoluzione". Parola-totem, quest'ultima, che, laggiù a L'Avana, suona sia in senso d'apoteosi e retorica liberatoria sia in termini perfino polizieschi. Nel senso di presidio, anzi, del controllo nell'accezione di un sistema repressivo: sorvegliare e punire. In nome del "socialismo". Ossia, ora e sempre, come mandato storico della "Rivoluzione", che pretende cosi di legittimarsi, perpetuando se stessa, meglio, il regime. Solo una concezione paranoide dell'assedio può legittimare un governo fondato sulla costrizione, sul controllo sociale capillare, muovendo sul territorio attraverso i C.D.R., Comités de Defensa de la Revolución, appunto. Inaccettabile che tale etica del presidio permanente sa legittimata da antiche parole d'ordine "anticapitalistiche": "antimperialistiche". "Patria o muerte" diventano sinonimo di assenza d'ogni libertà individuale. Inaccettabili le espressioni pronunciate dalle agenzie di stampa ufficiali del regime post-castrista, parole che accennano a "gruppi organizzati di elementi antisociali e criminali" (sic). Anche tra i contrassegni utilizzati dai nazisti nell'anagrafe dei lager ve n'era uno riferito agli "asociali", corrispondente a un triangolo nero. Nella giornata di ieri "Il Giornale" ha scritto che nessun intellettuale "di sinistra" avrebbe rotto il silenzio rispetto a ciò che accade adesso a Cuba. Sarà pure una precisazione narcisistica, ma, fin dal primo sentore di proteste, il 12 luglio, ho messo nero su bianco su Twitter queste parole "La mia solidarietà va ai giovani cubani che lì protestano contro il regime per le condizioni materiali e la dittatura. Solidarietà incondizionata. Nessuna scusante 'antimperialista', grazie". Intanto che le scrivevo, tornava in mente Giuseppe Di Vittorio che nel 1956, davanti alla repressione nel regime comunista polacco si schierò incondizionatamente dalla parte degli operai, e lo stesso fece poco dopo nei giorni dell'invasione d'Ungheria da parte delle truppe sovietiche. Rifiutando in questo modo ogni forma di "realpolitik"; anche Pasolini nei suoi migliori versi dedicati ai paradossi della storia ha messo un fiore sulla dicotomia rivoluzione-realpolitik. Appassito. La difesa dell'indifendibile resta tale, e non sarà la quadreria "rivoluzionaria", in cima a quel risiede il "guerrigliero eroico", Che Guevara, accompagnato dallo stetson di Camilo Cienfuegos, in una sorta di timore sacrale, a fermare il nostro sdegno. Anche Sartre e Camus hanno avuto modo di ragionare sulla legittimazione di un improprio giacobinismo statuale. Dimenticavo: a Cuba, sui tavoli da lavoro delle sigaraie, c'era il ritratto di Michael Jackson. Mentre altri, di fronte alle mie domande sulla memoria del "Che", chiedevano piuttosto, sapendomi romano, se per caso conoscessi il Bar "Enna", nel quartiere di San Giovanni, a due passi da Villa Fiorelli e via Sanremo, la casa dell'amatissima mamma di Marcello Mastroianni, ed era li che sognavano di andare, tornare. Su tutto, resti la nostra solidarietà piena e incondizionata verso chi protesta, posto che l'embargo non può essere l'alibi che legittima un regime dittatoriale e ampiamente corrotto. Anni addietro, arrivando all'aeroporto de L'Avana, ho provato stupore scorgendo un busto dedicato a Nguyen Van Troi, martire vietnamita, cose che non notavo dal tempo dei manifesti comunisti dei primi anni '70, tra "Yankee Go Home" e "Nixon Boia!". In città le luci erano fioche; sullo stesso mio volo c'erano alcuni "compagni" italiani, turisti modo politici, dell'allora ancora fiorente, mi sembra, Rifondazione comunista, giunti sull'isola con l'entusiasmo dell'adesione alla "Patria del socialismo", anche loro alloggiati all'Hotel "Inglaterra", a La Habana Vieja, dove il paesaggio appariva immobile, insieme alle ombre e le remote Cadillac e Oldsmobile, fisso alla fine degli anni Cinquanta. Li ho rivisti anche nei giorni successivi del nostro soggiorno, e sebbene ci trovassimo al Museo della rivoluzione dove, accanto al "Granma", l'imbarcazione che trasportò Fidel Castro e gli altri ribelli sulle spiagge di Cuba nel 1956, innescando la rivoluzione, sono raccolti i cimeli, i memorabilia, le particole di quella storia. I "compagni", percepito il disagio sociale, avevano già avuto cura di riporre dentro gli astucci del pudore le bandiere e gli entusiasmi. Sia detto per coloro che continuano, perfino da qui, a trovare attenuanti a quel regime e alla sua sostanza repressiva. Sia detto più prosaicamente, nessuno provi ancora ad affermare la necessità del socialismo con il culo degli altri.

LIBERO - Andrea Morigi: "Gli antirazzisti Usa tifano per il regime cubano"

Immagine correlata
Andrea Morigi

Nella repubblica comunista cubana nessun erede degli schiavi africani è mai salito ai vertici del partito o ha assunto incarichi di governo importanti. Un suprematismo bianco assoluto, tranne che nel caso di Juan Almeida Bosque, nominato comandante dell'esercito rivoluzionario e poi rimasto a galleggiare fra gli alti papaveri, al quale Ernesto Che Guevara aveva affibbiato il nomignolo razzista "el negrito", sentendosi rispondere con l'appellativo "el chancho", cioè il maiale. Si va avanti così finché, nei 1991, perfino il dittatore Fidel Castro si accorge della scarsa percentuale di neri, meticci e donne nella struttura del potere. Introduce anche delle quote perché, ammette, a Cuba «non esiste piena uguaglianza. Sopravvivono marginalità razziali». Risultato: se sono bravi, ma di pelle scura, li mandano a fare gli insegnanti, gli atleti, gli artisti o, al massimo, i militari, pur relegandoli ai livelli più bassi delle gerarchie. Altrimenti, la malavita locale spalanca loro le porte: possono diventare prostitute se donne o delinquenti se uomini. Nel settore, c'è scarsa concorrenza da parte dei bianchi.

PANTERE NERE Dall'America, naturalmente, nessuno pensa di emigrare nell'isola-lager. L'ultima pare sia stata Assata Shakur, terrorista delle Pantere Nere prima e del Black Liberation Army poi. Dopo essere evasa dal carcere nel 1979 grazie con la complicità dell'italiana Silvia Baraldini, nel 1984 ha ottenuto l'asilo poitico dal governo totalitario dell'Avana. Attualmente, è lì che trascorre la propria latitanza. E, sorprendentemente, proprio lei, condannata all'ergastolo per l'assassinio di un poliziotto e inserita dall'Fbi nella lista dei 10 ricercati più pericolosi, è divenuta la bandiera dei Black Lives Matter, che appoggiano gli sforzi repressivi del regime cubano contro i cittadini. Il movimento antirazzista afferma che «Cuba ha storicamente dimostrato solidarietà ai popoli di discendenza africana», anche «sostenendo le lotte di liberazione nere in Angola, Mozambico, Guinea Bissau e Sudafrica». In pratica, combattevano guerre civili mascherate dietro l'anticolonialismo per instaurare regimi comunisti agli ordini dell'Urss. Loro sì che affamavano e sterminavano i popoli.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Per inviare la propria opinione al Riformista, cliccare sulla email sottostante

redazione@ilriformista.it
lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT