giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Ragione Rassegna Stampa
26.06.2021 Volano i coltelli tra Hamas e Anp
Commento di Anna Mahjar-Barducci

Testata:La Ragione
Autore: Anna Mahjar-Barducci
Titolo: «Lo scontro fra Hamas e l'Anp condanna i palestinesi alla guerra»
Riprendiamo dalla RAGIONE di oggi, 26/06/2021, a pag. 5, l'analisi di Anna Mahjar-Barducci dal titolo "Lo scontro fra Hamas e l'Anp condanna i palestinesi alla guerra".

La mia scuola è il mondo. Intervista a Anna Mahjar-Barducci
Anna Mahjar-Barducci

Palestinian Authority Slammed for Suppressing Dissent, Widespread  Corruption - The Media Line
Nizar Banat

La Cisgiordania è in fiamme, dopo l'uccisione in custodia di Nizar Banat, attivista palestinese e oppositore dell'Autorità nazionale palestinese (Anp). Giovedì mattina le forze dell'ordine in Cisgiordania lo hanno trovato in una casa dove aveva tentato di nascondersi, lo hanno arrestato e picchiato a morte. Originario di Dura, vicino Hebron, Banat era stato un ex di Fatah e un candidato con la lista "Libertà e dignità" alle elezioni legislative di maggio, cancellate dal presidente dell'Anp Mahmood Abbas dopo aver saputo che il suo partito Fatah non avrebbe superato il 1.5 per cento. Subito dopo l'uccisione di Banat, l'intera Cisgiordania è scesa in piazza. A Ramallah la polizia ha cercato di fermare i manifestanti con arresti e gas lacrimogeni. Le organizzazioni e i movimenti popolari palestinesi però sono irremovibili e in una conferenza stampa da Ramallah hanno dichiarato: «Riteniamo il governo e il presidente Abbas responsabili per la morte di Nizar Banat e chiediamo lo scioglimento del Governo». La morte di Banat sembra segnare l'inizio della fine dell'ormai già moribonda Anp, controllata da Fatah. Se infatti pochi mesi fa il partito di Abbas aveva il supporto di meno del 15 per cento della popolazione in Cisgiordania — e dopo la vittoria politica di Hamas nella guerra degli 11 giorni il sostegno a Fatah era sceso a meno del 5 per cento — adesso, con l'uccisione di Banat, soltanto coloro che hanno interessi economici con l'Anp continuerebbero a votare per questa classe politica. I dirigenti di Hamas hanno subito capito che questa pub essere l'opportunità per prendere il controllo anche della Cisgiordania. Il leader di Hamas Ismail Haniyeh, che vive in Qatar, ha immediatamente chiamato la moglie di Banat per porgerle le condoglianze: «Nizar è un martire della patria che difendeva la libertà di opinione e di parola, e il nostro popolo palestinese si sta sollevando per difendere la libertà, la dignità e le vite innocenti, e non può accettare questo crimine». Haniyeh ovviamente tralascia di dire che a Gaza gli oppositori vengono arrestati e che coloro che sono identificati come "spie" vengono direttamente impiccati. Gli Stati Uniti e Israele sono adesso preoccupati. Washington voleva rafforzare l'Anp e far arrivare i finanziamenti a Gaza attraverso Abbas. Adesso però l'Anp ha perso legittimità e l'unico rappresentante del popolo palestinese rimasto è Hamas. Per adesso, la Cisgiordania sembra sprofondare nel caos e la vicina caduta dell'Anp è paragonata alla fine dell'Unione Sovietica. L'Anp controlla imprese private e pubbliche e ora inizia la guerra per prendersi gli asset della regione. Hamas è pronto alla nuova battaglia per dominare la Cisgiordania.



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT