venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero - Nazione/Carlino/Giorno Rassegna Stampa
04.06.2021 Israele/governo 3: perché Netanyahu è ancora al centro della scena?
Commenti di Andrea Morigi, Aldo Baquis

Testata:Libero - Nazione/Carlino/Giorno
Autore: Andrea Morigi - Aldo Baquis
Titolo: «Netanyahu troppo duro da abbattere - Ecco perché Israele ha punito Netanyahu»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 04/06/2019, a pag. 13, con il titolo "Netanyahu troppo duro da abbattere", il commento di Andrea Morigi; da NAZIONE/CARLINO/GIORNO, a pag. 2, l'analisi di Aldo Baquis dal titolo "Ecco perché Israele ha punito Netanyahu".

Ecco gli articoli:

Netanyahu a processo per corruzione, frode e abuso di potere: «Vogliono  abbattere a destra» - Il Mattino.it
Benjamin Netanyahu

LIBERO - Andrea Morigi: "Netanyahu troppo duro da abbattere"

L'ombra della Casa Bianca non copre ancora tutto lo spazio politico di Israele. A Joe Biden è riuscita l'elezione a capo dello Stato di un avversario di Benjamin Netanyahu, Isaac Herzog. Ma non è detto che la nuova strategia statunitense in Medio Oriente, si completi con la nascita di un esecutivo in discontinuità con l'attuale, guidato appunto da Netanyahu, da dodici anni al potere e per i Democratici troppo amico di Donald Trump. Il progetto parte già con il fiato corto. Domenica Yair Lapid, leader del partito centrista Yesh Atid, annuncia la formazione di un nuovo governo. E subito Yamina, il partito del premier designato Naftali Bennett, inizia a perdere pezzi: Nir Orbach, uno dei suoi deputati sembra sfilarsi dalla nascente coalizione di otto partiti. Un altro parlamentare, Zèev Eldin, è dato fra i dissidenti. Nonostante le smentite, la Israele Netanyahu troppo duro da abbattere maggioranza, pur con l'appoggio esterno degli arabi-israeliani di Ràam, sembra sgretolarsi prima ancora del voto di fiducia. Servono 61 seggi su 120 alla Knesset e la seduta prevista per il 14 giugno potrebbe essere anticipata per evitare defezioni da destra. Ieri, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz, del partito centrista Blu e Bianco, era a Washington, dove vogliono riprendere il dialogo con l'Iran che fornisce i missili per colpire Israele. Anche Gerusalemme deve ricostituire il suo arsenale e rifornire l'Iron Dome, ma non a prezzo di un compromesso con chi cerca di distruggere lo Stato ebraico. Lo scenario è mutevole. Gli unici fedeli alla linea sono i terroristi islamici. Hamas non si fida nemmeno dei fratelli musulmani ingaggiati da Lapid e promette che «continuerà a opporsi all'occupazione, indipendentemente dai suoi colori politici».

NAZIONE/CARLINO/GIORNO - Aldo Baquis: "Ecco perché Israele ha punito Netanyahu"

Dopo aver guidato Israele fuori dal Covid e con 72 deputati di destra fra i 120 della Knesset, Netanyahu probabilmente si interroga come sia mai possibile che la sua carriera sia finita in un vicolo cieco. Se il governo di alternanza messo a punto dal centrista Lapid e dal nazionalista Bennett riuscirà a decollare, nei prossimi mesi il leader del Likud dovrà spartire il proprio tempo fra i banchi dell'opposizione e quelli del tribunale di Gerusalemme, dove è sotto processo per corruzione e frode. Negli ultimi 12 anni la sua sofisticata arte politica ha funzionato a perfezione: pratica bipolare, fondata sul culto della sua persona e sulla delegittimazione di chiunque sembri avversarlo. Il ricorso alle reti sociali (sostenuto da un free-press amico, ad alta diffusione) ha perfezionato il suo controllo del dibattito pubblico. Uno dopo l'altro si sono visti delegittimati gli arabi di Israele, la sinistra, i mass-media, la magistratura e chi indagava su di lui. Al dl là dei vistosi successi internazionali (fra cui gli 'Accordi di Abramo' con Paesi arabi), in politica interna Netanyahu è stato invece accusato di miopia: di aver indebolito il Likud, il governo, il Parlamento e poi anche istituzioni di importanza critica come magistratura e polizia. Queste ultime, ai suoi occhi, si sarebbero prestate ad una trama elaborata con i media «al fine di abbattere un premier eletto». Per mesi folle di dimostranti hanno invocato nelle strade la sua sospensione, fino ad un chiarimento giudiziario. Ma a maggio il confronto ideologico ha assunto toni drammatici quando - in parallelo con i combattimenti a Gaza - in diverse città si sono verificati tumulti fra folle di arabi e di ebrei. Lo Stato è allora apparso confuso, indebolito. Con la polizia sul punto di perdere il controllo: la minaccia di anarchia per la prima volta nella storia di Israele. Non per un caso, due settimane dopo sette partiti (nazionalisti, centristi, progressisti e anche una lista islamica) hanno varato un governo di unione nazionale che spera di riportare quiete sociale. «Un governo di convalescenza».

Per inviare la propria opinione, telefonare:
Libero 02/ 999666
La Nazione: 055/ 2495111
Il Resto del Carlino: 051/ 6006111
Il Giorno: 02/ 277991
oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it
segreteria.redazione.firenze@monrif.net

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT