mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Verità Rassegna Stampa
13.10.2016 La Verità/Pravda di Belpietro, ostilità e antisemitismo contro Renzi e Israele
La cronaca ostile di Andrea Ghiloni

Testata:La Verità
Autore: Andrea Ghiloni
Titolo: «Un socio israeliano nei cyber affari di Carrai»

Riprendiamo dalla VERITA' di oggi, 13/10/2016, a pag. 9, con il titolo "Un socio israeliano nei cyber affari di Carrai", la cronaca di Andrea Ghiloni.

"Il timore principale è che la cyber security italiana dipenda sin troppo da quella israeliana": basta questa frase a rendere l'articolo di Andrea Ghiloni disinformante. Con l'Europa sotto attacco da parte del terrorismo islamico, quello che bisognerebbe fare è proprio imparare da Israele, che ha elaborato modelli di azione e di reazione efficienti. Ghiloni, inoltre, scrive "Tel Aviv" per indicare il governo d'Israele, che è invece a Gerusalemme: solo ignoranza o il consueto tentativo di delegittimare Israele e il suo diritto di esistere?
Un pessimo articolo su un giornale che ha lo stesso nome - tradotto - di quello che è stato per 70 anni l'organo del Partito comunista sovietico, la Pravda.
Egregio direttore, un gran brutto quotidiano. Se invece di Israele, il contatto fosse stato preso con un altro paese, avreste ugualmente scritto 'lobby' et similia ? per l'assoluzione reciti a voce alta 30 volte "antisemitismo".

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
La Pravda

Muove sempre più verso Israele Marco Carrai, l'uomo di fiducia di Matteo Renzi che dovrebbe ridisegnare l'intelligence italiana, anche lui in attesa del referendum. La vicenda è questa: a inizio 2015, Carrai ha fondato la Cys4, una società di sicurezza informatica per aziende private e che opera molto in Israele. Da mesi si parla di un suo incarico da superconsulente di Palazzo Chigi alla cybersicurezza nazionale. La nomina sembrava certa ma è stata bloccata dopo le proteste da parte degli addetti ai lavori sulle reali competenze tecniche di Carrai e di coloro che, nel governo, temono un invasione di campo, su tutti il sottosegretario Marco Minniti, che ha la delega ai servizi segreti, e Luca Lotti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Ebbene, la Cys4 di Carrai ha da poco acquisito un nuovo socio: si tratta di Ofer Malka, amministratore delegato della Hadera Municipal Company con sede legale a Haifa, che si occupa di energia. Malka si è accaparrato il 6 per cento della Cys4 e a cedergli le quote è stata la Cambridge Management Consulting labs, di cui Carrai è presidente, oltre a detenerne il 21 per cento. Ofer Malka non è il primo israeliano partner di Carrai: anche Jonathan Pacifici, tra i fondatori di Wadi Ventures, noto lobbista di Tel Aviv, esperto di start up, ha il 14,29 per cento della CmC Labs.

Il nuovo azionariato della Cys4 è quindi così formato: l'Aicom di Mauro Tanzi, che con il 52 per cento detiene il pacchetto di maggioranza, la CmC labs di Carrai e soci con il 27 per cento (prima aveva il 33 per cento), poi ci sono l'ex Eni Leonardo Bellodi con il 15 per cento e, ovviamente, la new entry Ofer Malka con il 6 per cento. Il direttore, fino a qualche mese fa era Andrea Stroppa, ventenne che tre anni fa fu indagato per aver hackerato siti internet di alcuni ministeri e società, come ha rivelato Maurizio Belpietro nel suo I segreti di Renzi (Sperling e Kupfer). Ma, essendo all'epoca minorenne, ne usci pulito, ottenendo il perdono giudiziale dal Tribunale dei minori.

Il timore principale è che la cyber security italiana dipenda sin troppo da quella israeliana. Infatti, secondo Fabio Natalucci, esperto in sicurezza informatica, nonché hacker etico, «la società Cys4 oltre a collaborare attivamente con Israele ha al suo interno personale esperto in sicurezza informatica che apparteneva alle forze armate israeliane. Il legame con Israele è dato dalle innumerevoli conoscenze di Carrai, che per Eni ha avuto a che fare con Tel Aviv e che durante quei tempi sembra essersi avvicinato a personaggi di spicco sia a livello imprenditoriale che a quello politico. Tra i suoi contatti infatti Carrai può anche contare sul premier israeliano Benjamin Netanyahu.

Se il prossimo 4 dicembre vincesse il Sì al referendum, Renzi farà di tutto per far andare in porto la nomina di Carrai, nonostante il palese conflitto di interessi. Come ha scritto Stefano Sansonetti su La Notizia, fonti della Cys4 hanno chiarito tuttavia «che se un domani l'incarico a Carrai dovesse concretizzarsi allora la società verrebbe liquidata, per dissipare ogni dubbio di conflitto d'interessi». Non resta che aspettare.

Per inviare la propria opinione alla Verità, telefonare 02/36531476, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@laverita.info

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT