mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale-La Stampa Rassegna Stampa
24.02.2013 Turchia in Europa ? Pericolo da evitare
Commento di Fiamma Nirenstein, cronaca di Alessandro Alviani

Testata:Il Giornale-La Stampa
Autore: Fiamma Nirenstein-Alessandro Alviani
Titolo: «Quelle giravolte di Erdogan-Dalla Merkel porta socchiusa per la Turchia»

Ritorna di attualità l'ingresso in Europa della Turchia, malgrado l'accelerazione in senso islamico data dal governo Erdogan. Questa volta è la Germania a spingere.  Dal GIORNALE di oggi, 24/02/2013, a pag.14, il commento di Fiamma Nirenstein, dalla STAMPA, a pag.17, la cronaca di Alessandro Alviani.

Il Giornale-Fiamma Nirenstein '' Quelle giravolte di Erdogan ''


Fiamma Nirenstein            L'islamista Erdogan

Le ambizioni della Tur­chia di entrare a far parte dell’Unione europea sono sta­te frustrate fin dagli anni ’60, e per questo, dopo la svolta isla­mista impressa al grande Pae­se dal presidente Erdogan, ci siamo vigorosamente battuti il petto: tutto sarebbe stato di­verso se la Turchia fosse entra­ta nell’Ue, abbiamo detto, oggi il mondo islamico e quello cri­sti­ano andrebbero più d’accor­do... Ma la Turchia è una fidan­zata abbandonata che si sa consolare così presto da far so­spettar­e della sua fedeltà al pri­mo grande amore: fu il 25 gen­naio, racconta il mediorientali­sta Daniel Pipes, che Erdogan fece esplodere la bomba: «Ho detto al presidente russo Pu­tin: lei mi stuzzica chiedendo­mi cosa stiamo facendo con l’Unione Europea. E allora io stuzzico lei dicendole: inserite­ci nello Shangai Five, e noi ci di­mentichiamo dell’Ue». Come dire: se ci fatte entrare nello Sco, un club di autocrazie di cui fanno parte, oltre alla Rus­sia la Cina anche l’Iran, l’Af­ghanistan, il Pakistan come membri osservatori, dimenti­cheremo gli ideali di democra­zia, il rispetto dei diritti delle minoranze, dei cristiani e de­gli ebrei, degli omosessuali, delle donne e dei bambini... Molti pensano che la scelta tur­ca della strada orientaleggian­te sia fittizia. Ma la Turchia si giuoca su un’egemonia che balla nel frullatore delle auto­crazie islamiche. E ora chissà se, nello Sco, comunque ter­rebbe mai botta di fronte ai co­lossi russo e cinese.

La Stampa- Alessandro Alviani '' Dalla Merkel porta socchiusa per la Turchia''

Merkel e Erdogan, foto di archivio

Difficilmente il commissario europeo all’Energia, il tedesco Günther Oettinger, avrebbe potuto esprimersi in modo più netto: «Vorrei scommettere che un giorno, nel prossimo decennio, un cancelliere o una cancelliera tedesca striscerà in ginocchio ad Ankara insieme al suo collega di Parigi, per pregare la Turchia: amici, venite con noi», ha detto mercoledì Oettinger, criticando l’atteggiamento del governo tedesco e della Cdu di Angela Merkel sull’ingresso della Turchia nella Ue. Un atteggiamento immutato dal 2004, anno in cui i cristianodemocratici hanno usato per la prima volta l’espressione di «partnership privilegiata» con Ankara, intesa come alternativa a un’adesione piena alla Ue, a cui la Cdu si oppone. Quattro mesi fa Merkel ha ribadito questa posizione durante una visita del premier turco Recep Tayyip Erdogan a Berlino. Ora, però, qualcosa inizia a muoversi. «Ai più, all’interno del mio partito, è chiaro che il concetto di partnership privilegiata è bruciato, in Turchia ha una connotazione negativa», ha ammesso sulla «Berliner Zeitung» il presidente della Commissione Esteri del Bundestag, Ruprecht Polenz (Cdu). La stessa Merkel, che oggi arriva in Turchia per una due giorni che la porterà domani a incontrare Erdogan e il presidente Abdullah Gül, ha segnalato un’apertura, proponendo di rilanciare i negoziati sull’adesione di Ankara alla Ue. «Negli ultimi tempi si sono un po’ arenati, sono favorevole ad aprire un nuovo capitolo in queste trattative, affinché possiamo andare un po’ avanti», ha detto ieri la cancelliera nel suo podcast settimanale. Resta «scettica» sull’ingresso della Turchia nella Ue, ha chiarito, ma i negoziati vanno condotti in modo aperto, senza anticipare l’esito. Finora sono stati avviati 13 dei 35 capitoli negoziali concordati e ne è stato chiuso solo uno, quello sulla ricerca. Potrebbe essere aperto ora quello sulla politica regionale e il coordinamento degli strumenti strutturali o sulle politiche economiche e monetarie. Un invito ad accelerare è arrivato dal ministro degli Esteri Guido Westerwelle sulla «Passauer Neue Presse»: «Se non facciamo attenzione arriverà il momento in cui l’Europa avrà più interesse alla Turchia che la Turchia all’Europa». Non siamo alle preghiere «in ginocchio» di Oettinger, ma l’esortazione a cambiar marcia è inequivocabile.

Per inviare a Il Giornale, La Stampa la propria opinione, cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it, lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT