mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
25.02.2005 L' apologia dell'Inquisizione di Vittorio Messori
demolita da Giorgio Israel

Testata:Il Foglio
Autore: Giorgio Israel
Titolo: «I roghi dell'Inquisizione rimangono tali anche se»
IL FOGLIO di venerdì 25 febbraio 2005 pubblica a pagina 2 dell'inserto una risposta di Giorgio Israel alla difesa dell'Inquisizione tentata, con argomenti tanto inconsistenti quanto pericolosi, da Vittorio Messori sul CORRIERE DELLA SERA.
Ecco l'articolo:

Chiunque mastichi un minimo di storiografia sa che l’analisi storica deve fare riferimento al contesto concettuale, culturale, sociale, economico, politico degli eventi in oggetto. Se uno storico della scienza valutasse la meccanica aristotelica con il metro di quella einsteiniana, e non nel quadro della concezione del mondo in cui era inserita, non sarebbe un serio cultore della disciplina. Tuttavia, quando la questione esaminata è suscettibile anche di una valutazione etica il giudizio deve biforcarsi: perché voler "contestualizzare" anche sul piano etico significa confondere banalmente il relativismo culturale con il relativismo etico, e credere o far credere che dal primo derivi necessariamente il secondo. Al riguardo, una lezione esemplare ci è data dalle celebri conferenze Unesco di Claude Lévi-Strauss sul razzismo (1952 e 1971), in cui egli riuscì a tenere perfettamente dritto il timone fra l’approccio scientifico – che, in antropologia, egli riteneva doversi ispirarsi al relativismo culturale – e l’impegno morale contro il razzismo. Naturalmente è anche lecito assumere delle posizioni di relativismo etico, ma ciò non discende affatto da prescrizioni di rigore storiografico – e, oltretutto, neppure questo deve necessariamente aderire alle prescrizioni del relativismo culturale. Chi non aderisce al relativismo etico sa benissimo contestualizzare storicamente gli eventi senza per ciò "giustificarli" moralmente. Anzi, il relativismo etico è una visione molto più fragile del relativismo culturale, perché deve fare i conti con l’evidente persistenza storica di alcuni principi morali assoluti, per quanto essi siano stati violati nel corso della storia reale: accanto a dittatori e sterminatori si è sempre manifestata la presenza di personaggi che, alla maniera di Socrate, hanno riaffermato i principi fondamentali del rispetto della vita umana e della tolleranza. Queste sono cose ovvie e note non soltanto ad ogni storico degno di questo nome, ma semplicemente ad ogni persona ragionevole. Ma ora, nel nostro orto italiano, dobbiamo constatare che il dibattito che si è svolto di recente sul Corriere della Sera a proposito delle conversioni forzate dei bambini ebrei e delle responsabilità di Papa Pio XII al riguardo, ha avuto la funzione di intorbidare le acque in modo devastante. Esso ha avuto il suo culmine nell’affermazione – titolata a scatola – "Non giudicate Pio XII, era figlio del suo tempo", avanzata con stupefacente leggerezza e senza rendersi conto che così si apriva il vaso di Pandora ed era ormai legittimo riscrivere la frase con una "x" al posto di Pio XII, e quindi diveniva legittimo sostituire la "x" con un nome qualsiasi: Hitler, Stalin, Pol Pot, e quant’altri. In tal modo, si è fornita una parola d’ordine a chi vuol giustificare quel che più gli sta a cuore: "contestualizzare". Di tale parola d’ordine si è appropriato Vittorio Messori, il quale ha offerto, sempre sul Corriere, una contestualizzazione-giustificazione nientemeno che della Santa Inquisizione. Sotto l’occhiello "No agli anacronismi", egli ha propinato l’ormai consueta ammonizione: "Lo storico serio deve evitare qui, come ovunque altrove, il peccato mortale, quello di anacronismo. Il passato, cioè, va valutato secondo le sue categorie, non secondo le nostre". E quali erano le categorie morali, etiche che ispiravano i tribunali della Santa Inquisizione e che rendono possibile oggi comprendere e persino giustificare i loro intenti? Esse si basavano sulla "necessità di proteggere la vita sociale, la cui tranquillità si basava su una fede comune", mossi com’erano quei
tribunali "dall’ansia sincera di praticare la più alta delle carità, quella spirituale". Aggiunge Messori che la Chiesa si comportava come le autorità sanitarie odierne, che "considerano loro dovere la tutela della salute dei cittadini". Analogamente, la Chiesa era mossa dal senso di responsabilità di "dover rispondere a Dio della salvezza eterna dei suoi figli": "salvezza messa in pericolo dal più tossico dei veleni: l’eresia". Insomma, come le Asl odierne dispensano il vaccino anti-influenzale, così la Chiesa
dispensava il fuoco per salvare l’anima dei suoi figli. Sproporzione di mezzi? Non tanto. Volete mettere una banale influenza col "più tossico dei veleni: l’eresia"? Ed è certamente a causa di questa sproporzione dei mali che, mentre la Asl non ha neppure il potere di inviare a casa nostra i suoi addetti per immobilizzarci e praticarci, volenti o nolenti, la benefica puntura, la Santa Inquisizione aveva invece il diritto di salvare l’anima della gente bruciandola. Simili (s)propositi non meriterebbero una sola parola in più. Ma è interessante dire qualcosa circa gli argomenti storiografici con cui Messori compie questa rivalutazione, pur ammettendo – bontà sua – che non si tratta "di passare dall’esecrazione all’ammirazione". Questi argomenti si riducono al riferimento a una frase di Luigi Firpo, in cui questi affermava che "i processi erano contrassegnati da una grande correttezza formale e da una rete di garanzie inimmaginabili per i tribunali laici dell’epoca". Il carattere al contempo esilarante e scandaloso di una simile affermazione è che in essa sparisce la questione di sostanza: e cioè che quei processi venivano fatti per reprimere manifestazioni di eresia, di appartenenza a un’altra fede religiosa o di stregoneria. Che senso ha parlare di "garanzie" e di "correttezza formale" in un processo il cui oggetto sia l’accusa di stregoneria o di eresia? E non si venga a dire che queste erano le categorie dell’epoca. I signori "contestualizzatori", se avessero una frequentazione con la storia improntata a un minimo di serietà, saprebbero che le frenesie purificatrici dell’Inquisizione in Spagna sono state combattute o almeno frenate da molte autorità e re cristiani, che cercarono in tutti i modi di proteggere i loro cittadini "eretici" e fedeli di altre religioni. Esisteva, eccome, chi aveva la coscienza della criminalità di queste forme di difesa della fede. E poi, quanto alle garanzie, stendiamo un velo pietoso. Anche la celebre contesa teologica medioevale fra il rabbino catalano Nachmanide e il predicatore Pablo Christiani fu organizzata con dovizia di garanzie. Queste consistevano nel fatto che ogni giorno veniva trascinata nella sala una turba di ebrei convertiti a forza, affinché inveissero contro Nachmanide.
Cionostante, questi tenne i nervi saldi e la disputa – come mostrano i documenti – finì con una disfatta di Pablo Christiani. La grande correttezza e le inimmaginabili garanzie diedero allora una suprema prova di sé: se Nachmanide non avesse tagliato la corda, sarebbe stato messo a morte. Messori adduce anche come argomento l’esiguità del numero degli uccisi in rapporto ad altri eccidi storici, e se la prende vivacemente con "Il Manifesto" che ha attaccato una trasmissione Rai per aver riabilitato l’Inquisizione, osservando che certe prediche non possono essere accettate quando provengano da chi scriva sotto la testata "quotidiano comunista". E’ l’unico punto su cui ha qualche ragione, ma soltanto nel senso in cui, come dicono i francesi, a lui e al Manifesto occorrerebbe "les renvoyer dos à dos", ovvero considerarli come due facce della stessa medaglia. Quanto all’aspetto prettamente storico, ovvero alla faccenda del numero dei massacrati, sarebbe opportuno approfondire il discorso con serietà e non fare "anacronismi". Confrontare con il comunismo e il nazismo? Ma allora il "peccato mortale" dell’anacronismo si può commettere, quando ciò torni comodo? Sono paragoni assolutamente privi di senso, perché se c’è una caratteristica che fa dello sterminio nazista degli ebrei un evento unico è il ricorso a metodi scientifici ispirati alle forme della moderna organizzazione industriale, e questo è vero anche del Gulag, sia pure nel contesto di una finalità non razziale. La Santa Inquisizione non disponeva di siffatti metodi e mezzi scientifici industriali. E’ però indubbio che ce l’ha messa tutta. Compatibilmente con la lentezza dei processi, che dovevano proiettare un’immagine di "legalità", con il tentativo di estorcere (con la tortura) "confessioni" da esibire all’esterno come argomenti a sostegno del trionfo della fede, e con la macchinosità delle procedure delle esecuzioni, la "performance" è stata di straordinaria efficacia. Ricordiamo alcuni dati – da offrire non tanto a Messori, che riteniamo irrecuperabile – quanto alle numerose persone, cattoliche e non, che ragionano con obiettività e senza pregiudizi. Sono dati relativi alla sola città di Saragozza e dintorni, nel periodo che va dal 1483 al 1502, e si riferiscono soltanto agli ebrei. Dai registri, risultano consegnati al braccio secolare per essere bruciati "in persona", oppure "nelle ossa" – in seguito a morte per svariate cause, a cominciare dalla tortura – oppure "in effigie" in quanto fuggiti (il numero meno consistente), 164 persone, in quanto "eretici giudei" (i propalatori del "più tossico dei veleni"). Furono poi condannati al fuoco, nel solo periodo 1482-1499, altri 73 ebrei in quanto rei "confessi" di eresia. Il numero dei convertiti ("conversos") più blandamente condannati a pene non capitali – per lo più il carcere a vita – ammontano a 116. Lasciamo immaginare a quali risultati può portare la proiezione di questi dati all’intera Spagna e a tutta la popolazione, non soltanto a quella ebraica (e a un periodo più lungo).
Se potessimo rubare una pagina al giornale ci piacerebbe elencare quei nomi uno ad uno: Alonso de Rivera, medico, eretico giudeo, consegnato in persona al rogo il 12 marzo 1488; Gabriel Lençon, fabbricante di candele, eretico facitore di sortilegi, consegnato in persona al rogo il 16 giugno 1501;
Mossen Pedro Monfort, vicario generale dell’Arcivescovado, eretico giudeo, consegnato in persona al rogo il 28 aprile 1486; Joan Pedro Sanchez, mercante, eretico giudeo, fuggitivo, consegnato in statua al rogo il 30 giugno 1486; Xbopal Pelayo, sarto, eretico giudeo, defunto, consegnato nelle ossa al rogo il 30 giugno 1485; Marieta moglie di Aznar Perez, strega, consegnata in persona al rogo il 28 gennaio 1500; ecc. ecc. per 353 volte. Ricordare tutti questi nomi sarebbe un modo per risarcirli dell’offesa che dopo cinque secoli viene ancora portata alla loro memoria. Se Messori nutrisse in sé un briciolo di carità cristiana, dovrebbe recarsi in pellegrinaggio in tutti gli archivi di Spagna e d’Europa e dedicare qualche anno a costituire un grande Yad Vashem dei martiri dell’Inquisizione: dico Yad Vashem per analogia, ma non penso affatto agli ebrei soltanto. Sarebbe un risarcimento reso alla storia e alla morale e un modo di impiegare il tempo più degno che non imbrattare giornali rispettabili. E, per l’immediato, una proposta: al bando per un certo periodo, fino a che non si richiuda il vaso di Pandora, la parola "contestualizzare".
Invitiamo i lettori di Informazione Corretta ad inviare la propria opinione alla redazione de Il Foglio. Cliccando sul link sottostante si aprirà una e-mail già pronta per essere compilata e spedita.

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT