mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
29.05.2024 Netanyahu, il combattente chiede armi e non affetto (anche se ha tutti contro)
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 29 maggio 2024
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Netanyahu, il combattente chiede armi e non affetto (anche se ha tutti contro)»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 29/05/2024 a pag. 12 il commento di Fiamma Nirenstein con il titolo: "Netanyahu, il combattente chiede armi e non affetto (anche se ha tutti contro)".


Fiamma Nirenstein

Benjamin Netanyahu parla alla Knesset. La pressione internazionale cresce dopo il tragico incidente militare di Rafah. Ma la guerra è giusta ed è una lotta per la sopravvivenza. Netanyahu invita i deputati ad ascoltare i combattenti in prima linea, invece che la solita versione dei media. E non intende obbedire a chi (fosse anche l'ONU e la Corte di Giustizia internazionale) gli intima di fermare le operazioni militari.

Quando subito dopo il terribile incidente di Rafah, Benjamin Netanyahu ha parlato alla Knesset, i gesti decisi, la faccia smagrita dal 7 di ottobre, le sue parole hanno disegnato le intenzioni e la personalità del Primo Ministro. Dopo aver detto che si era trattato di “errore tragico” di cui si dispiaceva e su cui stava indagando, Netanyahu ha esclamato il suo “no” a chi gli ha chiesto di fermarsi, all’ONU, dall’UE, ai Tribunali Internazionali, alle proclamazioni unilaterali della Spagna, l’Irlanda e la Norvegia, alle condanne di Macron e tanti altri e alla gran baraonda dei media, tutti in gara a biasimarlo.

Là, alla Knesset, 50 dei 120 membri hanno votato per il suo discorso, mentre rigettava le accuse “abominevoli” di frenare le trattative per gli ostaggi, e si è rivolto ai suoi cittadini: “Se volete debolezza, sconforto, resa, ascoltate la tv. Ma se volete potere, spirito, vittoria, ascoltate i combattenti: i fini della guerra non sono cambiati, vincere Hamas, recuperare gli ostaggi, far tornare a casa i profughi. Se ci arrendiamo, daremo una grande vittoria al terrorismo, all’Iran, al suo asse del male, a tutti quelli che cercano distruzione”. Qui in nuce, c’è la spiegazione della guerra di necessità di Netanyahu: mettere Israele al sicuro nel mondo. Del resto, gli USA anche dopo l’incidente hanno fatto capire che gli spostamenti di popolazione richiesti erano stati operati, e anche l’intervento umanitario; la pressione è gestita da Europa e ONU. Netanyahu sa bene di essere il Primo Ministro sotto il quale Israele ha patito il maggiore disastro dal 1948: adesso combatte per restaurare i suoi fini e la sua storia. La sua è una battaglia vitale, il suo fine personale per lui vale ben di più dell’invito a andare a casa. È il recupero della sicurezza, se voglia poi restare come Primo Ministro nessuno lo sa.

Le più di 600 pagine dell’autobiografia disegnano il destino di un uomo di Stato che in due volte ha governato 16 anni. Coi fratelli Yoni e Iddo ha avuto un’educazione elevata, il padre lo storico Ben Tzion era sodale di Jabotinsky, la sua educazione è laica, tradizionale. Bibi definisce la sua missione: “Aiutare il mio antico popolo, che ha sofferto tano e tanto contribuito alla storia dell’umanità, a vivere un futuro sicuro”. Lui dopo la Guerra dei Sei Giorni entra nella Sayeret Matkal, la forza speciale, poi serve come ambasciatore all’ONU, viene eletto alla Knesset e dal ’76 vive pensando a Yoni, ucciso a Entebbe mentre liberava gli ostaggi. Da Primo Ministro affronta Obama svelando le intenzioni atomiche dell’Iran, rende Israele uno dei primi Paesi del mondo in economia, tecnologia, medicina…  oggi pensa che tutto questo può andare perduto se Hamas compirà un nuovo Sette Ottobre, se si perderanno i rapiti nelle gallerie di Rafah.

Bibi dunque resiste: vuole che la forza di Israele attragga i paesi arabi moderati nei Patti di Abramo. La contrapposizione a Obama sull’Iran gli portò la fiducia dell’UAE e degli altri: in Medioriente debolezza chiama terrore, la forza disegna alleanze. La storia stessa di Bibi esclude che Israele divenga un piccolo Paese che dipende dall’opinione degli altri (così lo rifiutò Golda Meyer nel ‘73).

Domani, dopo la guerra, si coalizzeranno forze disponibili a sostituire Hamas. Netanyahu ha detto “so di deludere i miei partner, io non intendo occupare Gaza”. Non è un duro ideologico: è un pragmatico laico, che però ha nel Governo piccoli partiti religiosi. Domani, avrà altri partner, sarà battuto, lascerà il potere, chi sa: di certo, non vuole che la sua biografia finisca col 7 ottobre, e farà di tutto per evitarlo. Bibi è un soldato. Zelensky disse agli americani che gli offrivano una fuoriuscita: “io ho bisogno d’armi, non di un viaggio”. Netanyahu ha bisogno di armi, non di affetto. È abituato: la gente qui è fifty fifty odio e amore; ma lui sente che essere Netanyahu è portare dentro lo Stato ebraico. Vive le contraddizioni moderne, il jet set, una famiglia controversa: ma al nocciolo, è un combattente la cui idea di Israele e identica a quella di Ben Gurion. Semplice. Il Popolo ebraico, come ogni altro, ha diritto a una patria.     

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante 


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT