mercoledi` 17 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
17.02.2024 Quei calcoli sbagliati di Usa e Paesi arabi. Una follia regalare alla Palestina il suo Stato
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 17 febbraio 2024
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Quei calcoli sbagliati di Usa e Paesi arabi. Una follia regalare alla Palestina il suo Stato»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 17/02/2024 a pag.12 il commento di Fiamma Nirenstein con il titolo: "Quei calcoli sbagliati di Usa e Paesi arabi. Una follia regalare alla Palestina il suo Stato".

Fiamma Nirenstein
Fiamma Nirenstein


L'ultimo tentativo fallito di creare "due Stati per due popoli", a Camp David nel 2000: basta con gli errori!

Ha scelto una strada molto centrale, venendo da Gerusalemme con la carta d’identità blu e il kalashnikov fino quasi ad Ashkelon all’incrocio di Reem per ammazzare alla fermata dell’autobus due persone e ferirne altre quattro fra cui un ragazzo di 16 anni in fin di vita: di fronte alla proposta americana, di nuovo, per uno Stato palestinese, questo è il biglietto da visita della “moderata” area oltre i confini di Gaza, quella di Abu Mazen, nell’Autorità palestinese, quella che era stata sgomberata dalla presenza militare israeliana salvo che nella zona C con gli accordi di Oslo. Si preparava così il terreno a “due Stati per due popoli”, ma Arafat mostrò che la scelta vera era distruggere Israele con la “seconda intifada” nel 2001 quando quasi duemila civili israeliani, donne e bambini, sono stati fatti esplodere o uccisi a fucilate per strada. Non si è mai tuttavia smesso di cercare, da parte di Israele, “due Stati per due popoli” collezionando i “no” di Arafat a Shamir, a Rabin, a Barak, e poi a Olmert di Abu Mazen e a Netanyahu. Adesso, eliminando l’elementare clausola del bilateralismo di Oslo, Joe Biden, fiancheggiato dall’Unione Europea e dall’ONU, ripropone a Israele la solita formula, con la cauta aggiunta (americana) di uno stato palestinese riformato, demilitarizzato.
Dovrebbe essere questa la conclusione della guerra seguita al pogrom organizzato da Hamas a Gaza, ma ammirato e approvato da tutti i palestinesi, se è vero che Abu Mazen non l’ha mai condannato, e che l’87 per cento dei palestinesi è d’accordo con l’orrore e la strage. Biden naturalmente fa i suoi calcoli, certo pieni di buona volontà; pensa anche che l’eventuale sponsorizzazione dell’accordo da parte dell’Arabia Saudita, di cui si parla insistentemente come di una forma di garanzia anti-iraniana per Israele, dovrebbe aprire un’era di pace fra arabi e israeliani. Ma non ha fatto i conti coi palestinesi di oggi: se si chiede a loro, per esempio Jibril Rajub, uno dei massimi leader dell’OLP, dice a Hamas, che il 7 ottobre “ha reso l’unità fra di noi non solo realizzabile, ma necessaria, la palla è nel vostro campo, decidete voi”. Jenin, Ramallah, Hebron, Betlemme… pullulano di armi, Hamas batterebbe in un soffio Fatah alle elezioni se solo Abu Mazen le indicesse. Netanyahu per rispondere alla proposta di Biden con cui per latro ieri notte ha parlato, amichevolmente, per 40 minuti ha detto: “Tutti parlano di 'due Stati per due popoli'. Ma io domando che cosa significhi: devono avere un esercito? Possono siglare un accordo militare con l’Iran? Possono importare missili dalla Corea del Nord e altre armi mortali? Possono continuare a educare i bambini al terrorismo e lo sterminio? I palestinesi devono avere il potere di autogovernarsi, ma non nessun potere che consenta loro di minacciare Israele” e quindi aggiunge il primo ministro “il controllo di sicurezza deve rimanere nelle mani di Israele nelle aree a Gaza e nelle aree a ovest del Giordano, altrimenti la storia ha dimostrato che il terrorismo ritorna”. E un eventuale Stato palestinese invece sarebbe, per esempio a Gerusalemme, ma un po' per tutta la piccola Israele, un abbraccio mortale con bande armate e ostili “from the river to the sea”. Le conferma della determinazione palestinese è scritta in tutta la sua storia: e la inaspettata scelta di Biden di premiare i palestinesi per il 7 ottobre e il rigetto dell’esistenza di Israele abroga il bilateralismo degli accordi di Oslo, è davvero un messaggio disastroso all’Iran, all’Iraq, alla Siria, al Libano, alla Russia loro sponsor, alla Cina... e a tutte le organizzazioni terroriste.
È un premio per cui il criminale Sinwar che ha ordinato di decapitare i neonati, violentare, uccidere, diventa, per estremo paradosso, il Ben Gurion dei palestinesi. Fino ad ora, dato che ha usato i miliardi donati ai palestinesi invece che per fare di Gaza la Singapore del Mediterraneo per creare un piccolo stato nazista carico di gallerie e di missili, anche i palestinesi non ci avevano pensato. Preferivano il terrorismo di Arafat. Ma sta studiando: aspetta che l’ONU, l’UE con il supporto americano creando lo Stato palestinese dalla strage del 7 di ottobre, lo promuovano a questo ruolo.

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT