sabato 20 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
08.02.2024 Netanyahu tira dritto e alza il tiro su Rafah. Ma su ostaggi e tempi concessioni a Biden
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 08 febbraio 2024
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Netanyahu tira dritto e alza il tiro su Rafah. Ma su ostaggi e tempi concessioni a Biden»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 08/02/2024 a pag.12 il commento di Fiamma Nirenstein con il titolo: "Netanyahu tira dritto e alza il tiro su Rafah. Ma su ostaggi e tempi concessioni a Biden".

Fiamma Nirenstein
Fiamma Nirenstein
la costruzione di una Gaza liberata da Hamas è una base per la pace dell’area
Netanyahu: la costruzione di una Gaza liberata da Hamas è una base per la pace dell’area

No, la proposta odierna di Hamas di cessare di combattere non può essere accettata da Israele. Netanyahu ha risposto con estrema determinazione e lo ha fatto con una dichiarazione strategica: la scelta di Israele, sulla base dei risultati positivi in guerra, dell’eroismo dei soldati, la costruzione di una Gaza liberata da Hamas è una base per la pace dell’area; con l’avanzare dell’esercito Israele vuole disegnare una vittoria definitiva, decisa, che sia di tutto il mondo democratico contro la rete terroristica internazionale pericolosa per tutti, ha detto il Primo Ministro israeliano. Ha ripetuto anche con passione la decisione di continuare a cercare un modo di liberare gli ostaggi. Qui si legge anche la volontà di venire incontro agli Stati Uniti e al mondo che desidera vedere una conclusione del conflitto a Gaza. Dall’altra Netanyahu ha alluso alla possibilità di concludere la guerra in tempi non lunghissimi. L’esercito infatti scoperchia in queste ore le gallerie dove, in un frettoloso spostamento, Sinwar ha lasciato decine di milioni di dollari e le tracce fresche sue e di dodici ostaggi. SI vede che fugge, e Gaza è distrutta, le sue milizie sono dimezzate. È un momento complicato, con un doppio messaggio: Hamas fugge fra le rovine, ma d’altra parte lancia proposte complicate e definite da parte non di Doha, né di Haniyeh, ma di un uomo solo: Sinwar, che riesce ancora a consegnarle a Parigi e al Cairo in risposta a Israele e agli USA. Netanyahu potrà dichiarerà la fine della guerra solo battendo lo stratega del “Peggiore evento di antisemitismo dalla fine della guerra” come ha detto ieri Macron. La proposta di Hamas è una sfida, lo stop alla guerra, spiega Netanyahu “porterà alla prossima strage”. Ma i tempi e i numeri sono, così appare, ancora sotto esame da parte di Israele e di tutti gli interessati: quattro mesi e mezzo di tregua con la liberazione degli ostaggi in tre fasi in cambio di 1500 prigionieri. Ma della richiesta impossibile, la conclusione della guerra, anche Biden ha detto che la proposta è “esagerata” mentre resta “positivo”. Per Israele, gli “ufficiali” ripetono che si tratta di una proposta “non starter”, tuttavia, si seguita a esaminare il testo “attentamente”, “con intensità”. Blinken, in Israele per la sesta volta, incontra da Netanyahu, Herzog, ai capi dell’esercito e dei servizi per cercare una strada perché il disperato tentativo dei parenti dei 136 rapiti (di cui si dice che solo 85 sarebbero in vita ormai) sia soddisfatto. Kirby il portavoce di Biden, ha indicato nell’Arabia Saudita il garante possibile per il domani, e pensa che questo può portare Israele a un dialogo con la PA e a un seguito dei Patti di Abramo. Il Qatar certo vorrebbe costringere Sinwar ad accettare uno scambio, questo esalterebbe la sua influenza. Netanyahu adesso è stretto fra la richiesta internazionale di uno stop anche se non definitivo, e il disegno indispensabile di eliminare Hamas. Se Israele dovesse ritirarsi per sempre dallo scontro di Gaza, lasciando il terreno, andrebbe contro la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica, creerebbe l’impossibilità per chi abita sui confini di Gaza di tornare alle proprie città in condizioni di sicurezza. Ma il governo israeliano ha certamente al primo posto la necessità di mantenere il suo rapporto indispensabile con gli USA. La proposta che Sinwar ha fatto avere ai suoi rappresentanti dal profondo delle gallerie di Khan Yunis è zeppa di richieste che Israele non potrebbe mai accogliere, come il controllo della Moschea di Al Aqsa, uno dei temi più vecchi della contestazione islamista, già calda del fatto che il 21 marzo è Ramadan. Inoltre, Hamas chiede, fra i 1500 suoi prescelti in carcere, la liberazione di 500 assassini pericolosi. Hamas chiede 45 giorni per 45 prigionieri, più altri giorni di intervallo, libertà di movimento a Gaza, ulteriore aiuto umanitario un dilemma per Israele che sa che il 70 per cento dei camion finisce in mano a Hamas; 60mila roulotte e tende da dare alla popolazione ormai accumulatasi al sud cui si dovrebbe garantire libertà di movimento. Russia, Turchia, le Nazioni Unite, forse anche gli USA (dice Al Jazeera) dovrebbero garantire la realizzazione dell’accordo. Tutte follie grandiose di un capo terrorista in declino. Blinken è certo invece concentrato sui temi toccati dal PM israeliano, il rischio per Rafiah sul delicato confine egiziano, la continua rapina degli aiuti umanitari da parte di Hamas, e cerca quello che si può ritagliare di positivo dopo il discorso di Netanyahu.

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT