sabato 20 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
02.02.2024 Hamas gioca le ultime carte per fermare i tank. Biden punta sullo Stato palestinese per la pace
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 02 febbraio 2024
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Hamas gioca le ultime carte per fermare i tank. Biden punta sullo Stato palestinese per la pace»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 02/02/2024 a pag.12 il commento di Fiamma Nirenstein con il titolo: "Hamas gioca le ultime carte per fermare i tank. Biden punta sullo Stato palestinese per la pace".

Fiamma Nirenstein
Fiamma Nirenstein


Yahya Sinwar con i suoi terroristi.

Sorpresa: tutti si aspettavano di vedere Ismail Haniyeh rappresentare in giacca e cravatta al Cairo i terroristi di Hamas insieme ai negoziatori del Qatar, egiziani, americani, israeliani per la trattativa sui 136 ostaggi. Tutto il mondo in una farsa diplomatica alle prese con un’organizzazione terrorista. Questo, è uguale: ma diverso è come Sinwar aveva preparato anche questo incontro. Come un astuto imbroglione. Era infatti pronto al Cairo, sembra da due mesi, per riferire direttamente a lui forse con un complicato sistema di telefoni satellitari, un inviato personale: né Abu Marzuk né Osama Hamdan, i soliti, ma un personaggio misterioso che deve riferire e decidere con lui. Decidere che cosa? Sulle trattative si sanno solo due cose certe miste a parole: Israele vuole trattare per tutti gli ostaggi, e Hamas vuole trattare per tutto il tempo. Il governo israeliano è stretto in una morsa di aspettativa ansiosa e dolorante, con le famiglie dei rapiti che ormai hanno preso la strada del blocco dei camion degli aiuti umanitari. Ma solo il 35 per cento della popolazione in Israele vuole vedere una trattativa che preveda il blocco della guerra per smantellare Hamas. Hamas è sul confine della sua distruzione, ma Sinwar gioca le ultime carte che gli fanno sperare di non dover lasciare come retaggio la shahada, di martirio per l’Islam, ma anche di afferrare un lembo del gioco del potere. Dunque: per Israele si parla di alcune settimane di intervallo, in cui Sinwar compirebbe vari tipi di rilascio (cittadini, soldatesse, soldati, cadaveri) in cambio di un numero esorbitante di terroristi incarcerati. Fin qui Israele forse ci starebbe, anche se ha pessima esperienza con le migliaia di terroristi liberati in altre occasioni, ma Sinwar vorrebbe anche, sembra, i terroristi della Nukba, quelli che interrogati della polizia spiegano che hanno bruciato bambini, stuprato e ucciso perché così gli hanno ordinato, o perché gli davano 10mila shekel e un appartamento. Questo per Netanyahu non è facile, ma forse è superabile. Tuttavia, Sinwar adesso chiede di rendere l’interruzione pari, sempre “sembra”, a una “Hudna” tregua, di dieci anni che renderebbe impossibile la ripresa della guerra; e chiede che Israele si impegni per quello che chiama uno “Stato palestinese” con Hamas alla testa. Cioè di restare al potere. Sono condizioni impossibili per un Paese che non può conservare il terribile nemico deciso a seguitare a uccidere e a conquistare definitivamente anche l’West Bank. È una guerra di sopravvivenza. Le immense contraddizioni che attraversano queste giornate dimostrano quanto poco si capisca e si preveda di questa crisi che ormai è un gomitolo che sta avvolgendo il mondo intero. Probabilmente la richiesta di uno Stato palestinese alla fine di tutta la vicenda è una specie di funambolica “captatio benevolentiae” rivolta a Biden: Blinken ha chiesto al Dipartimento di Stato una proposta per “uno stato palestinese demilitarizzato”, Biden mostrerebbe così di guardare a un futuro pacifista. Gli USA potrebbero non vietare una proposta che un volenteroso può fare all’ONU al Consiglio di Sicurezza: questo non faciliterebbe tuttavia l'inconsistenza di una speranza basata sulla Autorità nazionale palestinese corrotta e ideologizzata sui canoni dell’antisemitismo identico a quello di Hamas. È per questo che fa pensare il viaggio del Ministro per gli affari strategici Ron Dermer, da Israele alla Casa Bianca in questi giorni: indica che insieme ai rapiti si discute il futuro della Striscia, e con la proposta americana sui palestinesi anche la chiamata in causa dei vecchi alleati dei patti di Abramo, e l’Arabia Saudita che ha promesso di impegnarsi. In questi termini il tema sarebbe più plausibile per Israele, senza evitare il tema del controllo di sicurezza israeliano completo per un certo periodo. Dallo svolgersi della guerra, si sa per certo che Sinwar se la passa male, che sottoterra a Khan Yunes sente il rombo dei carri armati e delle esplosioni, mentre i suoi a Gaza urlano per le strade che lui è un vigliacco che “mangia carne mentre loro digiunano”. Israele va lenta nella guerra perché teme per gli ostaggi sottoterra, ma quanto più cresce la presenza militare, tanto più Sinwar ha una ragione per fermare i tank almeno qualche settimana. Troppa guerra, però può spingerlo a uccidere ancora. La nebbia è fitta.

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT