mercoledi` 17 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
24.01.2024 La strage dei soldati israeliani. Hamas: no alla tregua di 2 mesi
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 24 gennaio 2024
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La strage dei soldati israeliani. Hamas: no alla tregua di 2 mesi»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 24/01/2024 a pag.12 il commento di Fiamma Nirenstein con il titolo: "La strage dei soldati israeliani. Hamas: no alla tregua di 2 mesi"

Fiamma Nirenstein
Fiamma Nirenstein


Le foto dei soldati israeliani caduti per difendere la democrazia

Israele ha subito l’incidente più mortale dall’inizio della guerra, con 24 uccisi di cui 21 in un’esplosione causata da due missili da spalla che hanno colpito le grandi cariche di tritolo che hanno in parte ferito direttamente, in parte causato il crollo di due edifici che hanno travolto i soldati dell’unità 261. Due sono invece stati uccisi nel loro tank. È stato travolto dallo scoppio un grande gruppo, formato da giovani e meno giovani delle riserve, figli, padri, mariti. Il più giovane era Nicolas Berger di 22 anni, di Gerusalemme, il più vecchio Shay Biton Hayun di 40 anni, di Zicron Yaakov, vicino a Haifa. L’elenco degli uccisi è una tragica carta geografica di tutta Israele, da Tel Aviv (Cedrick Garin 23 anni,) a Elkana Yehuda Sfez,25 anni, nei territori, a Kyriat Arba. Piange tutta Israele da Pardes Hanna-Karkur un’elegante cittadina residenziale al centro, a Rosh Haayn all’estremo nord ad Alon Shvut in Cisgiordania. Guardando una mappa di tutti i caduti, si vede che la vita del Paese piccolo e comunitario è crivellata ovunque dalla strage dei 219 soldati uccisi in una delle più difficili guerre mai combattute, dalle migliaia di feriti e mutilati causati dal lunghissimo combattimento sopra e sotto la terra, in un terreno organizzato da Hamas non per la vita della gente ma per essere la fortezza di una delle organizzazioni terroriste più forti e organizzate del mondo. L’ origine degli uccisi, disegna una mappa esatta: laici e religiosi, con radici nei Paese arabi e negli USA, molti in servizio dal primo giorno di guerra, quasi tutti con bambini piccoli a casa, un lavoro nell’high tech, nella scienza, comandanti e soldati semplici, determinati a combattere fino in fondo una guerra di necessità. Ieri i soldati sul campo pregavano la folla israeliana di non scoraggiarsi e di restare uniti dietro lo sforzo attuale, a Khan Yunis, di scovare e sconfiggere Sinwar. Questo è lo spirito del momento. Alla strage di ieri Israele cerca di rispondere con l’arma della fantastica resilienza che l’ha sempre salvata durante guerre impossibili come quella del '73 o la seconda Intifada, e che l’ha guidata in imprese come quella di Entebbe. Netanyahu, Gantz e Gallant si sono presentati tutti insieme solo per testimoniare sofferenza e impegno a combattere fino in fondo. Il capo di Stato maggiore Herzi Halevi ha fatto lo stesso. I concetti sono identici: combattiamo una guerra indispensabile, Gaza deve essere sgomberata da Hamas perché Israele possa vivere, indaghiamo l’accaduto perché non si ripeta. Meno che mai, nonostante bruci l’impegno verso i rapiti, si sente parlare di cessare dalla guerra. Nessuno, né a destra né a sinistra avanza questa prospettiva. Il disegno di Netanyahu per uno scambio con due mesi di intervallo e lo scambio di prigionieri palestinesi (ora si parla anche di quelli della Nukba) con tutti gli ostaggi, pare sia stato rifiutato da Hamas. Ma tutto può cambiare: Hamas festeggia il colpo inferto, ma sottovaluta il contraccolpo. L’esercito, all’attacco nel sud, ha quasi interamente circondato Khan Yunes, combatte più deciso, lo scopo è una sconfitta sia simbolica che pratica della patria e della centrale operativa di Sinwar. Non si dice, ma il sottinteso è sempre qualche speranza di raggiungerlo, e di salvare i rapiti. Se si guarda dove è accaduto il disastro, la cartina mostra un luogo di confine a millimetri dai kibbutz della strage, Be’eri, Kfar Aza, Kissufim, accanto dall’area di Re’im dove furono sterminati i giovani di “Nova”. I soldati creavano sul terreno di confine una zona vuota, visibile da ogni parte, così che da dentro Gaza non sia di nuovo possibile entrare e uccidere. Mentre Israele promette di continuare la battaglia, si insiste da parte americana di nuovo per una “pausa umanitaria” e cinque paesi arabi si stanno occupando, si dice, di cercare un impegno Saudita che spinga avanti la soluzione palestinese. Possibile: ma prima di tutto, da Gerusalemme si vede un Paese innanzitutto deciso a non abbandonare la necessità primaria della guerra: distruggere Hamas.

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT