mercoledi` 17 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
23.01.2024 Il pressing mondiale e la resistenza di Bibi
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 23 gennaio 2024
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Il pressing mondiale e la resistenza di Bibi»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 23/01/2024 a pag.12 il commento di Fiamma Nirenstein con il titolo: "Il pressing mondiale e la resistenza di Bibi"

Fiamma Nirenstein
Fiamma Nirenstein


Biden e Netanyahu, fortemente alleati ma altrettanto fortemente distanti

Dopo essersi trincerato dietro un “no” all’interruzione della guerra risuonato nel mondo intero insieme alla decisa contrapposizione a un futuro stato palestinese a Gaza, adesso le cose sembrano muoversi. La pressione è forte, la battaglia Gaza infuria. Benjamin Netanyahu dopo una telefonata con Joe Biden e dopo una complicata proposta in tre fasi e 90 giorni, riportata dal Wall Street Journal, parlando delle pressioni internazionali verso un’interruzione della guerra e la previsione del futuro di Gaza in mano dell’Autorità Palestinese, aveva dichiarato seccamente: “Continuiamo la guerra su tutti i fronti e i settori, non daremo immunità ai terroristi, chi ci mette in pericolo sarà in pericolo… e mentre lavoro 24 ore al giorno al ritorno dei rapiti, ribadisco la mia decisione per la capitolazione di Hamas. Non c’è sostituto per la vittoria… e ho ripetuto al presidente Biden che quando avremo ottenuto la vittoria… non ci sarà al posto di Hamas al governo un’entità che finanza il terrorismo, educa al terrorismo e ci manda terroristi…”. Insomma, un’allusione alla politica dell’AP di stipendiare i terroristi, di aver mancato la condanna del 7 ottobre, di usare le scuole per incitare contro Israele, di avere oggi un’opinione pubblica sostiene Hamas all’80 per cento. Ma per Biden, con cui comunque Bibi ha concordato un aumento degli aiuti umanitari,  e anche per l’Unione Europea, che si è risentita ieri in toni ultimativi e stranamente intrusivi (Borrel ha detto “Se non c’è accordo la comunità internazionale dovrà imporlo”; e i ministri degli esteri dell’UE riuniti hanno dichiarato che uno Stato Palestinese è una necessità cui Israele deve piegarsi),le questioni legate a Israele sono due: una è la guerra, con i tunnel, il gran numero di feriti e uccisi, il terrorismo genocida di Sinwar dietro lo scudo umano della sua popolazione, e l’altra è Netanyahu, che è sempre di per sé un oggetto di particolare attenzione, di biasimo e impazienza internazionale. La sua lunga permanenza al potere, la responsabilità istituzionale enorme dal giorno stesso della tragedia, il fatto che al suo governo sia associato un partitino di estrema destra religiosa, è diventato il comma di una critica a una guerra lenta. Il movimento che gli chiede di accettare qualsiasi accordo pur di riavere i 132 a casa è spesso anche politico. A questo, va sommato il fatto che di Israele ogni istituzione internazionale, l’ONU, l’UE, fa un suo specifico obiettivo, e spesso applica criteri sbrigativi anche in situazioni difficili come questa. Ieri Netanyahu, dopo giornate di assedio e anche di disperazione furiosa delle famiglie che hanno assediato la sua casa e anche interrotto urlando una riunione della commissione finanze della Knesset, ha parlato in maniera misteriosa ma significativa di un’iniziativa per i rapiti di Israele stessa che cancellerebbe quelle che lui ritiene le proposte bugiarde e irrilevanti di Hamas. In che cosa consiste? Non possiamo saperlo, ma da quello che accade in queste ore si capisce che si tratta della strategia rischiosa ma possibile che nella zona di Khan Yunes ha rafforzato l’esercito con tre divisioni in movimento, una cinquantina di armati di Hamas uccisi in battaglia, la continua scoperta con relative analisi dei reperti di chilometri di gallerie nel cuore dell’area dove Sinwar regna. L’ipotesi che circola è che Hamas è più debole, spara meno missili, Ismail Haniyeh da Doha non ha più contatto con Sinwar il suo generale. Questo, si può pensare, deve condurre a sorprese sia militari e forse a eventuali accordi. Se così fosse, Netanyahu, che ha messo tutta la sua forza nel dimostrare che la guerra si può vincere ritrovando gli ostaggi, si vedrebbe rafforzato strategicamente. Oggi le rotture politiche sono contenute a stento: per esempio Gabi Eisenkot, che ha perso un figlio in guerra, ex capo di stato maggiore, è come Benny Gantz un antagonista politico. D’altra parte, però come tutta Israele, senza destra né sinistra, non accetterebbe di fermare la guerra se non con garanti e intervalli molto circostanziati. La guerra è di sopravvivenza per tutti; la questione dell’Autorità Nazionale Palestinese, è lontana da venire.

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT