venerdi 23 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
08.12.2023 Gli assassini in ginocchio, il figlio del ministro caduto, ma Israele si chiede perché tanto antisemitismo
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 08 dicembre 2023
Pagina: 5
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Gli assassini in ginocchio, il figlio del ministro caduto, ma Israele si chiede perché tanto antisemitismo»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 08/12/2023 il commento
di Fiamma Nirenstein con il titolo: "Gli assassini in ginocchio, il figlio del ministro caduto, ma Israele si chiede perché tanto antisemitismo". 

Fiamma Nirenstein
Fiamma Nirenstein
Slogan che incitano al genocidio
Slogan che incitano al genocidio

Due mesi, 62 giorni di guerra, giovani medici, autisti, avvocati ora tutti in divisa che non hanno più rivisto la famiglia dal 7 di ottobre, 186 ostaggi ancora in mano di Hamas, anche ieri 3 soldati uccisi fra cui il figlio venticinquenne di un membro del gabinetto, Gabi Eisenkot, e finalmente lo spettacolo di uomini in fila, un gruppo che si è consegnato ieri, una schiera che era probabilmente parte della “nukba”, la banda di assassini, ed eccoli con le mani legate proprio a Khan Yunes dove Sinwar si nasconde sotto terra. La voce internazionale spinge Israele fuori da Gaza, fa sentire il suo desiderio di tornare all’illusione di una tregua; ma dall’altra parte, nello Stato d’Israele, è sempre più forte la determinazione a vincere, in una situazione di necessità e con uno spirito di unità sconosciuto da anni in questo Paese dove si scontrano sempre laici e religiosi, ashkenaziti e sefarditi.
I prati intorno ai kibbutz del sud ricominciano a mostrare qualche colore sotto il nero e il grigio del fuoco dei terroristi. Qualche abitante ieri frugava a Be’eri fra le masserizie distrutte per recuperare il Lego che il figlio aspetta all’Hotel sul Mar Morto. Due mesi e due domande fondamentali occupano l’orizzonte. Quel giorno il sole illuminava i kibbutz del sud fiore del movimento ecologico e democratico sul bordo di Gaza, e alle 6,30 sono arrivati i pickup bianchi e le motociclette da Gaza. Qui è la prima domanda. Gli zombie con una folla di aiutanti, infilatisi dietro di loro dalle reti e dalle mura sfondate, hanno ucciso, fatto a pezzi, bruciato, violentato oltre ogni misura dell’immaginabile. I bambini sono stati uno degli obiettivi favoriti, e anche le ragazze e i ragazzi che ballavano a una festa trans là vicino. La strage programmata, filmata dai terroristi stessi, disegnata con i suoi orrori senza precedenti da ordini precisi ritrovati scritti o confessati dai prigionieri, rende faticoso chiamare solo terroristi gli uomini di Sinwar, perché Hamas è al di là dell’Isis o di Al Qaeda: si è trattato di più di esseri provenienti da un mondo sconosciuto, e questa è stata la prima sorpresa accompagnata dalla mancanza di qualsiasi allarme. Ancora tutti si chiedono come mai siano stati ignorato i segnali che pure erano chiari, numerosi, persino presentati a chi poteva decidere di agire.
Come si è potuto ignorare una tempesta di odio senza confini ben armata, organizzata, programmata nei particolari con molteplici incontri internazionali? Eppure è accaduto, e a differenza della guerra del Kippur quando Kissinger chiese a Golda Meir di non avviare il reclutamento delle riserve per non contrariare gli arabi, stavolta la spinta è stata interiore, la fiducia presuntuosa nel “queta non movere”, fidando nella propria forza di dissuasione. La seconda domanda è altrettanto spaventosa: come è potuto succedere che invece di affiancare Israele nella lotta ai mostri che urlavano Yehud uccidendo, memori di ciò che gli ebrei hanno dovuto subire a causa dell’antisemitismo, si sia invece generata quasi subito un’ondata di odio antisemita senza precedenti nel dopoguerra?
 Proprio ieri un’indagine del Wall Street Journal verificava che degli studenti che urlano “From the river to the sea Palestine will be free”, ovvero un genocidio spazzerà via Israele dal Giordano al Mediterraneo, solo il 47 per cento sanno fra che mare a che fiume gli ebrei dovrebbero sparire: qualcuno provava a dire il Nilo o l’Eufrate, i Caraibi, il Mar Morto, l’Oceano Atlantico… insomma il significato unico era la sparizione degli ebrei, un genocidio compiuto dai palestinesi, o da qualcun altro. Questo odio pregiudiziale è frutto dell’incontro fra la nuova presenza islamica in Occidente e il movimento figlio della Guerra Fredda oggi detto intersezionale, che fa di Israele uno stato imperialista e coloniale, un oppressore.
Quando a centinaia, le donne israeliane sono state sottoposte alla peggiore forma di violenza, lo stupro, seguita spesso dall’omicidio, le organizzazioni internazionali e i gruppi femministi hanno seguitato a discriminarne la verità e le testimonianze e persino l’immagine: l’hashtag “#MeToo if I am not a jew”, #MeToo se non sei ebrea. Una forma estrema di antisemitismo, come quella di tre presidenti delle più eleganti università americane, membri delle Ivy league, richieste a un’audizione del Congresso se fosse legittimo nelle manifestazioni chiedere il genocidio degli ebrei, hanno risposto: “Dipende dal contesto”. È un odio antisemita; è quello per cui Hamas grida “Yehud Yehud” uccidendo. È successo. Può succedere ancora. La guerra di Israele e degli ebrei dal 7 di ottobre è guerra dura. 

Per inviare la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT