giovedi` 22 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
30.11.2023 Combatteremo fino alla fine, le ragioni di Netanyahu contro le ambizioni di Sinwar e la tregua lunga e pericolosa
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 30 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Combatteremo fino alla fine, le ragioni di Netanyahu contro le ambizioni di Sinwar e la tregua lunga e pericolosa»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 30/11/2023 l'analisi di Fiamma Nirenstein con il titolo "Combatteremo fino alla fine, le ragioni di Netanyahu contro le ambizioni di Sinwar e la tregua lunga e pericolosa".

Fiamma Nirenstein, vita e passioni della prossima ambasciatrice di Israele  in Italia - Formiche.net
Fiamma Nirenstein

Al 54esimo giorno di guerra Israele sembra essersi innervosita parecchio alla pubblicità dell’ipotesi ripetuta all’infinito sui media di uno scambio “tutti contro tutti” accompagnato dalla possibilità di una tregua a tempo indefinito e dall’impegno a risparmiare i capi di Hamas, specie Sinwar e Mohammed Deif. Mentre ieri si preparava infatti il sesto rilascio dopo 61 ostaggi e 150 palestinesi, cioè dieci israeliani più due israeliane con passaporto russo e si rendeva nota la possibilità non solo di altri due giorni sempre così formulati con uno scambio col triplo di palestinesi, ma di una prosecuzione forse di dieci giorni, forse a lungo termine, l’idea disegnava una conclusione in cui Hamas di fatto veniva tenuta buona con una demilitarizzazione sostanziale della Striscia mentre lentamente i più di duecentomila soldati delle riserve, ora dislocati nel nord, avrebbero dovuto di fatto iniziare un ritiro, e restare congelati. Un’ipotesi aggravata dal fatto che Hamas, come ha fatto martedì per tre volte, gli spara addosso impunemente. Ora sono stati feriti, domani potrebbero essere un morto in più sulla già lunga lista di 50 perduti in questa guerra, dopo il 7 di ottobre. È stato quando questa ipotesi cominciava, nel pomeriggio, ad apparire anche come una fonte di discussione politica che Netanyahu ha parlato alla tv: “Mi hanno chiesto se tornerò a combattere dopo questo stadio di ritorno degli ostaggi, e la risposta e inequivoca, non esiste al mondo che io non torni a combattere fino alla fine. Ho tre scopi, distruggere Hamas, il ritorno degli ostaggi, la liberazione definitiva di Gaza”. Questo significa prima di tutto fare piazza pulita dell’idea “tutti contro tutti” ripetuta ieri all’infinito come si dice vorrebbe Sinwar: 8000 palestinesi fuori, persino gli assassini dei pick-up che hanno compiuto la mostruosa strage del 7 di ottobre; accettare qualsiasi tregua di media o lunga durata, significherebbe dare la possibilità a Hamas di riposare, ricostruire i depositi di armi, le riserve di cibo, medicine, benzina; vorrebbe dire creare nel Medio Oriente l’idea che Israele è debole, non è più capace, con l’esercito migliore e con la morale più forte, di recuperare la deterrenza che aveva prima del 7 ottobre. Se Israele non torna in tempi brevi e vittoriosamente a combattere avrà duecentomila soldati delle riserve sul terreno dopo che hanno lasciato il lavoro e le famiglie per combattere; al Nord, fra le rovine, Hamas ancora controlla gallerie e rifugi da cui nei giorni scorsi sono stati mandati fuori bambini e donne israeliani. Hamas vuole tornare al potere con cui il 6 di ottobre ha preparato l’attacco, e prepararne ancora. Gode dell’entusiasmo oltre che dell’aiuto dei grandi alleati che disegnano dalla Russia all’Iran una fascia di protezione. In loro Sinwar vede la sua assicurazione sulla vita. Khamenei in un solenne indirizzo ai Basiji ha dichiarato che “Hamas ha cambiato il panorama geopolitico a favore dell’asse della resistenza promuovendo la deamericanizzazione dell’area”. Un ruolo strategico. E un regalo che l’ONU sembra condividere quando il voto dell’assemblea dell’ONU destina a Assad, altro amico di Hamas, il Golan, disegnando un’eventuale ulteriore strage in cui Assad è esperto; e anche Josep Borrel ha tenuto un discorso all’Unione Europea che, in un incredibile mucchio di frasi stantie, ha anche paragonato più volte la violenza del 7 novembre all’autodifesa di Israele. Sinwar muove tutte le sue pedine per rilanciare sempre più in largo perché conta anche sul fatto che Israele ha sviluppato nei confronti delle famiglie dei rapiti un enorme senso di responsabilità; li conosce e li difende uno ad uno, ed è dubbio se quando i giochi di Sinwar si faranno troppo pesanti, puntando specie sui soldati nelle sue mani, Israele saprà reagire. Pure il popolo ebraico è consapevole, specie dal 7 di ottobre, di dovere innanzitutto difendere la sua esistenza e il suo significato di scudo di difesa. difendendo sé stesso e tutta la civiltà cui appartiene. Certo è pieno di amore, ma anche di soldati ben preparati che non vogliono più vedere le case, le città, esposte all’intenzione genocida di Hamas.

Per inviare la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT