sabato 02 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
24.11.2023 Posticipi, rilanci e dubbi. È l'ultima tortura jihadista
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 24 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Posticipi, rilanci e dubbi. È l'ultima tortura jihadista»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 24/11/2023 l'analisi di Fiamma Nirenstein con il titolo "Posticipi, rilanci e dubbi. È l'ultima tortura jihadista".

Fiamma Nirenstein, vita e passioni della prossima ambasciatrice di Israele  in Italia - Formiche.net
Fiamma Nirenstein

La tregua tra Hamas e Israele comincerà venerdì mattina - Il Post

In arabo, dice Harold Rhode che ha lavorato molti anni al Pentagono come esperto del mondo islamico, si chiama “shamatah”, un concetto che esprime lo speciale piacere che deriva dal vedere un altro essere umano soffrire. Hamas ne sa qualcosa, il suo gioco non conosce limiti: dopo il pogrom del 7 di ottobre che aveva lo scopo preciso di gettare in uno stato di shock e lutto mai conosciuto prima lo Stato Ebraico, adesso pizzica con sadismo tutte le corde di una società occidentale che è forte militarmente, ma molto fragile nella sua concezione degli affetti e nella sua aspirazione alla pace. Ama la vita quanto Hamas ama la morte, come dicono loro stessi. Il gioco psicologico è durissimo. Israele in queste ore vive un’altra fase di attesa come quella che nelle ore della sera di mercoledì, a tarda notte ha portato alle lacrime ogni famiglia in agonica attesa degli ostaggi, da quelle dei bambini di pochi mesi a quelle dei vecchi nonni. Adesso, mentre l’ironia della storia lo travestiva da diplomatico dai modi cortesi, il portavoce del Qatar, mallevadore dell’accordo e migliore amico di Hamas, di fronte alle famiglie che aspettano i loro cari e a tutta Israele, ha disegnato il nuovo momento della liberazione di 13 dei suoi, donne e bambini, dice Hamas, contro lo stesso numero moltiplicato per tre di detenuti palestinesi, per quattro giorni. Il vecchio accordo, si è detto, forse è saltato perché Hamas ha rifiutato a Israele che la Croce Rossa possa visitare tutti gli ostaggi. Ma l’uomo con la Kefia ben stirata ha anche consegnato un messaggio molto chiaro: dopo i 4 giorni stabiliti, ha detto, se vorrete andremo avanti fino a un cessate il fuoco definitivo. Il sottinteso: così Hamas resterà a Gaza, e non verrà distrutto. Queste alternative disegnano per Israele grandi difficoltà, drammatiche scelte. Su oggi, Israele è cauta, contratta: alle 7 col cessate il fuoco, dopo i camion pieni di benzina e di generi vari al nord e al sud della Striscia, si aspettano i bambini a Rafiah. Ma sarà poi vero? Tutto andrà come stabilito? Alle 4 verranno consegnati i cittadini?  I loro nomi, noti da molte ore, pure per prudenza restano segreti. Qualcuno teme addirittura che Hamas abbia dato una lista fasulla e che il precedente stop sia stato programmato. Potrebbe esserci un nuovo inciampo fatale in programma. Tutte le famiglie, anche quelle non in lista, hanno ricevuto un messaggio che dice quale sia la loro sorte, e prega di non credere alle fake news. Il gioco dei nomi ha tormentato il paese con sussurri e grida. Dopo i 50 prigionieri, forse gli scambi continueranno: ma la guerra non verrà fermata, solo interrotta, ripete la leadership israeliana. Nessuno desidera fermare l’esercito: tuttavia i soldati adesso resteranno nella Striscia per un tempo imprevisto, potranno rompere la tregua solo in immediato pericolo di vita, e saranno molto più fragili di fronte alla possibilità, che come ha fatto durante altre tregue, Hamas approfitti per tentare di colpire, rapire, fare esplodere la situazione se gli conviene, sempre fidando sugli ostaggi nelle sue mani come elemento di deterrenza. Da una parte quindi Israele è preoccupato di dovere contenere le trappole di Hamas, e dall’altra di non cadere in una tregua indefinita. Israele sa che deve concludere la guerra con l’eliminazione di Hamas. Sa che anche Biden spingerà per ottenere una situazione di pace. Sa che l’Europa lo farà. Non capiscono che sono in pericolo se, dall’Iran a Hamas, agli Houthi agli Hezbollah, non si ristabilisce una situazione di deterrenza contro il terrorismo che parte da Gaza.

Per inviare al la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT