lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
22.11.2023 Israele accetta lo scambio che strappa i bambini ad Hamas
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 22 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Israele accetta lo scambio che strappa i bambini ad Hamas»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 22/11/2023 l'analisi di Fiamma Nirenstein con il titolo "Israele accetta lo scambio che strappa i bambini ad Hamas".

Fiamma Nirenstein, vita e passioni della prossima ambasciatrice di Israele  in Italia - Formiche.net
Fiamma Nirenstein

Il popolo d’Israele adesso può finalmente aspettare a casa la piccola Avigail Idan, tre anni e mezzo: la vede già, nell’immaginazione, con gli altri bambini, fuori delle rovine di Gaza. Cammina verso ciò che le è rimasto in questo mondo ma non sono i suoi genitori: davanti ai suoi occhi, quel sette di ottobre sono stati trucidati da Hamas. Tuttavia forse verrà a casa, e sarà abbracciata. Donne e bambini, secondo l’accordo, saranno 50 contro 150 palestinesi: gli israeliani saranno in gruppi di dieci-dodici distribuiti su 4 giorni di tregua, in cui Hamas riceverà in cambio i suoi donne e ragazzi in prigione (giovani terroristi, in sostanza), benzina, cibo, e soprattutto tempo per riorganizzarsi, fuggire, sistemare i missili e gli esplosivi. Gli ostaggi saranno l’ombra di ciò che erano, stupefatti, malati, stanchi, forse per sempre feriti nel corpo e nella mente, specie i più piccini. Non è chiaro se i figli e le mamme saranno insieme quando escono dalle mani di Hamas, 210 dicono loro, e 30 in quelle della Jihad Islam. Già Sinwar intorbida le acque fa sapere che di alcuni non si sa dove siano, chissà dove sono andarti a finire. Nel buio delle gallerie? Presso qualche banda di criminali complici della strage per divertimento e proventi? Affidati a famiglie adesso al sud? Ogni possibilità sarà una buona ragione per rimandare, imbrogliare, approfittare, Sinwar costruisce qui una storia infinita di promesse e imbrogli, per spezzare il morale di Israele e guadagnare tempo. Mentre Israele pensa uno ad uno ai volti dei propri cari, e già si contorce su chi sì e chi no, Sinwar già fa circolare un altro numero, 80 ostaggi, e quindi altri da scambiare dopo i 50 previsti per prolungare la tregua di giorno in giorno. Il suo calcolo prevede che lo scontro fra le famiglie dei rapiti su cui si tratta e quelli, come i soldati, che Hamas terrà fuori, metta Israele in uno stato di rottura e di pena fino a una crisi interna, capace di investire anche l’esercito, i ragazzi che combattono fianco a fianco sulla sabbia di Gaza. Il loro lavoro quotidiano è già costato 70 vite del fior fiore della gioventù israeliana, dopo la strage di più di 300 soldati nell’ambito dei 1400 uccisi il 7 ottobre: ma la loro determinazione a vincere insieme, ha travolto Hamas molto oltre le aspettative di Sinwar. Il piano era infliggere a Israele un colpo letale e riceverne in cambio soltanto una delle consuete sventole, un’operazione come quelle precedenti che avrebbe lasciato in piedi il regime dell’organizzazione terrorista peggiore dell’Isis. Non è andata così: la decisione strategica di Israele è stata quella di combattere fino in fondo una guerra indispensabile a sopravvivere. La comprensione dell’aut aut che un vicino come Hamas pone allo Stato Ebraico, la minaccia letale ha portato a occupare il nord della Striscia, scoperchiando e distruggendo il cuore della forza di Hamas, le gallerie sotto gli ospedali, gestendo con capacità la delicata operazione anche di fronte alle proteste internazionali, mentre Hamas faceva della gente un gigantesco scudo umano e Israele dimostrava che gli Ospedali erano la fortezza di Hamas. Hamas non se l’aspettava: l’Iran, il suo patron, ha dichiarato che con quella guerra non ha niente a che fare scioccato dall’accerchiamento degli amici in cui ha investito buona parte del suo sogno di distruggere Israele. Adesso, se Hamas immagina che dopo l’interruzione eventualmente prolungata fino a che ci saranno altri ostaggi da scambiare col tempo per rimettere in sesto i lanciamissili, Israele mollerà la presa e magari si avvierà a un cessate il fuoco definitivo. Non avverrà. Hamas non capisce Israele, lo immagina occidentale, morbido, spaccato. Dice che è innamorato della vita quanto gli shahid amano la morte: è vero. Ma sottovaluta la nuova unità, nata con lo Stato d’Israele e molto forte dopo il 7 di ottobre: la determinazione a combattere per la vita del popolo ebraico tante volte messa in forse dalle persecuzioni e dall’antisemitismo è totale. La guerra si interromperà forse giovedì per far tornare Avigail, ma durerà fino a quando SInwar non sarà sconfitto.   

Per inviare al la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT