martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
02.11.2023 Israele piange i caduti della Givati: Pedaya, Lavi e gli altri giovani eroi
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 02 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Israele piange i caduti della Givati: Pedaya, Lavi e gli altri giovani eroi»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 02/11/2023 l'analisi di Fiamma Nirenstein con il titolo "Israele piange i caduti della Givati: Pedaya, Lavi e gli altri giovani eroi".

Fiamma Nirenstein, Autore presso Fondazione Luigi Einaudi
Fiamma Nirenstein

“Forza bambino, ringraziamo il Cielo, sei forte ce la farai”. Invece lui tutto pesto, con un occhio gonfio, piange senza rumore, è ancora piccolo nel luglio 2016, si appoggia al fratello che arriva di corsa sulla strada su cui di traverso si vede la macchina del padre. Il piccolo si chiama Pedaya Mark, figlio di un rabbino, Miky, che è appena stato ucciso sulla strada vicino a Hebron. La madre giace gravemente ferita, e anche la sorella Teillah appena più grande di lui, sanguina. Lui le ha parlato per tenerla in vita finché sono arrivati i soccorsi; sempre lui, ha trovato il telefono e chiamato l’ambulanza. Un bambino dolce e diretto, e appena ieri bel ragazzo di ventidue anni, con i riccioli laterali e una continua propensione al sorriso, è stato ucciso a Gaza con altri 15 ragazzi, per la maggior parte del suo gruppo, i mitologici GIvati. Era il secondo luogotenente del battaglione. Pedaya che nella notte prima di mercoledì è stato ucciso in battaglia ha vissuto sempre nel vento di tempesta dello scontro con i terroristi. Suo zio Elhanan è stato ucciso correndo a battersi contro i terroristi il 7 di ottobre. Una famiglia di eroi d’Israele, caduto perché il suo mezzo corrazzato, un Namer (tigre), avventuratosi fra gli edifici nelle vicinanze di Gaza città, nel nord della Striscia e stato colpito da un proiettile anti-tank. 

Swearing-in Ceremony of the Givati Brigade | Our Givati sold… | Flickr

I soldati uccisi ieri sono stati 16, un numero che testimonio la grande difficoltà del lento avanzare delle truppe israeliane nella trappola di Gaza, un meandro urbano costruito solo per fare la guerra, in cui ogni casa, ospedale, scuola, ospita le armi e gli uomini di Hamas, ogni cittadino al piano inferiore o superiore è uno scudo umano. I genitori dei ragazzi in guerra, in questo Paese postmoderno, in cui per legge si attraversa per la mano fino all’età di nove anni e i bambini sono principi, dal momento che i figli partono non vivono più, ogni macchina che arriva di fronte alla loro porta, ogni campanello che suona, la tensione raggiunge il diapason. E tuttavia prevale la sicurezza, più di sempre, che questa guerra è necessaria, che le belve non devono restare sulle porte del Paese perché possa vivere, che i cittadini sfollati devono tornare a casa. La concordia è forte, non c’è posto per il pacifismo. Nella battaglia sul campo, i terroristi, i missili, sono in agguato, i terroristi preparano lo scontro dal 2005.  I Givati sono incredibili combattenti, fanteria di prima classe, che conosce il terreno di Gaza metro per metro. Pedaya nel 2022 aveva detto che da quando suo padre era stato ucciso aveva capito quanto fosse importante essere un combattente. E così è stato fino all’ultimo: era su un mezzo corazzato colpito da un missile anti-tank coi suoi, e sono stati uccisi in 7; si deve immaginare un territorio semicostruito, in ogni costruzione può nascondersi un lanciamissili, sotto ogni edificio può sboccare la rete che i terroristi stessi hanno descritto, un meandro di 500 chilometri, un groviglio di trappole, armi, esplosivi, celle per gli ostaggi. Due altri soldati sono stati uccisi raggiunti da un missile mentre perquisivano un edificio, altri col tank su una bomba anticarro. Ognuno dei 16 ha una storia di ragazzo, di sogni, musica, scienza, tecnologia. L’inizio della vita. Sul primo, forse, a morire, Lavi Lipshitz, 20 anni, anche lui un Givati, bello come un attore, circola un video per una ragazza incontrata per caso: riassume l’incontro casuale rimasto nel cuore, alla fine si butta: “Are you free thursday night?”, “Sei libera giovedì sera?” scrive. Tutta Israele sa che Lavi non ha potuto andare all’appuntamento. Ma questa guerra segue l’inferno nazista del 7 ottobre, la gente d’Israele cerca di consolarsi: i soldati hanno verificato le abitazioni di una grande zona, hanno ripulito Jabalia da 500 terroristi, hanno identificato le posizioni militari da cui i terroristi sparano, hanno compiuto “incontrando significativa resistenza” operazioni in cui gli scambi a fuoco gli hanno dato un netto vantaggio. Hanno catturato o eliminato molti responsabili del 7 ottobre. Di Sinwar, l’inventore del sabato nero, si dice che si aggiri come Hitler nel bunker, disegnando morte prima di tutto per il suo popolo.         

Per inviare al la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT