lunedi` 22 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
13.06.2023 Con Berlusconi è cambiata la politica dell'Italia nei confronti di Israele
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 13 giugno 2023
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Con Berlusconi è cambiata la politica dell'Italia nei confronti di Israele»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 13/06/2023 l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: Silvio Berlusconi con Benjamin Netanyahu

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Su un piccolo aereo al seguito del più grande cambiamento della politica italiana verso Israele, accompagnai Berlusconi nel suo viaggio verso la Knesset nel febbraio del 2010. Incontrammo le felicitazioni di Netanyahu e di Shimon Peres: non c’era differenza politica nel riconoscere che Berlusconi era un europeo diverso, appassionato del popolo ebraico, rivoluzionario rispetto alla politica europea, sospettosa, filoaraba. Ero allora Vicepresidente della Commissione Esteri, nella breve vacanza dal mio lavoro di giornalista in cui sono stata membro del Parlamento Italiano. Berlusconi cambiava la storia. L’intervento che preparò lo rilesse prima Giuliano Ferrara, inventore di una grande manifestazione di entusiasmo per Israele e di rifiuto del tentativo di infangarla quando si trattava di difendersi; e poi la rilessi anche io, e se racconto in prima persona è perché oggi purtroppo è il giorno adatto a commuoversi ricordando un attore così importante e discusso della politica italiana. Sugli ebrei e il loro Stato, dopo decenni di giravolte sospette da parte della Democrazia Cristiana andreottiana, e dopo gli atteggiamenti filopalestinesi da Guerra Fredda della sinistra italiana, compreso Bettino Craxi che fece pagare a Israele il suo distacco dalla sinistra italiana, Berlusconi fu illuminato dalla sua posizione di conservatore liberale e atlantista, di imprenditore vilipeso dal moralismo socialista europeo. Con Israele Berlusconi fu se stesso, sapeva che gli ebrei erano nati là, che cosa avevano sofferto e che non avevano a che fare con nessuna accusa di colonialismo. La Knesset ascoltandolo aveva le lacrime agli occhi, finalmente un leader europeo fu capace di stabilire con precisione l’indispensabilità dello Stato Ebraico, la sua speranza che entrasse un giorno a far parte dell’Unione Europea (speranza con cui Marco Pannella insistette fino alla fine), la sua ammirazione:“Noi liberali vi ringraziamo per il fatto stesso di esistere” disse agli israeliani chiamandoli, come Giovanni Paolo, “fratelli maggiori”. E sottolineò come Israele risultasse intollerabile ai fanatici, e quindi ai terroristi di tutto il mondo, proprio perché dimostrava che “esiste una possibilità di far vivere la democrazia anche fuori dei confini dell’Occidente”. Berlusconi in quel viaggio e nella sua politica non si limitò a esclamazioni ma promise di ottenere “senza perdere tempo” e con “impegno quotidiano” “sanzioni contro l’Iran che vuole l’atomica per distruggerlo”. Questo era parlar chiaro. Berlusconi cambiò la strada dell’Italia invertendone la politica spinto dalla questione essenziale di un necessario fronte democratico e occidentale al tempo del terrorismo, e quindi decisamente filoamericano oltre che filoisraeliano. Il terreno di Ground zero brucia ancora, l’alleanza con Bush anche se complicata dal pacifismo del popolo italiano pure si mostrò come una evidente necessità che Berlusconi non voleva e non doveva ignorare. Il suo appoggio agli USA in guerra gli costò, come a Blair, la freddezza europea. Data l’ideologia liberal dell’UE, la perplessità sulla guerra dell’opinione pubblica, il rifiuto del Papa e del Presidente della Repubblica italiano, Berlusconi riuscì a mantenere comunque, anche nella terribile vicenda dei 18 uccisi di Nassirya, un atteggiamento forte e dignitoso: l’Italia aveva combattuto a livello mondiale la sua lotta contro il terrorismo. Bush, Aznar, Blair e anche Putin, furono allora compagni di strada. L’Italia di Berlusconi tentava strade europee proprie, che evitassero lo scontro con l’asse franco-tedesco ma ne fossero consapevoli; che nel mondo stringessero migliori patti con gli Stato Uniti anche sul terreno militare. Sgominare la prepotenza di Saddam Hussein e delle fonti di terrorismo, promuovendo la sicurezza del Medio Oriente con un profondo accordo con l’unica democrazia, Israele, gli apparve una strada naturale. Fu nel suo periodo che Gianfranco Fini, uomo della destra e presidente della Camera, impegnandosi a porre fine all’eredità ideologica antiebraica, compì una visita storica a Gerusalemme inginocchiandosi al Museo della Shoah, Yad va Shem. Berlusconi fu accolto durante il suo viaggio con stupore e amicizia: era il primo europeo che, pur andando a trovare Abu Mazen, ripetè la sua fede assoluta nella necessità che gli ebrei avessero il loro Stato. Certo, gli era importante una soluzione di pace, ma la pace non era il suo scopo primario: ci teneva di più alla vita degli ebrei, e ripeteva che dovevano difendersi. Ripeteva sovente, e ho l’onore di aver udito più volte questo racconto, come sua madre Rosa, avesse salvato a rischio della sua propria vita una ragazza ebrea in viaggio su un treno. Berlusconi amava raccontare, era un vulcano di idee, proposte... durante i miei 5 anni alla Camera ho potuto formare col suo consenso la prima Commissione contro l’antisemitismo mai avuta dal Parlamento e il primo Comitato Interparlamentare fra Camera e Knesset. Ascoltava, incitava a mettere in pratica le idee, correva via, passava ad altro, a volte raccontava prima di andarsene una delle sue barzellette. Io lo pregavo rispettosamente di evitare quelle sugli ebrei, anche se erano certo innocenti. Non mi dava retta.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT